Approvata la risoluzione Onu: "Israele si ritiri dai Territori"

Sàbado
13:33:43
Marzo
30 2002

Approvata la risoluzione Onu: "Israele si ritiri dai Territori"

View 133.9K

word 614 read time 3 minutes, 4 Seconds

NEW YORK - Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato la risoluzione 1042 che chiede il ritiro di Israele dai territori occupati. Anche gli Stati Uniti hanno votato a favore, con un deciso cambiamento di rotta per Washington, dopo che, ieri, il segretario di Stato americano Colin Powell aveva di fatto giustificato l’assedio deciso dal governo dello Stato ebraico al quartier generale di Ramallah del leader palestinese Yasser Arafat.

I negoziati però, dopo le cinque ore di dibattito a porte aperte della notte scorsa e la pausa di riflessione chiesta dagli Usa, continuano. La Siria, uno dei 15 membri dell’esecutivo del Palazzo di Vetro, chiede un testo più duro e incentrato sull’occupazione dei territori palestinesi catturati con la guerra del 1967.

"Distruggere l’Autorità nazionale palestinese non renderà più vicina la pace per Israele", ha dichiarato in apertura della sessione il segretario generale Kofi Annan. Allo stesso tempo, Annan ha chiesto ai palestinesi di fermare "gli orrendi attacchi" contro i civili israeliani perchè il terrorismo "non avvicinerà i palestinesi al raggiungimento, meritato, del diritto all’autodeterminazione".

Nel vertice convocato nella notte al Palazzo di vetro i quindici membri dell’esecutivo sono stati compatti nella decisione di chiedere al governo israeliano di ritirare i militari dalle città occupate e nel condannare allo stesso tempo gli attentati. Ma gli Stati Uniti avevano insistito sulla necessità di attribuire agli stessi "terroristi" palestinesi la responsabilità dell’aggravamento della crisi e su questo il Consiglio si era spaccato.

Gli Usa, però, non avevano chiuso la porta alle trattative e hanno valutato - e poi accettato - una proposta di risoluzione presentata dal presidente di turno, il norvegese Ole Peter Kolby, che sposa la linea dura contro Israele. Si tratta della seconda risoluzione in poco più di due settimane varata con l’appoggio Usa, dopo la richiesta alle parti di un cessate-il-fuoco approvata il 12 marzo.

l’ambasciatore americano James Cunningham, nel corso della discussione che ha visto l’intervento di oltre 30 esponenti di diversi Paesi, ha spiegato di non avere dubbi sulle cause del fallimento delle speranze di pace dovute agli sforzi diplomatici internazionali. "Siamo chiari sulle cause che hanno portato a un blocco di tutto questo: il terrorismo", ha spiegato, di cui sono responsabili coloro che "colpiscono civili innocenti con lo scopo esplicito di distruggere le speranze di pace". Ma facendo sue le parole pronunciate ieri da Powell, il rappresentante Usa ha invitato Sharon a "valutare con grande attenzione le conseguenze delle sue azioni".

Durissimi contro il governo dello Stato ebraico sono stati gli interventi dei rappresentanti dei Paesi arabi, a cominciare dall’esponente palestinese. "Quanto accade rappresenta l’inizio della distruzione dell’Autorità palestinese democraticamente eletta, dell’annientamento di Arafat e della nuova occupazione dei territori palestinesi", ha dichiarato Nasser al Kidwa. Ma Sharon si è imbarcato "in un'impresa folle" e qualunque danno arrecato ad Arafat "sarebbe la madre di tutti gli errori".

l’ambasciatore israeliano Yehuda Lancry, che ha voluto che la discussione si tenesse a porte aperte, ha ricordato che il responsabile dell’attentato di Netanya in cui mercoledì hanno perso la vita 22 persone era sulla lista nera del governo che aveva chiesto quattro anni fa ad Arafat di arrestarlo. Israele, ha assicurato Lancry, "non ha intenzione di occupare i territori sotto il controllo palestinese, ma di sradicare la rete terroristica che esiste in quelle zone e nel farlo continua a tendere la mano alla pace". Il governo, ha sostenuto ancora, nonostante gli attacchi della settimana scorsa aveva dimostrato "il massimo contenimento ed evitato di rispondere", ma "Israele non può camminare da solo sulla strada verso la cessazione delle violenze e la ripresa del dialogo politico".

Source by La_repubblica


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Approvat...erritori"