Emenuele Filiberto di Savoia: stelle e strascichi

Lunedì
08:03:09
Febbraio
09 2009

Emenuele Filiberto di Savoia: stelle e strascichi

Ballando con le stelle o sballando la tradizione?

View 164.0K

word 932 read time 4 minutes, 39 Seconds

Milano: Esiste ancora un mondo della tradizione propriamente detta? Esistono ancora i “veri” tradizionalisti nel XXI secolo? È una domanda alla quale è difficile rispondere, perlomeno per quanto riguarda noi occidentali, ma ciò che si può facilmente constatare è che ci sono molti tradizionalisti che oscillano tra il mondo tradizionale e quello postmoderno. Io stesso sono cresciuto ’giocando con i soldatini’ e seguendo valori che non erano molto dissimili da quelli di molte generazioni prima delle mie; ovviamente ho solo vissuto l’ombra del mondo tradizionale, l’ombra di un mondo che svaniva”¦ e solo pochi anni dopo le nuove generazioni erano completamente diverse. Mi ha aiutato a comprendere, o perlomeno a tollerare, questo nuovo mondo, il fatto di avere due fratelli molto più giovani di me; Il Principe Emanuele Filiberto appartiene a queste nuove generazioni, ha modi e pensieri che lo inseriscono completamente nell’era contemporanea: Principe in questa era, non nel passato. Personalmente il fatto che abbia deciso di partecipare a “ballando con le stelle” mi ha lasciato piuttosto allibito ma non tanto per il fatto che segua la sua vena ’artistica’ ma solo perché ha detto chiaro e tondo di farlo per soldi”¦ evidentemente è tramontata anche l’uanza che la nobiltà non toccasse il denaro”¦ ma che vada a ballare in televisione per mantenere la propria famiglia, credo che non ci abbia creduto nessuno... Il Principe ereditario ha poi dichiarato di volersi candidare alle prossime elezioni europee”¦ quanti voti di tradizionalisti e monarchici ha perso andando in un programma del genere? Quanti voti di vidioti ha guadagnato? E quanti di giovani “contemporanei” che semplicemente guardano quei programmi televisivi? il risultato lo vedremo solo dopo lo scrutinio delle schede, brogli a parte. Dunque tornando alla sua scelta televisiva, c’è da chiedersi cosa ci sia di male a seguire la propria vena ’artistica’ e andare a ballare in televisione, io direi semplicemente: nulla di male, magari come ballerino avrà successo però non posso giudicare perché non guardo, con mia conseguente ignoranza, quella che considero tv spazzatura e non la guardo neppure se c’è lui e non lo farei neppure se ci fosse la Regina di uno Stato in cui regni a tutti gli effetti la Monarchia ma questa è una mia scelta, un mio modo di essere, forse comune a tanti monarchici e tradizionalisti ma non comune alla maggioranza dei telespettatori, difatti programmi stupidi e diseducativi come il grande fratello, hanno avuto successo anche nel nostro Paese e devo dire che questo è un peccato perché, molti lo ricorderanno, l’Italia ha avuto, negli anni ottanta, un grande primato perché se la nostra televisione non la prima al mondo, era perlomeno tra le primissime; Si producevano ottimi programmi, trasmettevano una moltitudine di film, documentari e programmi culturali e soprattutto c’erano molte emittenti che competevano l’una con l’altra”¦ finchè non è arrivato Silvio Berlusconi che, col suo duello con la RAI, ha distrutto tutto, portando la televisione commerciale ai massimi livelli del minimo della vita”¦ Ma che cosa altro ha significato questo contemporaneo Principe da sballo? Avrete forse notato che per tutto il periodo natalizio ogni sito web in cui si potesse comprare uno spazio pubblicitario e in cui si citasse Vittorio Emanuele di Savoia o suo figlio Emanuele Filiberto, appariva un invito a lincarsi col sito del falso pretendente, il solito Amedeo di Savoia Aosta che, come un avvoltoio mediatico, coglie ogni occasione in cui IL Savoia, o suo figlio Emanuele, guadagnano spazio mediatico per tentare affannosamente di affondare il suo becco e far parlare di ’lui’. Non bastassero i link, c’è stato anche un rozzo tentativo di creare una reazione del Partito della Alternativa Monarchica”¦ già perché ogni tanto, senza porre giudizio ai testi o a chi li inoltra, noi ospitiamo comunicati stampa sulla nostra circolare e, dai nostri indirizzi di posta elettronica, ’giriamo’ notizie che non sono il nostro prodotto intellettuale ma, avendone girata una di Emanuele Filiberto, un dirigente dell’UMI ci scrive tempestando il Principe Ereditario di giudizi ’coloriti’”¦ ovviamente noi rispondiamo che, non trattandosi di un nostro comunicato, non possiamo rispondere alle sue email”¦ non contento, seguirono altre due email di fuoco e poi un link a una intervista a Sergio Boschiero, quel Rasputin che si porta sulla coscienza vari tradimenti monarchici”¦ Ma, tornando al dirigente che sentenzia sulla scelta artistica del Principe sabaudo, mi chiedo: a costui non hanno mai insegnato neppure i semplici proverbi? Già perché ne esiste uno piuttosto noto sul predicare bene e razzolare male, difatti questa persona sparasentenze non è in una posizione da potersi autodefinire un tradizionalista al 100%, dato che è notoriamente un omosessuale, cosa che pare abbia esternato proprio in televisione”¦ si capisce che sia ’aostano’ ma dovrebbe perlomeno evitare di voler bacchettare altri perché non seguono a puntino quella che lui ritiene essere la tradizione, quando lui per primo non la segue. E poi, scusate se insisto, cosa gliene importa a quel dirigente UMI e a tutti quei falsi monarchici che sono gli aostani di ciò che fanno o non fanno i Savoia discendenti di Umberto II se dicono che non sono loro i pretendenti al trono? non è forse l’ennesimo e noiosissimo controsenso? Per concludere su Emanuele Filiberto, ricordo che, da un punto del diritto dinastico, le azioni compiute da un Principe erede al trono prima di divenire Re, non contano nulla. A noi monarchici può piacere o non piacere che l’erede al trono balli in televisione ma sarà la sua epoca a valutarlo”¦ in fondo c’è solo un trono in ballo: le danze sono aperte.

Source by Matteo_Cornelius_Sullivan


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Emenuele...trascichi