U.C.L., Mourinho: “Un sogno, non un’ossessione“

Mercoledì
00:35:44
Aprile
28 2010

U.C.L., Mourinho: “Un sogno, non un’ossessione“

View 132.2K

word 863 read time 4 minutes, 18 Seconds

BARCELLONA - “I giocatori sono liberi di dire quello che vogliono, non è un problema per me, ma commentare certe affermazioni è difficile, anche perché solo loro sanno che cosa vogliono dire. Mentre io sono qui solo per giocare“, esordisce così Josè Mourinho, nella conferenza stampa della vigilia di Barcellona-Inter, rispondendo alla prima domanda che gli viene posta, sul clima creato intorno a questa partita dai giocatori del Barcellona con le loro dichiarazioni.

Nella gara valida di domani, valida per il ritorno di semifinale di Uefa Champions League, che si giocherà domani al Camp Nou (calcio d’inizio ore 20.45), Mourinho annuncia che Sneijder sarà a disposizione: “Sneijder sta bene e giocherà . E lo rischierò, perché dobbiamo rischiare, anche se dopo arrivano delle gare molto importanti per noi in campionato. Il resto della formazione? Julio Cesar, Maicon, Lucio, Samuel, Zanetti, Cambiasso, Sneijder appunto, Eto’o e Milito“.

“Partiamo dal 3-1, ma ci ricordiamo che il risultato può cambiare in fretta. Quella di domani - prosegue Mourinho - è una semifinale, non una finale, come ho già detto nella vigilia d’andata. È una semifinale ma è diversa dall’andata, il ritorno è sempre più importante, perché poi non si gioca più, mentre dopo l’andata si gioca. Messi? È un giocatore che può segnare sempre. Marcature speciali per lui? Non abbiamo fatto e non faremo una marcatura individuale per lui, il nostro è un gioco di squadra, in attacco e in difesa, non ci preoccupiamo di un singolo giocatore“.

Inevitabile per Mourinho rispondere a ulteriori domande sul clamore intorno alla partita e sulle polemiche riguardanti l’arbitraggio: “Quello che ho detto oggi ai miei giocatori è che voglio aiutare l’arbitro, che voglio essere preoccupato solo di giocare a calcio. Se i giocatori del Barcellona faranno lo stesso, sarà facile per l’arbitro. A me non preoccupa l’arbitraggio, a me preoccupano i giocatori che vogliono complicare la vita dell’arbitro. Noi siamo qui per giocare, non per pensare all’arbitro. Io penso che un arbitro sia bravo quando i giocatori sono bravi. Dipende quindi dai giocatori, se non si buttano per terra, se non reclamano cartellini, se si comportano bene. A Piquè non rispondo perché ho troppo rispetto per suo nonno, un uomo splendido“, aggiunge l’allenatore nerazzurro, a cui viene poi chiesto se sia vera la voce di un ristorante in Portogallo in comproprietà tra lui e Benquerenca, arbitro dell’andata della semifinale, come scritto da alcuni giornali spagnoli: “Io non ho nessun ristorante con nessuno, non mi dedico al business, forse un ristorante ce l’ha Pep a Oslo...“.

“Abbiamo il sogno di giocare la finale di Champions, mentre per il Barcellona è un’ossessione. Per loro andare a Madrid a giocare una finale è un’ossessione. E c’è differenza tra sogno ed ossessione, il sogno è più puro. Per loro è anti-madridismo, una cosa che non riesco davvero a capire“.

L’allenatore nerazzurro prosegue poi nel parlare del suo avversario di domani: “Il Barcellona è una squadra top, con un allenatore top, con giocatori top, che ha una filosofia di gioco da tanti anni, ma si sa adattare alle situazioni. Li abbiamo visti giocare in tanti modi diversi, ma noi siamo pronti e la felicità nostra è che noi pensiamo soltanto a noi, e meno a chi abbiamo di fronte. Noi pensiamo a noi stessi, per questo non è un dramma per noi sapere chi gioca di loro“.

Inevitabile, nel rispondere alle domande dei cronisti, è quindi stato rievocare la gara di novembre, nel girone, in cui l’Inter è uscita sconfitta per 2-0: “Ricordo perfettamente la gara di novembre, quella di Barcellona, e ricordo anche la mia conferenza stampa dopo la gara, la più facile, perché ho semplicemente detto che noi non avevamo giocato, loro sì, che loro erano stati superiori e noi non eravamo riusciti a contrastarli. Una partita facile da commentare. Domani, ovviamente, con la crescita che la squadra ha avuto spero di commentare una partita diversa, come diversa è stata anche la gara dell’andata. Ci aspetta una bolgia? L’Inter risponderà giocando. Saranno 98mila fuori, ma 11 contro 11 in campo, più 4 arbitri, che speriamo risponderanno all’onore della partita. L’Inter sta bene, ovviamente ci sono squadre con cuore e sangue più fresco di noi che abbiamo giocato 60-70 gare, ma credo che per noi, per il Barcellona, per il Bayern e per il Lione sia un piacere essere qui ed essere stanchi per il fatto di essere qui. Ibrahimovic ottimista? Se fosse pessimista il suo allenatore non lo farebbe giocare, se un mio giocatore è pessimista non gioca“.

Si passa quindi a una domanda su Mario Balotelli, nella lista dei convocati di Mourinho: “Balotelli è qui per colpa di Stankovic, che pur essendo squalificato voleva venire, e allora ho detto che sarebbe venuto lui e sarebbero venuti quindi anche tutti gli altri“.

Infine chiusura sulla sfida nella sfida, quella tra Diego Milito e il fratello Gabriel: “Non è la prima volta che i fratelli Milito giocano uno contro l’altro, è già successo in Argentina e anche qui in Spagna, e credo che sia più difficile per i genitori e per la famiglia che per loro in campo“.

nella foto: APPIANO GENTILE - E in campo Wesley sorride come sempre

Source by Flashsport


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / U.C.L., ...ssione“
from: ladysilvia
by: UNI_ROMA
from: rockitalia
by: Rockitalia
from: flashsport
by: Flashsport