Riflessione: L’UMANItà

Giovedì
00:49:14
Luglio
19 2007

Riflessione: L’UMANItà

View 159.6K

word 5.2K read time 26 minutes, 13 Seconds

L’Umanità attraversa una sorta di particolare accelerazione nell’evoluzione verso l’affrancarsi dalla materia-uomo per ritrovare lo Spirito che la anima; per riportare gli Individui nel Creatore.

E’ l’avventura degli Io-Spirito (Verbo-animato, il Principio -vangelo di Giovanni-) che dalla animazione hanno originato il concreto e nel concreto hanno dato luogo alla Natura vegetale e animale.
L’Io, Verbo-vibrazione, concretizzatosi si esprime in conformazioni cicliche: ciclo consecuzione di positivo-negativo.

Il ciclo universale è comprensivo delle conformazioni planetarie e di quanto la creatività degli Io, essenza di Verbo, origina nell’esercizio dell’arbitrio contenuto dell’animazione.
Gli Io che hanno inteso aggrupparsi in comune fattività si sono limitati in atomo costituendo la materia; gli Io singoli esercitano creatività usando gli atomi e hanno originato la natura vegetale e animale.

L’Universo è vibrazione: Verbo in concreto.
Verbo, parola-suono-vibrazione, ciclo.
Ciascuna forma del concreto evolve nei termini di ciclo: origine, apice positivo, declino, livello di origine, apice negativo, ripresa verso il livello di origine ...susseguire di cicli”¦
Cicli della materia; cicli della “natura” instaurate nella materia.

La materia, atomi nelle forme planetarie, atomi aggruppati in pianeta, evolve in cicli. Cicli di splendore e declino; cicli di riequilibrio degli arbitri esitati nell’esercizio della creatività per tornare all’origine: al Padre.
Cicli, che nel singolo pianeta trovano compimento nel Buco nero: la implosione del corpo celeste.
Nell’implosione di un astro le “particelle antimateria”, gli Io in materia confluiti nella conformazione dell’astro, dissolto l’involucro atomico, tornano allo stato di origine: Verbo.
(il fisico Carlo Rubbia, che li ha individuato nella disintegrazione dell’atomo, li ha denominate “particelle antimateria”)
(1) Il fenomeno del Buco nero è stato argomentato nel Libro “Creato Religioni Scienza”.

Nella natura, l’Io-Spirito ha elaborato l’animale Uomo, lo strumento che agevola la creatività nel concreto materia: l’Uomo, l’Umanità .
Nei cicli dell’Umanità ciascun Io in materia, ciascuna comunità , attraverso i millenni compie evoluzioni, anche in riferimento alle costellazioni di cui è partecipe e ai cicli planetari.
(l’Oroscopo, l’astrologia, la Cometa di natale, i Re magi)

Molto prima dell’archeologia originata dalla spedizione di Napoleone in Egitto gli Arabi avevano rilevato sulla Piramide di Keope il tempo delle costruzione, corrispondente alla congiunzione della costellazione della Lira con la costellazione del Cancro; calcolata in 73 mila anni avanti Cristo.
Nell’Impero Romano per coordinare il dominio dei territori occupati, dalla Scozia alla Persia, fu adottato il “Calendario Augusteo” come unico riferimento astrale: il ciclo della terra attorno al Sole calcolato in trecentosessantacinque giorni più sei ore e quindici minuti; il ciclo di rotazione (le ore sono recuperate nell’anno bisestile, i minuti nell’anno secolare).
Per riportare l’Equinozio al 21 Marzo il “calendario Gregoriano” ha recuperato i 12 giorni di sfasamento non corretti nei secoli trascorsi.
Simile necessità ha indotto il riferimento al Meridiano di Greenwih per coordinare la navigazione attorno alla terra, che ciascun navigatore riferiva alla costellazione dominante la zona.
Gaspare, Melchiorre e Baldassarre (i Re Magi, Maestri nello studio dei moti planetari, che nel coordinamento planetario relativo alla propria comunità avevano notato l’eccezionale Evento natalizio nella costellazione dei Pesci dominante la Galilea) avventuratisi nelle ricerca del Neonato per onorarlo si sono indirizzati al Governatore Romano della Galilea il quale ignaro, intendendo dall’impegno esternato trattarsi di Potenza ritenuta avversa a Divo Imperatore, li ha invitati a tornare e riferire perché anch’Egli potesse onorarlo. I Magi, avvertiti del rischio che Gesù avrebbe corso, hanno evitato di tornare a dire del luogo dove si trovava. (La Stella Cometa e la strage degli innocenti)

