CAMION CONTRO SOLDATI USA IN KUWAIT

Domenica
17:07:15
Marzo
30 2003

CAMION CONTRO SOLDATI USA IN KUWAIT

View 136.7K

word 469 read time 2 minutes, 20 Seconds

CAMION CONTRO SOLDATI USA IN KUWAIT. Un camion si è scagliato contro un gruppo di militari Usa nei pressi di Camp Udairi, in Kuwait. il veicolo, dice il comando centrale Usa di Doha in Qatar, ha ferito diversi militari. Non ci sono per ora altri particolari sulle conseguenze dell’attacco. I soldati colpiti stazionavano all’esterno di un negozio nei pressi della base. Si sono uditi anche colpi di arma da fuoco mentre sul posto sono giunte alcune ambulanze.

GENERALE IRACHENO FATTO PRIGIONIERO A BASSORA - l’alto ufficiale è caduto nelle mani delle forze britanniche durante i combattimenti avvenuti stamane vicino a Bassora, allorchè un tentativo iracheno di forzare l’assedio della città è stato sventato dalla Terza brigata dei Royal Marine. Nel corso della battaglia è rimasto ucciso un colonnello della Guardia repubblicana irachena. La televisione satellitare araba Al Jazira, che ha un corrispondente nella città portuale irachena, ha riferito che prima dell’alba si sono abbattuti su Bassora i bombardamenti aerei più violenti dall’inizio della guerra, seguiti da un intenso fuoco di artiglieria.

NUOVI ATTACCHI MIRATI SU BAGHDAD - Secondo il comando angloamericano in Qatar gli ultimi attacchi aerei sulla capitale irachena hanno preso di mira sedi dell’intelligence e di gruppi paramilitari iracheni. Bombe a guida satellitare hanno colpito un centro di addestramento dei 'Feddayn di Saddam' nella zona di Ar Rustamiyah, il palazzo presidenziale Abu Garayb e postazioni di missili terra-aria alla periferia orientale di Baghdad.

BOMBARDAMENTI SUL FRONTE NORD - Nuovi e intensi bombardamenti sono stati condotti questa mattina dalle forze anglo americane sul nord dell’Iraq e in particolare sulla linea di demarcazione tra il Kurdistan e il resto del paese, a Kalak, e sulla città di Mossul.

BAGHDAD ANNUNCIA: ABBATTUTO ELICOTTERO - Secondo il ministro dell’informazione iracheno Mohammad Said al Sahaf le forze irachene hanno abbattuto un elicottero Apache e i due piloti sono morti. Gli iracheni avrebbero anche distrutto quattro carri armati anglo-americani, i cui equipaggi sono stati o uccisi o fatti prigionieri. Per il Pentagono nessun velivolo risulta colpito.

ALTRE DUE VITTIME DEL FUOCO AMICO - Proiettili sparati dall’artiglieria statunitense e rimasti inesplosi sulla soffice sabbia del deserto hanno causato, ieri e l’altro ieri, la morte di due marine americani che li avevano urtati involontariamente. Lo hanno dichiarato all’agenzia France Presse alcuni ufficiali americani che hanno chiesto di restare anonimi.

INQUIETANTI RITROVAMENTI - Uniformi insanguinate - che potrebbero essere di soldati di una unità logistica americana caduti in un agguato nei giorni scorsi - sono state trovate a Nassiriya in un locale dove era stata forse allestita una camera di tortura. Il 23 marzo in quella zona del sud dell’Iraq due militari Usa sono stati uccisi, otto risultano tuttora dispersi e cinque, fatti prigionieri, sono stati mostrati in televisione dalle autorità irachene.

Source by La_Stampa


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / CAMION C...IN KUWAIT