DAL “CASO BIKO” A GUANTANAMO: 30 ANNI DI BUGIE E MEDICI COINVOLTI IN TORTURE

Venerdì
17:27:14
Settembre
07 2007

DAL “CASO BIKO” A GUANTANAMO: 30 ANNI DI BUGIE E MEDICI COINVOLTI IN TORTURE

View 173.8K

word 361 read time 1 minute, 48 Seconds

IRAK: Misna; Nel XXX anniversario della scomparsa dell’attivista anti-apartheid Steve Biko, morto per le ferite alla testa causate dalla polizia sudafricana durante un interrogatorio, 266 medici di istituti e centri universitari di tutto il mondo hanno pubblicato una lettera sull’ultimo numero della rivista medica inglese “The Lancet” facendo un parallelo tra quella vicenda e la situazione di Guantanamo.

Allora, un medico fu espulso dall’ordine per aver fornito cure inadeguate e aver mentito sulle vere cause della morte di Biko (inizialmente si affermò che l’attivista era morto a causa di uno sciopero della fame) e un altro venne ammonito; nel centro di Guantanamo (sull’isola di Cuba, ma sotto la giurisdizione americana) dove sono detenuti i prigionieri della cosiddetta guerra contro il terrore, il personale medico presente " secondo i firmatari della lettera " sta venendo meno alle regole della professione. “Lo scorso anno " si legge " abbiamo consigliato di consultare gli organismi professionali competenti in merito alla pratica da parte dei medici di Guantanamo di nutrire a forza i prigionieri che si rifiutavano di mangiare venendo così meno a principi etici da internazionalmente riconosciuti. Ma l’Associazione medica americana (Ama), dopo 18 mesi, non ci ha ancora risposto, le autorità californiane ci hanno detto di non essere competenti per territorio e quelle della Georgia hanno concluso che non c’erano prove sufficienti per continuare l’inchiesta. Inoltre, il governo del Regno unito ha rifiutato la richiesta dell’Associazione medica britannica di inviare un gruppo di dottori indipendenti per un controllo dello stato dei detenuti”.

I firmatari del documento arrivano quindi alla conclusione che i medici presenti a Guantanamo stanno commettendo gli stessi errori di quelli che trent’anni fa in Sudafrica portarono a subordinare le regole della professione agli interessi di una parte. “Il mancato intervento degli organismi di controllo americani " concludono i 266 medici " sta danneggiando la reputazione della medicina militare statunitense. Dall’inizio della guerra contro il terrore nessun dipendente della struttura sanitaria è stato accusato o condannato per cattiva condotta nonostante esistano numerose e documentate prove (falsificazione di documenti inclusa) riguardo detenuti morti nel corso di interrogatori”.[GB]

Source by MISNA


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / DAL “C...N TORTURE