Oltre latitudini e longitudini planetarie e terrestri, nel cosmo l’Umanità percorre cicli di evoluzione in cui sono i minuti cicli relativi agli Io e alle Comunità componenti: ciclicità coordinate.
Per ragionare i rapporti di evoluzione globale del Pianeta e dei suoi abitatori è necessario tentare di razionalizzarne le origini e gli sviluppi di esistenza dello Spirito, del Verbo- animato.
Con l’animazione il Verbo ha assunto autonomia di Essenza: gli Io, capaci di agire e di animare, in autonomia creativa.
Nell’autonomia, degli Io hanno inteso aggrupparsi in comune fattività (atomi) e nella creatività in atomo hanno originato la materia che volteggia nell’Universo; Io singoli hanno inteso esprimere creatività concretizzando idee, elargendo animazione alla materia; all’atomo col quale hanno organizzato le forme molecolari e Cellulari: la natura in cui sono le forme vegetale e animale

L’animazione, elargita dall’Io alla materia, comporta la responsabilità dell’autore dell’espressione creativa; la responsabilità riassunta nella “Legge universale”: Legge di Causa-effetto più Energie conseguenti l’atto di arbitrio. Ad ogni atto corrisponde un effetto più Energie consequenziali; l’autore dell’atto assume la responsabilità di ristabilire l’armonia turbata. La creatività produce effetti di concretizzazione più conseguenze, che vanno equilibrate onde preservare l’armonia Cosmica.

Gli esiti dell’atto di aggrupparsi in atomo si manifestano nei “moti universali” e nell’evoluzione planetaria con i relativi fenomeni. (Einstein ne ha studiato l’esistenza e con la Relatività ha dimostrato la effettività di Coazione sulla creatività degli Io in atomo: il Fotone, il Mesone ”¦ ed altri. Il Gene della gravitazione? Il Gene del Magnetismo? ...da individuare)
Dagli insegnamenti di Gesù, Matteo dice: nel creato non vi sono miracoli, non ci sono misteri, tutto sarà svelato.
Il “vero” dell’insegnamento di Gesù è riscontrato dalla ricerca Scientifica. (Planck, Einstein, Rubbia ”¦ed altri a seguire).
Nel Cosmo tutto evolve in termini di ciclo: ciclo vibrazionale (Essenza del Verbo), cicli di animazione; cicli di espressioni creative.

Raggiunto il termine dell’animazione l’Io ritorna allo stato di Verbo (Gesù torna alla destra del Padre). Il ciclo di evoluzione degli Io in materia si compie con la dissoluzione dell’involucro eterico che delimita l’atomo, l’armonia ripristinata mediante le reincarnazioni.
L’implosione è il fenomeno “buco nero” in cui, equilibrati gli esiti di attività creativa, ristabilita l’armonia, gli Io tornano allo stato di Verbo: tornano al Padre.

Gli esiti consequenziali relativi all’animazione infusa alla materia (animazione limitata alla riproduzione e alle espressioni delle esigenze della materia immersa nella consequenzialità e che vanno risolte nell’iter dell’esistenza) compiuta la funzione dell’animazione, torna atomo fra atomi. (Darwin ne ha ragionato i percorsi di rigenerazione ed evoluzione).

Socrate ha ragionato “l’incarnazione “ il disagio dello Spirito al trapasso dalla materia. Lo Spirito, privo del corpo, aleggia attorno all’ambiente richiamato dal fascino della materia, dall’operato che ritiene incompiuto; sollecitato dal bisogno di equilibrare gli esiti consequenziali relativi agli atti vissuti che persistono nei ricordi e negli affetti (motivi della reincarnazione).
Epicuro ha ragionato il ritorno dell’Io nella materia che esige la soddisfazione di ciò che ritiene propri diritti (La reincarnazione, l’uomo materia animata).
Epicuro al trapasso, spiega le motivazioni della sua filosofia dicendo: ho resistito ai dolori della stitichezza e alle atrocità della diarrea (le angustie dello Spirito nella materia).
La filosofia, la razionalità suggerita dall’Orfismo, spiega come lo Spirito operando il “destino” retribuisca gli esiti delle proprie inadempienze; ragiona come la materia, animata dall’Io-Spirito, presentando esigenze e intemperanze della incarnazione, che pur condizionando lo Spirito in Essa ingabbiato, vanno equilibrate nell’ambito della materia (disagi, malattie ed altro); ragiona come lo Spirito, oltre la materia continua l’esistenza con le esperienze maturate. (Socrate rifiuta l’evasione dalla condanna perché dovrebbe convivere con il rimorso di essersi sottratto).

L’animazione elargita dagli Io agli atomi e alle cellule è limitata in termini funzionali locali e temporali.
La Cellula animata conforma le molteplici espressioni della natura; le cellule che si riproducono e, talvolta, degenerando nelle forme di “patia” hanno effetti di soluzione nella materia. L’estinzione della Specie sarebbe una delle soluzioni
Le cellule non hanno capacità creative ma solo capacità di riprodursi e al compimento del ciclo di animazione tornano atomi fra atomi.

