Finanziaria: è legge, via libera definitivo dal Senato

Sabato
06:27:22
Dicembre
22 2007

Finanziaria: è legge, via libera definitivo dal Senato

View 172.7K

word 632 read time 3 minutes, 9 Seconds

Roma: Via libera definitivo dell’aula del Senato alla Finanziaria che e’ stata approvata con 162 si’ e 153 no. Approvato anche il ddl Bilancio con 163 voti favorevoli e 154 contrari. Con 163 voti a favore e 157 contro l’Assemblea poco prima aveva approvato anche il terzo maxiemendamento alla Finanziaria (ddl 1817-B) su cui il Governo aveva posto la questione di fiducia. Prima del suo approdo in Aula il provvedimento, tornato al Senato in terza lettura per il via libera definitivo, era stato valutato in Commissione Bilancio, per la ratifica dei cambiamenti introdotti alla Camera che, pur lasciando intatte le scelte principali della manovra, aveva introdotto nuove misure. Manovra Finanziaria 2008 La manovra Finanziaria, già licenziata dalla Camera il 15 dicembre, è stata definitivamente approvata dal Senato il 21 dicembre. Tecnicamente il testo del disegno di legge - su cui il Parlamento ha votato la fiducia - è stato sostituito con tre maxiemendamenti, ciascuno sostitutivo dei tre articoli che formano il testo del ddl.
I primi due articoli ( maxiemendamento 1 e maxiemendamento 2 ) sono stati approvati nella serata del 20 dicembre; mentre il terzo ed ultimo articolo (maxiemendamento 3) è stato approvato con voto di fiducia nella mattinata del 21 dicembre. Con la votazione finale, l’intera manovra è diventata legge ed entrerà in vigore dopo la promulgazione del Capo dello Stato e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Sviluppata a partire dagli obiettivi impostati già con la Finanziaria per il 2007, la manovra orienta le risorse pubbliche verso crescita, risanamento ed equità .

In sintesi, i punti essenziali delle misure contenute nella manovra:

  • avvio della riduzione della pressione fiscale;
  • riutilizzo delle risorse derivanti dalla lotta all’evasione fiscale per casa, non autosufficienti, fasce deboli;
  • semplificazione e riduzione dei costi fiscali per le imprese;
  • piena applicazione del Protocollo sul welfare del 23 luglio scorso;
  • forte impulso alle infrastrutture, all’università e alla ricerca;
  • razionalizzazione e risorse aggiuntive per la sicurezza;
  • sostegno alla cooperazione;
  • riqualificazione della spesa pubblica e riduzione dei costi della politica.

Tra le novità introdotte dalla Finanziaria che interessano i cittadini, in sintesi:

- sgravi ICI su prima casa: alleggerimento dell’imposta sulla casa pari all’1,33 mille (aggiuntivo rispetto alle attuali detrazioni e fino ad un massimo di 200 euro). Sono
escluse case signorili, ville e castelli.
- diminuzione tasse lavoratori: l’eventuale extragettito del 2008 sarà utilizzato per ridurre la pressione fiscale sul lavoro dipendente salvo imprevisti legati a sicurezza e calamità .
- prezzo benzina: se i rincari superano di due punti il valore indicato nel Dpef scatta una riduzione dell’accisa.
- class action: si introduce l’istituto dell’azione collettiva risarcitoria a tutela degli interessi dei consumatori.
- ticket: abolizione ticket 10 euro su assistenza specialistica ed esami di diagnostica.
- multe: scatta la prescrizione dopo due anni.
- pannelli solari: prorogate per 3 anni le agevolazioni (detrazione dall’irpef del 55%) per i lavori di riqualificazione energetica, incluse finestre e caldaie.
- canone Rai: esenti dal pagamento agli ultrasettantacinquenni con un reddito non superiore a 516,46 euro per 13 mensilita'.
- asili nido: sconto fino a 632 euro a figlio. la retta potrà essere detratta dall’Irpef al 19%.
- mutui casa: sale a 4.000 euro il limite di detraibilità degli oneri relativi a mutui sulla prima casa. Previsto un fondo di solidarietà per sostenere le famiglie che a causa dell’aumento dei tassi hanno subito un aggravio delle rate.
- bonus famiglie numerose: se il nucleo ha almeno quattro figli ci sarà per i genitori una detrazione aggiuntiva sull’Irpef di 1.200 euro.
- studenti fuori sede: sconto su affitto con una detrazione di imposta fino ad un massimo di 500 euro l’anno.
- bus: gli abbonamenti potranno essere detratti per il 19% dall’irpef per un massimo di 250 euro.
- prezzi: presso il ministero dello Sviluppo economico verrà istituito un garante per vigilere su prezzi e tariffe.
- adozioni: anche in caso di affidamento il congedo obbligatorio sarà di 5 mesi.

Source by Governo


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Finanzia...al Senato