Ritorna Zemanlandia, la favola del calcio Italiano

Venerdì
20:45:01
Luglio
16 2010

Ritorna Zemanlandia, la favola del calcio Italiano

View 167.8K

word 909 read time 4 minutes, 32 Seconds

Foggia: Una squadra spettacolare, che cambiò la maniera di vivere il calcio in Italia, alla solita mentalità, tipicamente italiana di arrivare al risultato, bloccando le fonti del gioco avversario, e colpendo nei punti deboli, quello che il grande Gianni Brera chiamava il gioco femmina, si opponeva un calcio totalmente votato all’attacco, che non guardava chi aveva di fronte e che cercava di imporsi a tutti. Disse una volta Eugenio Fascetti "Il Foggia sembra che vuole andare all’attacco anche agli Stati Uniti d’America”.

Quella squadra votata sempre all’attacco, qualsiasi fosse il risultato, continuava a giocare per tutti i 90 minuti, che si giocasse in 11 o in 10 o in 9, capitò diverse volte, quella squadra continuava a giocare, che si vincesse 4a0 o si perdesse 4a0, continuava a giocare e costringeva l’avversario a giocare per tutti i 90 minuti, quello che poi dovrebbe essere il calcio, dal punto di vista dei tifosi.

"Non è una rimpatriata, ma una ripartenza.”Ha detto Peppino Pavone”Ma non siamo una minestra riscaldata, vogliamo solo riproporre il nostro calcio, quello tutto dattacco”, continua Pavone, Direttore sportivo del Foggia "Abbiamo lo stesso entusiasmo di ventanni fa e una responsabilità in più: quella di vincere questa nuova sfida nel calcio attuale” ”Bisogna pensare solo a fare un gol in più dellavversario”Diceva sempre Zeman, di quel Foggia dei miracoli c’erano due versioni, la prima quella dei Signori, Baiano, Rambaudi, in cui si possono ancora vedere su you tube gli spettacolari movimenti e incroci ad altissima velocità .L’altro Foggia, costruito l’anno dopo era ancora più miracoloso, affrontare il campionato di serie A con giocatori che provenivano da categorie inferiori dove i più esperti Seno e Di Biagio provenivano dalla C1 mentre gli altri provenivano dalla C2 e anche dall’interregionale e davano spettacolo in campo.

L’ex allenatore della nazionale francese Jacquet che vide a San Siro Milan Foggia, disse”E’ impossibile che questa squadra gioca insieme da 40 giorni ", riferendosi a quel Foggia.

Beppe Signori ha commentato così la notizia”Sono felice che a Fog­gia siano tornati Casillo, Zeman e Pa­vone. Si è ricomposto un trio vincen­te, è una notizia bellissima ...Credo che Casillo, Zeman e Pavone possano portare avanti un al­tro progetto affascinante. Sono felice, perché immagino già che lo stadio tornerà a riempirsi come nel periodo doro...Le sue squadre rega­lano regalare spettacolo e divertimen­to. Ho avuto tecnici importanti duran­te la mia carriera, ma sotto il profilo tattico il boemo è stato il migliore...Spero che il Foggia possa torna­re protagonista. La città merita visibi­lità e soddisfazioni: ha un rapporto speciale con il calcio e dopo un perio­do complicato ha finalmente la possi­bilità di progettare un futuro impor­tante ... Conosco Zeman e le sue qualità, sono felice che possa tornare a lavorare e a ri­prendersi lo spazio che gli era stato negato negli ultimi tempi...è attento a ogni dettaglio, studia e prova allinfinito certe solu­zioni tattiche. E un perfezionistaHa lan­ciato tanti ragazzi, è riuscito a forma­re molti giocatori di alto livello: Ze­man è nato per insegnare calcio. In Puglia ritroverà lambiente ideale per togliersi grandi soddisfazioni. Il mio Foggia era un piacere: corsa, velocità, divertimento, tanti gol. Ora lo aspetto di nuovo nelle categorie superiori.

Di Z
eman bisogna dire che non è soltanto un allenatore di calcio, ma è un maestro di vita,ha sempre insegnato ai suoi calciatori la lealtà, a misurarsi con l’altro cercando di migliorarsi, e di lavorare sui propri limiti,quelli che hanno avuto la fortuna di avere Zeman come allenatore, si sono gestiti bene anche a fine carriera, imparando la cultura del lavoro.

Anche nel rapporto con la tifoseria, Zeman ha interagito in termini positivi, è riuscito a trasformare una tifoseria esuberante e passionale come quella foggiana(Tutti sanno come sia difficile giocare allo Zaccheria) in una componente funzionale al progetto, dove spesso il tifo contro diventava solo ed esclusivamente tifo a favore, era un ambiente particolare ed unico.

Tra Casillo e Zeman fu amore a prima vista,il Presidente Casillo si innamorò di Zeman quando questi allenava il Licata, e fu subito un grande amore .Il vulcanico Casillo e il freddo Zeman soprannominato anche il muto entrarono in un rapporto di profonda amicizia .Quando riaprirono le frontiere della Repubblica dell’allora Cecoslovacchia Casillo mise a disposizione di Zeman il suo aereo per rivedere a distanza di molto tempo i suoi parenti.

Ma ora voglio raccontare un episodio di Casillo che pochi conoscono. Prima dell’inchiesta giudiziaria si recò in visita a dei ragazzi di una comunità terapeutica per il recupero di tossicodipendenti, dopo uno studio per conoscersi, i ragazzi si entusiasmarono alle parole di Casillo che li invitava a reagire, a ricominciare di nuovo con la vita, a un certo punto il Presidente si commosse, e non voleva più lasciarli quei ragazzi, li invitò tutti allo stadio per vedere la partita del Foggia .Dopo qualche giorno ci fu l’inchiesta giudiziaria e Casillo venne arrestato.

Ora con Casillo in carcere, dopo qualche giorno, un dipendente del Foggia calcio, venne in comunità, a portare magliette palloni e altri gadget.

Il Presidente Casillo, nonostante i suoi guai giudiziari e il fallimento del suo impero economico,non si dimenticò di quei ragazzi, che si commossero tutti all’idea, che Casillo si era ricordato di loro .

Source by Flashsport


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Ritorna ... Italiano
from: ladysilvia
by: Governo