Gli atomi organizzati in atomi e cellule conformano la Natura che evolve ciclicamente; mantenendo gli esiti degli atti di esistenza nell’evoluzione della “specie”.
Le cellule, che nella forma animale costituiscono lo Strumento-Uomo, sono organizzate dall’Io nel seno della madre; nella forma adeguata ai compiti stabiliti, la creatività e gli impegni di esperienza prefissi nell’intento di cimentare il suo Essere nella materia, ivi compreso l’impegno di equilibrare gli esiti di arbitrio con la reincarnazione: il Destino.

Le Cellule animate si riproducono con effetti di esigenze proprie della materia: della natura; della vita vegetale, della vita animale. Sono esigenze egocentriche alle conformazioni materiali.
Nella conformazione Uomo le esigenze del corpo condizionano lo Spirito-animatore a cui vanno le responsabilità di ripianare gli esiti della creatività praticata e dell’inadeguato dominio dello Strumento in cui si è calato.
(L’improbo impegno dello Spirito di Epicuro per resistere alle sollecitazioni della materia)

Le civiltà
Esempio dell’evoluzione dell’Umanità è il percorso dalla Civiltà Egiziana, l’aggruppamento delle comunità che popolano la terra di cui è meno astruso interpretarne il percorso.
(Si tratta della stirpe di Cam? ...dalla Leggenda del Diluvio Sem, Cam e Giafet, figli di Noè sono gli originatori delle stirpi “ bianche” )
La Civiltà Egiziana, propiziata dalla Scuola Iniziatica di Ermete Trimegisto, è dimostrazione della ciclicità . Il semiciclo di evoluzione il cui apice è nei tempi nella piramide di Keope per volgere al semiciclo di involuzione nell’epoca del Faraone Ramsete II°.
Ramsete, autodefinitosi “ favorito di Dio Aton”, cambiando il nome in “Akenaton”, si è proclamato detentore del Potere; negando la Scuola Iniziatica che, con “riti esoterici”, oltre l’evocazione di potenzialità operativa (la monumentalità egiziana), stabiliva le Dinastie Faraoniche.
La Scuola degli Jerofanti, di cui Ramsete era stato partecipe, non ha manifestato opposizione poichè l’opporsi sarebbe stato espressione di arbitrio; l’espressione umana che l’iter della Scuola tendeva a cancellare nell’Iniziato per indurlo allo stato di Jerofante: libero nella conoscenza, nella capacità creativa indipendente dagli esiti consequenziali nell’uso della materia (a tali Soggetti è dovuta la monumentalità egiziana e i relativi contenuti di cui non si comprendono i mezzi di realizzazione; come non si non si è in grado di spiegare gli eventi della Leggenda di Mosè il quale, raggiunto un “certo stato”nell’iter iniziatico, incapace di autodominio e mosso dall’istinto, con un gesto ha annichilito l’Egiziano che bastonava lo schiavo ebreo escludendosi così dalla Scuola per dedicare l’esistenza all’Esodo degli schiavi verso la “terra promessa”).

Akenaton, autorevole Personalità , stabilisce che non esiste altro Dio oltre il Sole, Aton; che ogni diversa rappresentazione divina va scolpita dalla monumentalità ; che l’uomo ha diritto di attingere alle conoscenze, alle Scienze Sacre, all’immortalità . Non è lo Spirito immortale ma è l’uomo che rende immortale la materia. Di dio Aton la creazione, alla Personalità l’arbitrio di governarla.

Platone, che è stato alla Scuola Iniziatica in declino, ha tracciato nell’opera La Repubblica l’esempio di una armonica organizzazione delle comunità ; opera ispiratrice dei Dottori della Dottrina cattolica: il Soggetto Investito da Dio, il Governo, la Cosa pubblica.

L’atto, determinante la Personalità nell’individuo, corrisponde all’origine del semiciclo di involuzione; l’identificazione dell’uomo con la materia, il perseguire dell’immortalità mediante la mummificazione della materia che lo rappresenta; l’uomo che tende al potere.
Mutano i rapporti umani: il piacere di incontri fra gli uomini; la collaborazione volge alla misconoscenza della eguaglianza fra gli individui; l’intesa di pensiero è obliata; emerge l’esigenza di convalidare il pensiero con tavolette di argilla e papiri; le relazioni individuali divengono rapporti da dimostrare, da codificare.
Nella prevalenza della personalità originano gli egoismi, le incomprensioni, i contrasti, le guerre, il dominio sul prossimo e sulle “cose”.
La personalità , espressione egocentrica, induce l’uomo alla passionalità , ai “volere”, agli istinti da concretizzare; l’uomo, incurante del prossimo e dell’ambiente, considera ogni cosa subordinata al proprio esigere: la Personalità , il Potere, la Gerarchia.
Nel semiciclo è il declino delle conoscenze, l’oblio dell’Io animatore; l’uomo continua l’esistenza identificandosi come Personalità ; anche se nell’intima meditazione vorrebbe capire Chi è veramente, vorrebbe comprendere l’oltre.

