Galatrona vs Patrimo

Giovedì
13:25:36
Maggio
20 2010

Galatrona vs Patrimo

View 134.9K

word 778 read time 3 minutes, 53 Seconds

In principio fu il “Vigna l’Apparita“ del Castello di Ama.
Poi...un florilegio di altre etichette:Montiano,La Ricolma,Toro Desiderio,Lamaione,Masseto,Messorio,Redigaffi...
La corsa del Merlot in purezza non conosce soste.Non c’è regione che non vanti tentativi più o meno riusciti di sfruttare l’enorme potenzialità del vitigno bordolese.
Da qui il desiderio di misurarsi con due vini-simbolo della volontà pervicace di puntare a prodotti di grande fascino e personalità:Galatrona e Patrimo.
Da un vigneto centenario...scoperto quasi per caso...
lungamente ritenuto di aglianico,il Patrimo è il classico “body building wine“.
Con buona pace di chi non si emoziona al cospetto di imperfettibili costruzioni sensoriali,è un vino “monstre“,capolavoro di tecnica enologica,grondante di succoso frutto e piacevolezze,universalmente ritenuto eccellente.
Su toni più eleganti ,il Galatrona è il prodotto del vigneto“Vigna del Poggio“ in quel di Mercatale Valdarno.Creatura prima vagheggiata e poi fortemente voluta dallo spirito “artistico“ che alberga in Lucia Bazzocchi Sanjust,con la supervisione del principe indiscusso degli assaggiatori e degli esperti degustatori toscani Giulio Gambelli,il Galatrona è mirabile sintesi di untuosa fruttuosità e carnosità e spiccata territorialità.
Una sorta di “unicum“ sensoriale come s’addice ai fuoriclasse di ogni tempo e dove.
Nel contesto caldo e accogliente del wine-bar Cairoli...nell’inedita formazione composta dalla “Setta dei bevitori estinti“ in compagnia di Angelo Perilli...li abbiamo messi a confronto:Patrimo 2001 e Galatrona 2005.
Millesimi diversi,diversi terroir...ma tante analogie.
In comune c’è la ricchezza degli estratti:la resa di meno di un kg. di uva per ceppo assicura assoluti vertici di concentrazione ed un colore rosso rubino impenetrabile.
Le pareti del bicchiere grondano di lacrime glicerinose che nella loro apparente fissità sfidano quasi le leggi gravitazionali.
Poi...si dipana la diversità.
Il Patrimo 2001 è un vino masticabile,semiliquido,dove il legno nuovo ha lasciato un imprimatur dolce nel profilo olfattivo e gustativo.Allo “stappo“ presenta un velo di ossidazione,subito spazzato via da qualche energico scuotimento rotatorio.In definitiva il “misterico“ merlot dei Feudi di S.Gregorio conferma la sua muscolarità e la sua scarsa propensione all’invecchiamento.
Il Galatrona,dolcemente speziato, ha una marcia in più:terroso,fungino,minerale possiede un frutto copioso ma declinato decisamente su note più raffinate.
All’olfatto la viola campeggia sovrana.
Per entrambi i campioni nessuna particolare sbavatura.
E’ un roteare esaltante di nettari profumati e brillanti,belli a vedersi,sontuosi al tatto,appaganti in deglutizione.
La ricerca della massima naturalezza e maturazione,della massima estrazione e le cure maniacali in vigna si ritrovano nella trama del vino con un’evidenza esemplare.
A tratti il Galatrona è sembrato equilibratissimo,compiuto,sferico....poco più del Patrimo.
Fino al sopraggiungere di Marco Rinaldi e Michele Varraso.
Per Michele i vini erano ancora giovani,da aspettare....
Vale la pena spendere qualche riflessione sull’argomento.
Il vino è buono soprattutto se è equilibrato.
Ci sono diversi tipi di equilibrio:quello scaturente,in un vino relativamente fresco,dal perfetto bilanciamento fra le componenti “morbide“(zuccheri,alcoli,polialcoli) e le componenti “dure“(tannini,acidi,minerali).
E’ il caso del Galatrona 2005.
Poi c’è un equilibrio che si realizza nel tempo,quando gli spigoli delle varie voci gusto-olfattive si arrotondano e si ricompongono in unità.
Infine,e questo vale per un ristretto ambito di vini di grande caratura,c’è un equilibrio favorito dal lunghissimo invecchiamento in forza del processo di “maderizzazione“
del prodotto che va a compensare la perdita totale di tutte le caratteristiche primigenie e a fonderne armonicamente le residue.
Quest’ultimi sono vini per specialisti,per palati avvezzi a simili evoluzioni estreme.
Alla fine si conviene che gioca un ruolo fondamentale il gusto personale:ad ognuno il suo equilibrio “preferito“.
Come dice una nota canzone:“Ognuno invecchi come gli pare...“.
Per onorare il dono dell’imprevisto prolungamento della serata abbiamo aperto una bottiglia inattesa,stavolta proveniente dal mio personale “cilindro“ enoico:Piedra negra 2003.
Sì...è proprio il vino di cui l’attore francese Cristopher Lambert si attribuisce la paternità in una nota pubblicità(Fiat Doblò...)e che in realtà è prodotto dalla celeberrima casa vinicola Lurton.
Siamo in Argentina,ai piedi della catena andina.
E’ netto il passaggio ad un altro emisfero:profumi inusitati,quasi di sottobosco,fanno da corolla a sentori di frutta sotto spirito e note tostate.Non è il solito Malbec in purezza super-saturo e “palestrato“:è un vino composto e discreto e si avverte il fresco apporto dell’alta quota(oltre i mille metri...) a dare levità ed eleganza.
Un grande vino.
La chiusa con un superbo whisky scozzese è avvolta nella fumea del ricordo e delle nebbie alcoliche:davvero impossibile riportarne il nome.


ROSARIO TISO
*I contenuti dell’opera non possono essere riprodotti senza l’autorizzazione dell’autore

Source by rosario_tiso


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Galatrona vs Patrimo
from: ladysilvia
by: rosario_tiso
20 mag 2010
Galatrona vs Patrimo