CARFAGNA, NIENTE PATROCINIO AL GAY PRIDE

Martedì
03:00:19
Maggio
20 2008

CARFAGNA, NIENTE PATROCINIO AL GAY PRIDE

"I gay non sono più discriminati". Con questa motivazione la ministra Carfagna non darà il patrocinio al Pride. Ma in redazione arrivano decine di storie di discriminazione come quella di Andrea...

View 169.9K

word 491 read time 2 minutes, 27 Seconds

Milano: (Daniele Nardini) La nuova ministra per le Pari Opportunità prende posizione sul patrocinio al Gay Pride che "non verrà dato". «l’unico obiettivo dei Gay Pride - ha spiegato Mara Carfagna al Corriere della Sera di oggi - è quello di arrivare al riconoscimento ufficiale delle coppie omosessuali, magari equiparate ai matrimoni. E su questo certo non posso esser d'accordo.» La ministra leva così ogni dubbio sul finanziamento alla manifestazione più significativa per gay, lesbiche e trangender italiani. Soldi che non saranno concessi agli organizzatori del Pride nazionale diversamente da quanto fece, invece, il suo predecessore Barbara Pollastrini che li concesse sia in occasione del Torino Pride del 2006 che in quella del Roma Pride del 2007.

«Io credo - ha continuato la ministra - che l’omosessualità non sia più un problema. Perlomeno così come ce lo vorrebbero far credere gli organizzatori di queste manifestazioni. Sono sepolti i tempi in cui gli omosessuali venivano dichiarati malati di mente. Oggi l’integrazione nella società esiste. Sono pronta a ricredermi. Ma qualcuno me lo deve dimostrare.»

Parole che lasciano increduli, anche alla luce dei recenti episodi di omofobia e discriminazione subiti da Andrea Peracchio, un ragazzo piemontese la cui storia è stata portata da Gay.it al Maurizio Costanzo Show. Andrea, da quando decise di fare coming out, è stato allontanato da casa e da 14 anni non ha più rapporti nè con i genitori, nè con le sorelle e i fratelli che non gli hanno mai fatto conoscere i nipoti nati durante questa lontananza forzata. Da quando è comparso in televisione, poi, non ha neanche più un lavoro. I dirigenti della fabbrica dove Andrea lavorava come operaio, infatti, hanno deciso di non riconfermagli il contratto per non ben precisati "motivi di salute". La sua cartella clinica, quella che le grandi fabbriche redigono per ogni operaio, non gli è mai stata fatta vedere. Non solo, ma dopo qualche giorno che Andrea è stato ospite nel famoso programma di Canale 5, sono comparse scritte omofobe sul muro della sua casa. "Frocio di merda", "Gay al rogo", "Frocio Vaffanculo". Una situazione che è ben lontana dal clima di integrazione che la ministra Carfagna vorrebbe dipingere.

E la storia di Andrea è solo una delle tante che ci sono giunte in redazione, che chiedono giustizia, e che - se la ministra vorrà - porteremo sulla sua scrivania.

«Cara ministra Carfagna - dice la deputata del PD Paola Concia - così non ci siamo proprio: negare il problema, negare l’evidenza, non è la maniera migliore per avviare il dialogo sul tema dei diritti civili in Italia.»

Quest'anno ci saranno, oltre al Pride nazionale che si terrà a Bologna il prossimo 28 giugno, anche i pride locali di Roma e Milano (entrambi il 7 giugno), e quello di Biella (14 giugno).

www.gay.it

Source by GAY_IT


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / CARFAGNA...GAY PRIDE
from: ladysilvia
by: UNI_ROMA