Nell’Umanità sono le risorse per superare i cicli di evoluzione: cicli globali e cicli subordinati.
Nell’esistenza dell’umanità , contenitore delle esperienze maturate, persistono incitamenti alla razionalità ed esortazioni alla ricerca del “vero” onde orientarsi nel corso del declino: la ricerca del Se, la ricerca delle conoscenze sono le risorse dell’evoluzione; i Miti e le Leggende, i ricordi, i cicli di esistenza.
Nell’evoluzione della materia sono i cicli percorsi dagli Io in Atomo; nell’evoluzione dell’umanità sono gli innumerevoli cicli degli Io-uomo, delle comunità ; di ogni “cosa”: materia animata ed inanimata.
Tanti sono i prodotti del pensiero, della creatività degli Io; tanti i cicli che si susseguono nelle concretizzazioni; tante le forme animate che compiuto il ciclo si estinguono con il cessare dell’esistenza in materia.

Quale l’ampiezza dei cicli di esistenza dell’Umanità ? Quali e quanti i cicli subordinati delle comunità che la compongono?
Nei cicli di evoluzione sono constatabili gli Io-individuo che si adoperano per indicare il corretto percorso da compiere e gli Io-personalità che si adoperano nell’affermazione del proprio essere: il Vero è l’esistere!

Ermete, il Trimegisto, ha originato la civiltà Egiziana, Akenaton ne ha determinato il declino. Dagli insegnamenti della Scuola di Ermete Orfeo esorta l’uomo a “conoscere se stesso”; a distinguersi dalla materia, a trovare nel Sè lo Spirito che lo anima; la filosofia dei Greci ha espresso gli Io (Talete , Euclide, Socrate e ”¦via, via) che hanno iniziato la ricerca del sapere, del conoscere.
Gesù rivelando “in principio era il Verbo” (l’evangelista Giovanni) ha dato indicazione sull’origine del creato e, con l’esempio del suo vivere, mostrato il “vero” del comportamento da seguire nel concreto materia; “nel creato non vi sono misteri” (l’evangelista Matteo).

Dall’esortazione Orfica la Mitologia e, a seguire, la Filosofia dei greci che ha originato la ricerca Scientifica la quale, rinvenuto nell’Io l’operatore del creato, si inoltra nella conoscenza a svelare i garbugli del concreto; per conoscere effetti dell’operare la materia.
Quale la ricerca dell’evoluzione dell’Uomo? La Teosofia? La ricerca Esoterica?


Nell’involuzione la Personalità ha avuto l’effetto del misconoscimento reciproco degli Individui i quali, dallo scambio di idee a mezzo pensiero alle comunicazioni a mezzo papiro, hanno sconvolto la vita delle comunità .
Nelle risorse dell’umanità la Scienza, che dal trasporto a mezzo animali ai veicoli spaziali, dal focherello all’energia atomica, dalla comunicazione vocale ai sistemi “internet” con cui è ovviato il supporto cartaceo, dall’oneroso impegno agricolo alle doviziose risorse chimiche e biologiche, dalla cultura tramandata col pensiero alla cultura a mezzo stampa, concorre nell’evoluzione a compiere il semiciclo; a riunire in comunità le varie etnie verso il nuovo ciclo.
La Scienza, in ausilio al pensiero teologico e filosofico, costituisce elemento di dimostrazione positiva nei rapporti naturali.

Nell’evoluzione tutto è da riordinare: la Personalità , elemento determinante, deve tornare elemento coordinatore di equità fra gli Individui.
Nell’universo l’evoluzione è il “moto” per equilibrare gli esiti della creatività che gli Io hanno inteso esprimere esercitando arbitrio; il moto ineluttabile che li riporta nell’Uno-verbo.
I moti planetari, i fenomeni celesti, gli eventi endogeni dei pianeti che spaziano, le Galassie e le costellazioni sono prodotti degli esiti dell’arbitrio creativo, delle espressioni degli Io che si sono aggruppati in atomo e delle conformazioni degli Io nella materia.

La sparizione della “terra di Mu” è nell’evoluzione della materia-astro; gli Arcipelaghi di isole e barriere corallifere sono le vestigia: lo “Tzunami” del ventesimo secolo è una dimostrazione.
Nelle modifiche geografiche e della natura la Greenland, la terra “verde”, divenuta terra coperta da ghiacciai diviene Groellandia.
E’ lecito congetturare come, dalla sommersione della leggendaria terra di Mu, i resti rinvenuti nel passato millennio, il corollario di arcipelaghi e l’Australia (l’avventura del Kontichi mostra il collegamento marittimo con il Sud America) più la civiltà degli Inca, la civiltà dei Maia e le comunità di Pellerossa del continente americano siano vestigia della Etnia Rossa; uguali le congetture relative alla sommersione di “Atlantide” che ha sbalzato le Ande a oltre quattromila metri e ha prodotto l’arcipelago dei Caraibi e l’arcipelago delle Azzorre.

