Internet e la tirannia del ricordo

Mercoledì
11:46:09
Marzo
31 2010

Internet e la tirannia del ricordo

In Delete, Viktor Mayer-Schönberger descrive il rovescio della medaglia della società digitale. Una società in cui le tracce di ciò che facciamo non svaniscono mai

View 132.6K

word 783 read time 3 minutes, 54 Seconds

Milano: Nel 2006, Andrew Feldmar, settantenne psicoterapeuta di Vancouver, stava attraversando il confine tra Canada e Stati Uniti per andare a prendere un amico all’aeroporto di Seattle. Alla dogana, l’agente di guardia ha digitato il suo nome su un motore di ricerca scoprendo che cinque anni prima aveva scritto un articolo nel quale accennava all’aver fatto uso di Lsd negli anni Sessanta. Trattenuto per ore, è stato cacciato dagli Usa e gli è stato impedito di rimetterci piede. Un episodio, certamente limite, che è esempio di ciò che può accadere in una società in cui, grazie alle tecnologie digitali, e alla memoria enorme, condivisa, accessibile e poco costosa che ne deriva, l’oblio del passato è bandito. Questa è la nostra società , spiega Viktor Mayer-Schönberger in Delete " Il diritto all’oblio nell’era digitale (Egea, 201! 0, 215 pagg., 19 euro), una società in cui “dimenticare è diventato l’eccezione e ricordare la norma”.

Per dare dimensione alla vastità della memoria digitale del nostro tempo, basta guardare ai dati conservati negli enormi server dei motori di ricerca. Mayer-Schönberger fa l’esempio del più famoso: “Nel 2007”, scrive, “Google ha ammesso di aver salvato ogni singola ricerca effettuata dai suoi utenti e ogni singolo risultato cliccato”. Conservando e organizzando qualcosa come 30 miliardi di ricerche al mese e abbinando login, cookies e indirizzi IP, “è in grado di collegare le ricerche fatte nel tempo da ogni utente con una precisione impressionante”. Ciò significa che il motore di ricerca “sa tutto ciò che abbiamo cercato e quando lo abbiamo fatto”.

Una strabiliante memoria digitale che aumenta di anno in anno con ritmi del 30% (Mayer-Schönberger stima che solo nel 2005 si siano immessi 10 miliardi di gigabyte di nuove informazioni), grazie al continuo abbattimento dei costi della tecnologia di memorizzazione: per fare un esempio, se un megabyte di spazio su un supporto negli anni Cinquanta costava 70 mila dollari, nel 2008 era arrivato a costare un centesimo di cent.

Ma quali sono i rischi insiti nel fatto che, grazie all’era digitale, siamo in grado di ricordare migliaia di cose in più rispetto al passato? “La bellezza dell’informazione digitalizzata”, scrive l’autore, “è che per cancellarla basta premere delete. Di primo acchito è così, ma raramente lo 蔝. Perchè lasciamo tracce di noi navigando su internet e condividendo file. E, una volta condivise, si perde il controllo sulle informazioni. È il motivo per cui, dopo aver acquistato un libro su Amazon, quest’ultimo ce ne consiglia altri ai quali potremmo essere interessati. Questo semplicemente incrociando i nostri dati di navigazione con quelli di altri utenti.

È dunque un panorama inquietante quello descritto da Mayer-Schönberger in Delete. La nostra vita di web surfer sembra essere continuamente spiata: “La principale azienda americana che fornisce informazioni di marketing”, scrive l’autore, “offre fino a mille data point per ognuno dei 215 milioni di nomi presenti nel suo database”.

L’accessibilità , la durevolezza e l’universalità della memoria digitale producono due rischi che Mayer-Schönberger evidenzia oggi: il primo è la perdita di controllo sulle informazioni, aumentando “la disparità di potere tra chi ha poche informazioni e chi ne ha molte”. E tra chi possiede enormi database ci sono, per esempio, i governi. Il secondo rischio riguarda invece il tempo. L’immagine che dà di noi un qualsiasi motore di ricerca è in realtà una fotografia incompleta e atemporale, formata da elementi spesso privi di connessione o addirittura in contraddizione tra loro. Andrew Feldmar è la persona che è oggi, che si è trasformata nel tempo, oppure è solo uno psicoterapeuta che ha ammesso di avere usato Lsd negli anni Sessanta? Quello reperibile in rete è “un passato che non è nostro e neppure di altri, ma che è stato ricostruito! con il numero limitato di informazioni registrate dalla memoria digitale. Si tratta di centinaia di scatti della nostra vita messi uno accanto all’altro senza una prospettiva temporale”.

Come combattere questi pericoli? Da scartare sono soluzioni come l’astinenza digitale, spiega Mayer-Schönberger, mentre non ancora sufficientemente adeguati sono i meccanismi di tutela della privacy stabiliti dalle legislazioni più recenti. Una possibile soluzione, da integrare ad altri metodi, invece, potrebbe essere quella prospettata nell’ultimo capitolo di Delete: una data di scadenza per le informazioni, che reintroduce così quel concetto di oblio che per millenni ha fatto parte della nostra vita. “L’obiettivo”, scrive Mayer-Schönberger, “è ribaltare la norma: dal conservare le informazioni per sempre, a cancellarle dopo un certo periodo”. Quello che propone, dunque, non è affatto un futuro ’ignorante’, ma “un futuro che riconosca che gli individui cambiano col passare del tempo, che le idee evolvono e che le opinioni si modificano”.

Source by Bocconi


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Internet...l ricordo