Stazione Centrale: Blue Berets sventano violenza sessuale. Fermato clandestino marocchino

Giovedì
14:57:41
Ottobre
23 2008

Stazione Centrale: Blue Berets sventano violenza sessuale. Fermato clandestino marocchino

Volontari richiamati dalle urla di una donna in piazza Luigi di Savoia. Appello alla vittima affinchè sporga denuncia

View 133.5K

word 488 read time 2 minutes, 26 Seconds

Milano: De Corato - “Due agenti dei Blu Berets hanno sventato ieri notte alla Stazione Centrale un tentativo di violenza sessuale nei confronti di un’italiana di 26 anni. E hanno permesso l’identificazione dei presunti responsabili, tra cui un clandestino marocchino di 18 anni che è stato fermato dalla Polizia di Stato”.

Lo comunica il vice Sindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato.

Il fatto è accaduto intorno alle 4.30. Due agenti dei Blu Berets, che ogni giorno monitorano la stazione Centrale da mezzanotte alle sei del mattino, sono stati richiamati dalle urla di una donna in piazza Luigi di Savoia. In una rientranza, due extracomunitari stavano tentandole violenza. Alla vista dei volontari, che avevano nel frattempo chiamato una pattuglia di militari e Polizia di Stato, gli extracomunitari sono scappati e la donna si è allontanata in tutta fretta probabilmente per prendere il treno per Torino. Circa mezz’ora dopo i due erano però ritornati sul posto, ritrovandosi in piazza IV novembre insieme ad altri due compagni. Uno di loro brandiva un grosso coltello e si è rivolto con minacce proprio nei confronti dei Blue Berets, i quali hanno subito chiesto l’intervento di una pattuglia della Polizia di Stato. In assenza di una denuncia da parte della vittima, che non è ancora stata rintracciata, al momento è stato arrestato un marocchino di 18 anni solo per violazione alla legge sull’immigrazione e denunciato per porto abusivo d’arma, mentre gli altri sono stati identificati.

“Esprimo - afferma De Corato - innanzitutto la mia solidarietà alla giovane donna vittima della tentata violenza, che invito a sporgere denuncia in modo da fare piena luce sull’accaduto e accertare le responsabilità , che al momento non si sono potute verificare. E se deciderà in questo senso, l’Amministrazione, come ha sempre fatto in questi casi, chiederà di costituirsi parte civile nel processo che si andrà a celebrare”.

“Se la violenza non si è consumata - prosegue De Corato - lo dobbiamo ai Blue Berets che hanno dimostrato prontezza e coraggio e che ringrazio. Un’ulteriore dimostrazione dell’estrema utilità di questi controlli. Basti dire che in poco più di tre mesi Blue Berets, insieme con City Angels e Associazione Poliziotti italiani, hanno sedato ben 600 risse e hanno richiesto 380 interventi da parte delle Forze dell’ordine”.

“La Centrale - spiega De Corato - è oggi presidiata capillarmente da Forze dell’ordine, militari, Polizia Locale, volontari e sistemi di videosorveglianza. Questo episodio dimostra che i controlli funzionano. Quest’area è tornata a essere occupata dalla famiglie, che scendono in piazza con i bambini, come avviene da alcune domeniche, per girare in tutta tranquillità tra fiori, libri o stand gastronomici. Indietro non si torna. Faremo di tutto per difendere questo luogo che con sacrificio, grazie anche al lavoro svolto dal Prefetto Lombardi e dal Questore Indolfi, abbiamo ricostruito”.

Source by Riccardo_De_Corato


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Stazione...arocchino