Sono vestigia che, unitamente all’attività vulcanica, dimostrano l’evoluzione della materia, l’operosità degli Io in atomo; l’elaborazione interna all’astro che modifica la conformazione interna e superficiale del pianeta; della terra sulla quale l’Io-uomo esercita l’arbitrio relativo alla propria esistenza.
Le stesse congetture si possono elaborare in rapporto alla creatività degli Io negli astri che percorrono evoluzioni modificando la conformazione atomica; una lecita congettura è relativa all’evoluzione del pianeta Marte in cui la vita è stata (l’acqua ibernata rinvenuta dalle ricerche spaziali); lo stato di accettazione della natura vegetale e animale è stato superato nell’evoluzione verso altro stato, verso altro ciclo.
Gli UFO, gli oggetti sconosciuti (4OOO in Lombardia) perché non si comprende quale possa essere la conformazione atomica che consente velocità , accelerazioni e agilità esibite, sono manifestazioni di esistenza su altri corpi celesti di Esseri i quali si avventurano nello spazio alla ricerca di Pianeti su cui la natura sia accettabile.
La Scienza proietta nello spazio oggetti similari con analogo scopo.


Nessuno scandalo di congetture e ipotesi: tanto è stato scoperto; moltissimo è de svelare!
Nell’evoluzione che modifica la conformazione dell’astro al cessare dello stato di accettabilità della natura vegetale e animale, gli Esseri operatori di tale creatività sono indotti a trovare altro pianeta sul quale trasferirla: gli UFO ne sono il veicolo.
Le Etnie Bianca, Rossa, Nera e Gialla che popolano la terra vengono da Astri sui quali, di volta in volta, è cessato lo stato di accettabilità della Vita.
La prova compatibile alla razionalità è nel rinvenimento delle vestigia dell’Etnia Rossa (15OO dopo Cristo).
La leggenda dei Maia parla di un popolo in attesa del Progenitore (Quetzal Coatl) allontanatosi sullo ”uccello di fuoco”, lo ravvisa nel “navigatore spagnolo bardato e piumato” e lo accoglie con gioia festosa; festa che Cortez ricambia con stermini e depredazioni; la decapitazione della Fede e la Pirateria sui mari per carpire il bottino depredato.
Le leggende della Etnia Bianca sono nel Diluvio dal quale Noè con i figli Sem, Cam e Giafet origina le stipi Sunnita, Camita e Indo orientale: la civiltà Babilonese, la civiltà Egiziana e la civiltà Indù.
(1)L’evento delle Etnie che popolano la terra e trattato nel libro “Creato Religioni Scienze”.

E’ particolarmente complesso indagare i processi evolutivi dello Spirito nella materia.
Nel Cimento dell’Io con il concreto, l’assurgere della Personalità nell’Uomo, Essere dimentico dell’Essenza che lo anima, si identifica con la materia, presentando esigenze umane in rapporto all’ambiente obliando i richiami dello Spirito che, inascoltati, insistono nell’intima meditazione.
Lo Spirito, per condurre esperienze e/o ripianare esiti di esperienze maturate, torna nella materia, nell’ambiente famigliare e sociale opportuno. L’Io-Spirito nel seno della “madre” opera la struttura organica dello “strumento” necessario; dalla conformazione delle cellule cerebrali alle articolazioni, determinandone il “destino”. Destino (iter esistenziale non cancellabile da alcun potere) che l’uomo modifica in conformità alle esigenze ravvisate nell’ambiente (la moda, i costumi sono eventi contingenti, volitivi).

Per indagare le vicissitudini dell’avventura dello Spirito nella materia sia consentito fare riferimento allo Spirito che ha animato Napoleone Bonaparte nel particolare momento, significativo nella evoluzione dell’uomo.
Napoleone, rampollo nobile, avviato alla scuola di istruzione degli Ufficiali indirizzati alla corte di Luigi XVI°, si trova nell’epoca in cui l’illuminismo propizia l’emancipazione dell’uomo alla Individualità : la rivoluzione Francese del 1799.
Nel programma dello Spirito di Napoleone il destino non è la Corte del Re bensì la propagazione delle idee dell’Illuminismo.
Bonaparte guerreggia i Poteri, istituisce Enti di studio e di cultura, trae dalle mani del “preferito di Dio” la corona di imperatore, per dire “non sei tu a incoronarmi ma la potenza divina a stabilire il mio destino”; incita l’uomo a liberasi dai “potere”.
Talleyrand, il collaboratore politico di Bonaparte, rappresentante di Luigi XVIII° rimesso sul trono di Parigi, nel Congresso di Vienna impone il riconoscimento dell’Uomo-Soggetto.
Napoleone, che ha equilibrato (in parte?...) gli esiti delle intemperanze umane nell’esilio di Sant'Elena, ha seguito il destino programmato per limitare il potere dei detentori nella sottomissione dell’uomo alla Personalità , propiziandone il cammino verso la libertà : le guerre seguenti ne sono la dimostrazione.
Il semiciclo di involuzione avanza verso il compimento.
Le Teosofie, nelle lotte di interne contraddizioni e nelle reciproche confutazioni, procedono alla cancellazione della personalità verso il ritorno dell’Io-Uomo Soggetto uguale Creatura di Dio Padre degli Uomini. (Giovanni Paolo II° nel 2OO5 ha invitato in Assisi i Capi di tutte le Confessioni invitandoli a pregare Dio-Uno, in accordo alla propria Fede).

