Mercoledì
12:42:15
Giugno
25 2003

Nuovo Cortometraggio del regista GIUSEPPE SCUTELLA’ con i minori del Beccaria di Milano

View 167.2K

word 640 read time 3 minutes, 12 Seconds

Nuovo Cortometraggio del regista GIUSEPPE SCUTELLA' con i minori del Beccaria di Milano e gli studenti del Liceo VITTORINI e con la partecipazione straordinaria di FRANCA RAME Presentazioni:

+ 30 giugno ore 10.30 - 5 luglio ore 15.00 - con prenotazione obbligatoria presso I.P.M. Cesare Beccaria - Via Calchi e Taeggi 20 - Milano

+ 2 luglio ore 19.00 - ingresso libero presso Galleria Del Barcon - Alzaia Naviglio Grande, 54 - Milano

"Se tu non cerci lavoro il lavoro cerca te.ovvero...perché quella mattina dovetti svegliarmi percercare lavoro" èil titolo del nuovo cortometraggio realizzato dal regista- Giuseppe Scutellà con i minori del carcere IPM Beccaria di Milano ( CTP Marzio/Cavallieri ) , gli studenti del Liceo Vittorini e la partecipazione straordinaria di Franca Rame.

Il cortometraggio verrà presentato lunedì 30 giugno (ore 10,30) e sabato 5 luglio (ore 15.00) all’Istituto Penale Cesare Beccaria di Milano (via Calchi e Taeggi, 20). Per l’ingresso, a media e addetti ai lavori, la prenotazione è obbligatoria ( infoline: Federica Sala " tel.339.5491451 " info.liberamente@e-mail.it ) . Oltre alle presentazioni all’interno del carcere, il cortometraggio verrà proiettatto mercoledì 2 luglio (ore 19,00) alla Galleria Del Barcon di Milano (Alzaia Naviglio Grande, 54) con ingresso libero.

Nato da un'idea originale di Borghi, Mazoni, Merzagora, Scutellà , prodotto da Puntozero (che promuove lo studio e la divulgazione dell’arte e del teatro come strumenti di interventi sociale con particolare attenzione a luoghi e soggetti socialmente svantaggiati), CTP Anco Marzio, ETI e il Min.Della Giustizia, con- musiche originali composte ed eseguite dal Laboratorio musicale dell’IPM Beccaria - Ass. Suoni Sonori,"Se tu non cerci lavoro il lavoro cerca te.ovvero...perché quella mattina dovetti svegliarmi per cercare lavoro"vuole affrontare il problema di cosa significhi per un giovane diplomato/laureato o uscito di prigione la ricerca di un posto di lavoro, quali siano le sue paure e le sue ansie.

Così Giuseppe Scutellà descrive il lavoro realizzato. “Nella nostra società è indispensabile avere una collocazione. Ma ci siamo chiesti qual è il costo da pagare, quali i compromessi d'accettare affinchè si realizzi il sogno di mamma e papa: vedere il proprio figlio inserito socialmente e con un buon stipendio.

Nessuno di noi, dalla sceneggiatura alle riprese ha mai avuto dubbi che lavorare sia giusto. I dubbi nascevano da come viene gestito il lavoro nella società odierna. Merce tra le merci? Cos'è l’uomo in questo sistema? Un piccolo ingranaggio di un meccanismo più grosso di lui? E cosa significa il lavoro di oggi quando nessuno di noi sa che cosa realizza alla fine della sua giornata lavorativa?

La storia è quella di un 'eroè dei tempi moderni che terminato il suo iter scolastico si trova a dover cercare un posto di lavoro. Un posto nella società di cui lui, in fondo, vorrebbe e potrebbe anche farne a meno. Ma come fronteggiare gli sguardi accusatori dei propri genitori, dei propri vicini? Un posto va cercato ad ogni costo altrimenti, chi sei in questa società ? Gli altri non potrebbero ne collocarti ne chiamarti in virtù del detto che: ’noi siamo quello che facciamo’.

Ecco il nostro 'eroè alle prese con- aguzzini e truffatori del 'mercato' del lavoro.

Alla fine anche lui trova collocazione per buona pace di tutti. Ma una domanda lo assilla, quella che nel finale dolce/amaro chiude il cortometraggio;- 'se è vero che una vita senza lavoro non ha senso è anche vero che un lavoro senza senso non è vita'.

l’ambientazione si potrebbe definire espressionista dettata da esigenze esterne ma adottata come stilema registico. Un esempio su tutti è il trucco atto a difendere la tutela della privacy dei minori, è stato trasformato in conditio sine qua non che porta avanti il racconto. Ecco allora che gli uomini non sono più uomini ma creature ibride dotate di orecchie da topo. E anche in questo mondo il più potente è chi possiede le orecchie più grosse.”


Source by INFO


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Nuovo Co...di Milano
from: ladysilvia
by: MilanoFoodLab