Guerra in Iraq:sette giornalisti italiani liberati a Baghdad,stanno tutti bene

Sabato
17:30:11
Marzo
29 2003

Guerra in Iraq:sette giornalisti italiani liberati a Baghdad,stanno tutti bene

Fermati ieri dagli iracheni, se ne erano perse le tracce
l’inviato del Corriere della Sera, Battistini:«Siamo stati trattati bene» FNSI:«Potranno restare nella capitale»

View 137.2K

word 528 read time 2 minutes, 38 Seconds

I sette giornalisiti italiani prigionieri della polizia irachena sono stati liberati a Baghdad e si trovano all’hotel Palestine. Lo ha riferito il direttore de "il Resto del Carlino" Giancarlo Mazzuca.

In mattinata i reporter fermati dalla polizia irachena e condotti in albergo a Bassora erano stati trasferiti a Baghdad. Uno di loro, Franco Battistini del Corriere della Sera, ha anche chiamato la redazione del quotidiano milanese, dicendo che di essere stati trattati bene e precisando che tutti sono in "ottime condizioni".

Ora i giornalisti sono in albergo in attesa delle decisioni delle autorità irachene.

Gli inviati di giornali italiani (Franco Battistini del Corriere della Sera, Ezio Pasero del Messaggero, Vittorio dell’Uva del Mattino, Toni Fontana dell’Unita', Leonardo Maisano del Sole 24 Ore, Lorenzo Bianchi del Resto del carlino-Quotidiano Nazionale, Luciano Gulli del Giornale) di cui non si avevano notizie da ieri erano stati bloccati dalla polizia irachena e probabilmente portati in un hotel di Bassora, nel sud dell’Iraq. In immagini mostrate in nottata in una trasmissione tv, si vede un convoglio di 3 jeep bianche con a bordo un gruppo di giornalisti italiani che viene fermato prima a un posto di blocco alla periferia di Bassora da soldati britannici che gli sconsigliano di proseguire, poi il gruppo di auto che invece procede per pochissimo in avanti e viene fermato all’ingresso della citta' a un semaforo da un gruppo di uomini armati in divisa.

“Si va concludendo positivamente la vicenda dei sette inviati italiani fermati a Bassora e trasferiti a Bagdad - sottolinea una nota della Federazione Nazionale della Stampa Italiana - i colleghi potrebbero essere liberati in tempi molto rapidi e, addirittura, messi nelle condizioni di poter riprendere il loro lavoro dalla capitale irachena".

"Il Sindacato dei Giornalisti, che ha seguito costantemente l’evolversi della situazione - prosegue la nota - manifesta ai sette colleghi solidarietà e forte comprensione per i motivi che li hanno indotti a tentare di entrare a Bassora per raccontare le vicende drammatiche di quella città . I colleghi conoscevano i rischi ed hanno affrontato con coraggio una situazione oggettivamente difficile per testimoniare una realtà ancora assai confusa e poco conosciuta. La Fnsi ringrazia la Presidenza del Consiglio, il Ministero degli Esteri e il Ministero della Difesa per la grande disponibilità manifestata concretamente nel perseguire una soluzione positiva alla vicenda. Le Istituzioni italiane, con le quali siamo stati in stretto contatto, hanno svolto un ruolo determinante".

Lo ha detto l’ambasciatore iracheno a Mosca, Abbas Khalaf. Anzi, ha precisato, intendono dare loro l’accredito affinchè restino a Bagdad a testimoniare la guerra mossa dagli angloamericani contro l’Iraq.

CHI SONO I SETTE GIORNALISTI - I sette giornalisti italiani fermati dagli iracheni e ora liberati sono: Francesco Battistini del Corriere della Sera, Lorenzo Bianchi del Resto del Carlino, Toni Fontana dell’Unitá, Ezio Pasero del Messaggero, Luciano Gulli del Giornale, Leonardo Maisano del Sole 24Ore, Vittorio dell’Uva del Mattino.

FONTE:
Corriere delle Sera - FNSI

Source by FNSI


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Guerra i...utti bene