La Scienza (Prometeo incatenato con gli avvoltoi che gli rodono le viscere) ha rivelato come l’operatore del Creato sia l’Io Verbo-animato (Planck -Rubbia) e (Dio è Amore alimento dell’animazione) ha svelato l’organicità della materia: frutto della creatività dell’Io che anima l’uomo (la sintesi dell’Urea -Cannizzaro 19O6-) è prodotto dell’Intelligenza animatrice; con la Relatività ( Einstein) ha spiegato la coazione delle Energie consequenziali in rapporto alla creatività dell’Io in atomo (le consequenzialità concernenti la creatività dell’Io singolo vanno equilibrate mediante la reincarnazione).

Tante sono le “cose” del creato da svelare nell’evoluzione della materia e della natura creata dallo Spirito che vi si cimenta nella sperimentazione del proprio Essere; tante le cose da capire, da accettare, da osservare avanti che il semiciclo negativo si compia.
Intanto? Uomo conosci te stesso! Uomo armonizza il tuo essere allo Spirito che ti anima!

Fra le Intelligenze che tornano nel concreto in ausilio sono gli Io: i Maestri, i Ricercatori, gli Scienziati, i Guerrieri e via,via ”¦gli Io che alla incarnazione accentuano nella conformazione del nascituro la sensitività del femminino, la sensitività che consente di carpire dal Cosmo quanto possa incentivare la creatività nel destino programmato; tanti gli Io che, tenendo in non “cale” il profitto materiale, operano il Progresso, per produrre e infondere conoscenza.

Nell’involuzione l’animale-Uomo, obliando l’Io che lo anima, arriva a considerare l’esistenza alla stregua della “valigetta ventiquattrore”: virtuosa? vistosa? indecente? Nessuna importanza!
L’uomo intende l’esistere come piacere di vivere, di realizzare i desideri dell’essere materia da esibire; rifiuta di capire che le “braghe” contenute nella valigia sono risultato di immani elaborazioni e esperienze; che il soldo del portamonete, risultato di travagli, è da guadagnare e da onorare quale frutto di fatiche.

L’uomo identificatosi con la materia è Personalità da affermare, da imporre. Nell’oblio dell’Essenza che lo anima l’uomo si considera Personalità . La personalità che pretende di stabilire e regolare ogni cosa del creato. Cambiamenti climatici? All’uomo sono addebitati le cause dei fenomeni atmosferici; gli scarichi di gas nell’atmosfera, laddove le elaborazioni creative degli Io in atomo generano la “corrente del golfo” il “nigno”, i fenomeni vulcanici che condizionano gli oceani e le conformazioni del pianeta.
Tanti sono i fenomeni relativi all’esistenza della materia e alla creatività degli uomini che la Personalità intende subordinate e che, incapace di ragionarle, addebita alla volontà di Dio. La Personalità , che negli incontri di Vertice e nei Simposi, facendo sembianza di armonia concorda e discorda interessi propri e delle genti di cui è egemone; ignorando di essere membro delle comunità che rappresenta; subordinando fin dove gli è possibile, anche la Scienza.

La Personalità , il potere, ipotecando la Scienza, ignora le Intelligenze di cui sfrutta l’oneroso impegno; utilizzando le risorse degli studiosi; blandisce, sostiene e fomenta miserevoli personalità subordinate: i Montessori, cultori dell’insegnamento, sono soppiantati da sedicenti Professori che del sapere fanno strumento di potere economico; i Freud, studiosi delle elaborazioni cerebrali delle informazioni indotte dai “sensi”, sono strumentalizzati da sedicenti Psichiatri e Psicologi che della psiche fanno strumento di lucro; gli Studiosi dell’armonia sociale sono soppiantati da sedicenti Sociologi i quali pontificano ignorando quanto accade fra le mura domestiche.

E’ la mistificazione del Vero suggerito dall’Orfismo, studiato dalla Filosofia dei Greci, chiarito dall’epopea di Gesù; del vero dimostrato positivamente dalla Scienza che, svelando il creato essere “vibrazione in concreto”, consente la Telematica che riporta i rapporti umani all’uso del pensiero oltre il supporto cartaceo e la Cinematica, indefinibili applicazioni nell’uso della energia motrice.

