Bush: «l’11 settembre, giorno terribile Ma anche il primo della lotta comune»

Lunedì
20:32:37
Marzo
11 2002

Bush: «l’11 settembre, giorno terribile Ma anche il primo della lotta comune»

Il presidente Usa ha parlato alla Casa Bianca

View 170.2K

word 378 read time 1 minute, 53 Seconds

WASHINGTON -- Centosettanta bandiere e l’inno nazionale americano intonato da un coro gospel hanno fatto da sfondo alla commemorazione alla Casa Bianca per ricordare gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001 negli Usa.

Alla cerimonia hanno partecipato - tra gli altri - oltre cento ambasciatori di tutto il mondo. Gli eventi di quel tragico martedì non rappresentano infatti soltanto una ferita inferta all’America, ma alle oltre 80 nazioni i cui cittadini sono morti negli attentati di New York e Washington.
"l’11 settembre non segna l’inizio del terrorismo internazionale - ha detto il presidente statunitense George W. Bush - ma l’inizio della risposta concertata della comunità internazionale".

"Siamo qui per ricordare un giorno terribile", ha cominciato Bush, parlando dopo l’ambasciatore nigeriano Jibril Aminu, e quello sudcoreano Sung Chul Yang.

"Sei mesi ci separano dall’11 settembre - ha detto rivolgendosi ai parenti delle vittime presenti alla cerimonia -. Eppure, per le famiglie delle vittime, ogni giorno porta nuovo dolore, ogni giorno richiede nuovo coraggio".

La battaglia continua

Dopo aver avvertito che "il terrorismo potrebbe colpire ogni altro paese civile", Bush ha ricordato gli sforzi militari compiuti dalla coalizione internazionale in Afghanistan, e la battaglia contro i terroristi, dal congelamento dei fondi bancari, alle migliaia di detenuti "che verranno portati davanti alla giustizia".

"Ogni nazione dovrebbe sapere che per l’America la guerra al terrorismo non è soltanto una questione politica, è una promessa - ha affermato Bush -. Non cederò nella lotta per la libertà e la sicurezza del mio paese e del mondo civilizzato".

Per i terroristi - ha aggiunto il presidente - "non deve esserci rifugio, nè nascondigli sicuri". "Contro un tale nemico non può esserci immunità nè neutralità ". l’America, ha continuato il presidente, incoraggia e si aspetta che ogni governo conduca la propria battaglia contro le organizzazioni terroristiche.

"Essere in azione non è un’opzione", ha detto Bush. E non ha mancato, pur senza far nomi, di accennare agli "stati che possiedono armi di distruzione di massa" e che rappresentano una minaccia internazionale.

"Questa guerra deve continuare", ha affermato, riferendosi indirettamente a un’eventuale azione militare contro l’Iraq, che la Casa Bianca sta attualmente prendendo in considerazione.

Source by CNN


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Bush: «... comune»