Ospedale Grassi di Ostia, tra carenza di personale ed eccesso di utenza

Martedì
11:36:40
Marzo
25 2008

Ospedale Grassi di Ostia, tra carenza di personale ed eccesso di utenza

Prima tappa del viaggio di “Italia dei Diritti” nel mondo della sanità italiana

View 135.0K

word 619 read time 3 minutes, 5 Seconds

Roma - Si è svolto stamane l’incontro tra il presidente di Italia dei Diritti Antonello De Pierro e la direttrice sanitaria dell’ospedale “Grassi” di Ostia, Climene Pistolesi: oggetto della discussione, un presunto scandalo che di recente ha coinvolto il polo ospedaliero, già noto tra la popolazione a causa degli interminabili tempi d’attesa del suo pronto soccorso.

Ad innescare la miccia era stata, il mese scorso, la notizia diffusa dai media locali, circa il ritrovamento,da parte dei Nas, di medicinali scaduti all’interno della farmacia dell’ospedale.

Immediata la risposta da parte del movimento fondato da De Pierro che,in segno di protesta,si era incatenato all’ingresso del nosocomio di Ostia, in virtù del diritto costituzionale all’assistenza sanitaria pubblica sancito dall’articolo 32.
Pronta è arrivata la smentita da parte della dott.ssa Pistolesi che ha tenuto a ridimensionare quanto affermato da alcuni organi di stampa, specificando che l’ispezione dei Nas è avvenuta soltanto lo scorso anno, portando al ritrovamento non di medicinali, bensì di un sondino scaduto all’interno di una sala operatoria fuori uso.
L’incontro ha poi toccato il tema dei tempi d’attesa del pronto soccorso, ben noto agli abitanti della zona litoranea a sud di Roma che tutt’oggi non possono far riferimento ad altri ospedali all’infuori del “Grassi”: a chi addebitare la responsabilità di tutto ciò? " questa, in breve, la finalità di De Pierro che ha cercato di risalire alle responsabilità di una situazione spesso ai limiti del collasso.
“ Il nostro ospedale non riesce a far fronte ad un bacino di utenza di circa quattrocentomila cittadini tra i quali sono in aumento anziani, extracomunitari e giovani nuclei familiari, oltre ad essere geograficamente isolato " ha dichiarato la dott.ssa Pistolesi nel corso del confronto " è importante che si capisca che la struttura ospedaliera più vicina dista venti chilometri, l’utenza non ha la possibilità di raggiungere altri ospedali limitrofi, per cui confluisce nel pronto soccorso del “Grassi”.
A ben vedere, centri abitati come Frosinone dispongono di un ospedale con il doppio dei posti letto, a fronte di un bacino di utenza sicuramente inferiore. Ad “alleviare” lo stato emergenziale in cui versa il pronto soccorso del Grassi, il centro ospedaliero di Casal Bernocchi ed in parte il “Di Liegro”, nel quartiere Bravetta, che dista un’ora di auto dalla costa ostiense, da cui, talvolta, vengono inviati pazienti provenienti dal pronto soccorso o dai reparti di degenza.
Ma la situazione è troppo spesso emergenziale e, contrariamente ad altri ospedali, non tende ad alleggerirsi nemmeno nei mesi estivi, oberati dal turismo balneare e dalla vivace vita notturna del litorale. Il pronto soccorso " tra le altre cose - non è adeguato dal punto di vista strutturale e necessiterebbe di un intervento di ampliamento.
“ Ciò che auspichiamo è la costruzione di una struttura da annettere a quella già esistente, con funzione di poliambulatorio " ha dichiarato la direttrice sanitaria del discusso nosocomio ”€œparallelamente, confidiamo anche nella finanziaria del 2008 che prevede alcune deroghe per l’assunzione di nuovi infermieri”.
Un primo tassello è stato ricostruito, il tavolo di concertazione istituito: ne emerge un quadro complesso che richiama responsabilità da parte della Regione Lazio che ha in mano la gestione del sistema sanitario di Roma che, date le dimensioni, sembra essere la maglia nera di tutta la regione.
“Il prossimo passo sarà la richiesta di incontro con l’assessore regionale alla Sanità Augusto Battaglia " ha affermato in ultimo De Pierro " la mia intenzione è quella di avere accesso al sistema piramidale della sanità nel Lazio, al fine di contribuire a smuovere le acque di un meccanismo che troppo spesso risulta inceppato”.

Source by italymedia.it


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Ospedale...i utenza