L’uomo, materia animata, frastornato nel progresso di evoluzione tenta la sopravvivenza nell’adeguarvi l’esistenza, ignorando l’importanza del vivere in armonia con il creato.
L’Individuo, detentore del mascolino e femminino, adatta alle contingenze la caratterizzazione fisica e talvolta la travolge esaltandola fino a modificarne la conformazione materiale fino a esibire con “orgoglio Gay” le arbitrarie deformazioni.
La caratterizzazione del destino, predisposta dall’Io all’incarnazione per intendimenti propri, vissuta in serena consapevolezza con sagace dignità rispetto e decoro di affermazione, viene travolta dalle deliranti albagie della Personalità pretenziosa di profitti materiali.
I Genitori, dimentichi degli impegni di Coppia tendono alla personale affermazione.
I Prolificatori in oblio dei doveri di educazione intendono la prole oggetto di piacere e di orgoglio da coltivare nelle giocose “bizze” e nelle intemperanze che spesso degenerano in conflitti.
Le Ragazze crescono nell’emulazione degli adulti, in smania di individuale affermazione, ignorando doveri convenienze stile e dignità , cercano personalità nella prestanza fisica; esternando carattere volubile e, talvolta, travisando il “sesso” come oggetto di lucro, di piacere, anche con il sesso opposto.
I Ragazzi, sminuita la illusoria funzione di soggetto di attrazione amorosa, limitando le attività di svago giovanile fra i giochi, talvolta trovano piacere nella trasgressione sessuale che degenera nell’orgoglio dell’essere Gay.

Il groviglio di ragazze che trovando sfogo nell’apparire mirano allo “status” all’”avere” ignorando il “tempo” che travolge, di ragazzi che nel tempo tendono alla realizzazione attraverso l’impegno culturale e pratico trovando nel piacere l’affermazione della personalità , costituisce i motivi del crollo dell’attrazione Uomo-Donna; la causa della disgregazione della famiglia che talvolta degenera nell’omosessualità .

Sono cicli dell’Io nel concreto; cicli di reincarnazione che l’Io pratica per ripianare gli esiti di aberrazioni materiali pregresse, comprensive delle prevaricazioni abusate.
L’Io, proteso al progresso, limitato dalle pretese dello Strumento uomo che modifica il destino, ripete l’incarnazione per ripianare gli esiti del mancato dominio dello strumento-uomo; cicli che in forme varie più o meno arginate o controllate, si sviluppano nelle Etnie che popolano i continenti.

Estremamente astruso indagare le mistificazioni dell’Essere nell’esercizio dell’arbitrio creativo dell’Io e dell’arbitrio della materia-uomo, scoprire l’iter delle civiltà , i garbugli nelle comunità , conoscere il susseguire dei cicli di evoluzione dell’umanità ; arduo indagare l’evoluzione del concreto-materia in cui la creatività dello Spirito ha organizzato la natura, ha originato la Natura che attraversa cicli di evoluzione subordinati all’evoluzione della materia.

Cicli ”¦cicli ”¦ cicli universali delle Galassie e delle costellazioni, cicli dell’Essere che matura esperienza nel creato; cicli della natura vegetale e animale che matura evoluzione.
L’albero, i frutti evolvono in cicli più o meno estesi, gli animali, gli Insetti esistono in microcicli, l’uomo-materia esiste in cicli; le comunità , le civiltà , l’umanità attraversano cicli di evoluzione verso il ritorno nell’armonia Cosmica. Susseguirsi di cicli e microcicli. .

L’arbitrio di Akenaton ha causato la personalità ; l’Orfismo ha originato la filosofia e la ricerca scientifica; a riscontro dell’orfismo l’epopea di Gesù ha precisato le motivazioni della vita umana; Maometto ha argomentato l’Islamismo; e, via”¦.via, nel tempo le Personalità hanno dato luogo alle innumerevoli concezioni della creazione, inclusi l’Ateismo e l’Anarchia.

Meditando sull’evoluzione del Cristianesimo, le scissioni che nel tempo hanno prodotto secoli “bui” di lotte e controversie, è da comprendere l’evoluzione dell’Islamismo che nel tempo ha seguito le tracce della filosofia e della scienza dei Greci con progresso di conoscenze matematiche fisiche e planetarie; che all’insorgere di “interessi personali” si è inoltrato nel cosiddetto “fondamentalismo”, similare al cavillare cristiano infarcito di mistificazioni, bugiarde affermazioni, provocando feticismi e eccidi.

L’Umanità percorre l’evoluzione nel Semiciclo “oscuro”. Gli Io procedono nelle esperienze del conoscere confrontandosi con le esperienze di altri Io; ripianando con il tornare nel tempo a ripianare le intemperanze dell’operare e sperimentare.
Il Cimento dell’Io, la creatività espressa nella materia, un immane groviglio in cui solo astraendosi dal contesto fisico lo Spirito riesce a orientarsi.
Tutto è nel Cosmo, nel Verbo: l’Essenza!

