Rom: Comune pronto a diffidare privati che non mettono in sicurezza aree dismesse

Lunedì
21:36:07
Aprile
27 2009

Rom: Comune pronto a diffidare privati che non mettono in sicurezza aree dismesse

Nomadi responsabili di centinaia di abusi edilizi. Al Parco sud le prime villette che saranno abbattute

View 134.5K

word 966 read time 4 minutes, 49 Seconds

Milano: "Con una cancellata, realizzata da unazienda specializzata che si è accollata gran parte della spesa in cambio di una sponsorizzazione, si chiude il capitolo della baraccopoli al cavalcavia Bacula sgomberata lo scorso 31 marzo. Ci auguriamo che soluzioni di questo tipo vengano attuate anche dai privati e da quegli enti pubblici che lasciano incustodite le aree dismesse. Una situazione che riguarda, per esempio, lex Palazzo delle Poste di piazzale Lugano. E che, se non sarà risolta a breve, determinerà lintervento del Comune che è pronto a emanare unordinanza per la messa in sicurezza delledificio, come è stato fatto per limmobile degradato di Santa Maria del Suffragio”. Lo ha dichiarato il vice Sindaco Riccardo De Corato che oggi ha effettuato un sopralluogo al cavalcavia Bacula insieme con la stampa. Erano presenti il Comandante della Polizia Locale Emiliano Bezzon, il vice Comandante Tullio Mastrangelo, il direttore del settore Manutenzione del Comune, ingegnere Pasquale Frezza e il titolare della ditta Orsogril, Lorenzo Orsenigo, che ha realizzato la cancellata di chiusura dellarea. "Tutte le situazioni di abusivismo - ha sottolineato De Corato - verranno rimosse. Ai rom non daremo tregua. Già nel 2007, il Prefetto aveva inviato una circolare a tutti i sindaci e alla Provincia, in cui chiedeva un impegno a mettere in sicurezza le aree. Grazie ai 10 milioni di euro stanziati dal ministero degli Interni, il Comune eseguirà ora interventi come quelli realizzati al Bacula nelle aree critiche segnalate dalla Polizia Municipale. E diffideremo i privati a fare altrettanto”. Il vice Sindaco ha poi fornito una mappa degli abusi edilizi realizzati dai rom sia nei campi regolari che in quelli abusivi (si veda allegato). "Escluse le aree di via Triboniano e di via Impastato - ha spiegato De Corato - tutti gli altri campi autorizzati hanno situazioni di abuso edilizio già denunciate dalla Polizia Municipale allautorità giudiziaria, che stante lo stato di necessità non ha ritenuto di perseguire i responsabili. Villette abusive si trovano però anche nei campi non autorizzati ma consolidati, come Montebisbino, nel Parco agricolo sud. Proprio qui, in via Cusago, il Comune ha già acquisito un immobile che, non appena sarà concluso liter, verrà abbattuto. Proprio come avvenne nella stessa area nellottobre 2005”. "Ma limpegno - ha aggiunto De Corato - è continuo. Sono già stati individuati, in altre aree della città, due stabili che verranno demoliti. Entro fine mese presenteremo dei progetti specifici al Prefetto che riguarderanno anche questo aspetto dellabusivismo edilizio, oltre a quello della messa in sicurezza dei campi regolari e della recinzione delle aree dismesse”.

Segue la mappa degli abusi edilizi compiuti dai rom e alcune foto del cavalcavia Bacula dove Amsa ha rimosso ben 240 tonnellate di rifiuti.

MAPPA ABUSI EDILIZI NEI CAMPI ROM
CAMPI NOMADI AUTORIZZATI
VIA IDRO 62 (zona 2)
Gli abusi edilizi sono stati denunciati all’A.G. che - stante lo stato di necessità - non ha ritenuto di perseguire i responsabili.
VIA BONFADINI 39 (zona 4)
Gli abusi edilizi sono stati denunciati all’A.G. che - stante lo stato di necessità - non ha ritenuto di perseguire i responsabili.
VIA IMPASTATO 7(zona 4)
Nessun riferimento a costruzioni abusive
VIA CHIESA ROSSA 351 (zona 6)
Alcuni abusi edilizi sono stati denunciati all’A.G. che - stante lo stato di necessità - non ha ritenuto di perseguire i responsabili.
VIA MARTIRANO 71 (zona 7)
Gli abusi edilizi sono stati denunciati all’A.G. che - stante lo stato di necessità - non ha ritenuto di perseguire i responsabili.
VIA NOVARA 523 - Macedoni - (zona 7)
Stante le piccole dimensioni dei moduli abitativi, tutte le famiglie hanno edificato intorno una struttura abusiva in muratura o in legno per ampliare l’abitazione. Per tale motivo sono stati tutti denunciati all’A.G. che - stante lo stato di necessità - non ha ritenuto di perseguire i responsabili.
VIA NOVARA 523 -Kosovari - (zona 7)
Stante le piccole dimensioni dei moduli abitativi, tutte le famiglie hanno edificato intorno una struttura abusiva in muratura o in legno per ampliare l’abitazione. Per tale motivo sono stati tutti denunciati all’A.G. che - stante lo stato di necessità - non ha ritenuto di perseguire i responsabili.
VIA BARZAGHI 16 - AREA 2 -Rumeni - (zona 8)
Nessun abuso edilizio
VIA TRIBONIANO 210 - AREA 0 - Bosniaci - (zona 8)
Nessun riferimento a costruzioni abusive
VIA TRIBONIANO 212 - AREA 1 -Rumeni - (zona 8)
Nessun riferimento a costruzioni abusive
VIA TRIBONIANO/BARZAGHI - AREA 3 - Rumeni - (zona 8)
Nessun riferimento a costruzioni abusive
VIA NEGROTTO 23 - (zona 8)
Gli abusi edilizi sono stati denunciati all’A.G. che - stante lo stato di necessità non ha ritenuto di perseguire i responsabili.
CAMPI NON AUTORIZZATI MA CONSOLIDATI
VIA BONFADINI, 38
VIA MONTEBISBINO S.N.
VIA SILLA S.N.
VIA VAIANO VALLE, 41
Per BONFADINI gli abusi edilizi sono stati denunciati all’A.G. che - stante lo stato di necessità - non ha ritenuto di perseguire i responsabili.
Per quanto concerne via VAIANO VALLE si tratta di una cascina di proprietà privata occupata abusivamente, nel cortile della quale sono state posizionate casette prefabbricate; per via MONTEBISBINO invece si tratta di aree acquistate direttamente da nomadi, sui quali hanno costruito vere e proprie villette, che successivamente sono state recintate creando un campo con accesso sul territorio di Baranzate.
INSEDIAMENTI IN AREA PRIVATA
VIA MARTIRANO 39
VIA MUGGIANO STRADA CAMPESTRE
VIA SELVANESCO PROSS. 50
Si tratta di insediamenti in aree acquistate direttamente dai nomadi (precedentemente adibite ad orti), ove sono state realizzate costruzioni abusive. Gli occupanti sono stati generalizzati durante interventi del Nucleo Problemi del Territorio mirati alla verifica degli abusi edilizi e alla conseguente denuncia dei responsabili.
INSEDIAMENTI IN AREA PRIVATA (VILLETTE)
VIA ANGHILERI
VIA CUSAGO 275
VIA MUGGIANO S.N.C.
VIA STEPHENSON
VIA MUGGIANO 50/B
Si tratta di villette, alcune anche di dimensione notevole, costruite abusivamente su terreni agricoli di proprietà dei nomadi stessi.

Source by Riccardo_De_Corato


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Rom: Com... dismesse