Liberato dal tabù che ogni realizzazione concreta fosse esclusiva opera di Dio, l’uomo ha compreso come sia l’Io l’operatore della materia; l’Io che lo anima; l’Io dei maestri, dei Ricercatori, degli Scienziati impegnati nel conoscere per la completezza dell’Essere che incrementa il progresso.

Realizzata la consapevolezza dell’uomo Essere animato, sono cancellate le Etnie, le diversità nella comunità .
In tutti gli Esseri è il diritto alla conoscenza, per cui la Scienza ignorando il Potere che limita alla propria comunità le scoperte, dissemina gli esiti delle ricerche a tutti i ricercatori, eliminando ogni inibizione e inducendo accelerazione nell’evoluzione dell’umanità .
Nell’evoluzione l’umanità rimescola le comunità ispirandole all’unione Globale.

Un minuscolo esempio di armonica unione è negli USA, dove le Etnie e le Comunità provenienti da ogni angolo del pianeta hanno trovato modo di accomunarsi.
Analoghi intenti ispirano le comunità dell’Europa che operano l’unione e inducono l’attrazione di altri popoli. I poteri Temporali e i poteri Teosofici, che nella globalizzazione avvertono la cessazione della egemonia, vi si oppongono usando mezzi politici, pseudo filosofici, dialettici e strumentali; persistono nel sobillare le Coscienze e le Intelligenze asservite.
Nel Cattolicesimo le opposizioni hanno comportato guerre e stermini che non possono ostacolare il procedere dell’evoluzione; uguali opposizioni nelle Ideologie e nelle Teosofie che persistono nelle lotte di affermazione.

Ciascuna comunità , ciascun individuo vive il proprio divenire: il Destino che nessuna Scienza, nessuna Autorità può indagare o modificare perché appartiene all’Individuo, il Solo che lo determina con le proprie volubilità .
Il Rabbino che dell’olocausto nazista ha detto “in ciascun sacrificato è stato il compimento del proprio destino”, ha espresso “verità ”; la verità da perseguire fra confutazioni e lotte.
Come ogni comunità il Sionismo, perseguendo la sopravvivenza, pratica opposizione guerreggiata nel percorso di evoluzione Israelita per attingere alla comunione delle concezioni di Fede: nella Umanità .

La “verità ” rivelata da Gesù, come tutte le verità , discutibile alla razionalità umana, mistificata dalla Personalità , è degenerata nelle scissioni che non cessano dal moltiplicarsi.

Nel declino evolutivo della civiltà Romana la cultura è stata relegata nei recessi delle catacombe; l’evoluzione implementata dall’Orfismo, l’”epopea” di Gesù sono divenute una un sorta di potere teosofico che, moltiplicandosi in confessioni e professioni di fede, ha indotto il progresso in una stasi di mistificazioni, prevaricazioni, guerre e trucidi.
L’Illuminismo, reclamando l’uomo essere “Soggetto”, ha posto termine alla stasi e indotto accelerazione di evoluzione con il susseguire di scombussolamenti e sacrifici nelle comunità . Il risorgere della ricerca scientifica (ispirata dal pensiero greco, tenuta in oblio e combattuta) ha trovato nei Copernico, nei Galilei (e via”¦via fino all’inizio del ventesimo secolo) una “sorta” di frenesia di ricerca.

La “sintesi della ”urea” (1906 ) sfatando il “tabù” del volere divino originatore della organicità nella materia, ha sconvolto ogni cultura; ha indotto incremento di evoluzione; con il rinvenimento dell’ “Io operatore” le conseguenti ricerche di individui che usando l’Intelligere hanno promosso la Ricerca Atomica, la Chimica organica, la Ricerca Biologica.

Il Verbo Essenza, si esprime in ciclo!
Nel ciclo di Armonia i cicli subordinati delle Esistenze; i cicli in cui la materia assolve le funzioni proprie; l’Uomo esprime gli arbitri dell’essere materia, gli Io esprimono creatività equilibrandone gli arbitri. L’Universo persegue l’unione Cosmica.

E’ il Verbo, è il Cosmo!

Ladysilvia [dot] it National Network
di Letterio Curcuruto, -© concesso a Silvia M. Carrassi
speciale ringraziamenti a: Franco Oliva.

Altri risultati con Letterio Curcuruto

Source by Letterio_Curcuruto


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Riflessi...UMANItà
from: ladysilvia
by: Silvia Michela Carrassi
from: ladysilvia
by: Silvia Michela Carrassi
from: ladysilvia
by: Redazione
from: ladysilvia
by: Letterio_Curcuruto
from: ladysilvia
by: Redazione
from: ladysilvia
by: Letterio_Curcuruto
from: ladysilvia
by: Letterio_Curcuruto
from: ladysilvia
by: Letterio_Curcuruto
from: ladysilvia
by: Letterio_Curcuruto