Uomini e donne diversi in tutto. Diversi sempre

Lunedì
16:51:58
Maggio
24 2010

Uomini e donne diversi in tutto. Diversi sempre

Un’analisi delle disparità socio-culturali per superarne il divario nel nuovo libro Egea di Alessandra Casarico e Paola Profeta

View 133.2K

word 901 read time 4 minutes, 30 Seconds

Milano: Sei punti sui quali intervenire per riequilibrare le pari opportunità di donne e uomini in Italia nel mondo del lavoro, della politica ma anche della famiglia. È quanto propongono Alessandra Casarico e Paola Profeta, economiste della Bocconi, in Donne in attesa. L’Italia delle disparità di genere ” (Egea, 2010, 130 pagg, 16,50 euro). Un libro nel quale le autrici fotografano la situazione di quella che definiscono “l’attesa delle donne”, indagano le ragioni del ritardo e si interrogano sull’importanza di interrompere questa attesa che si rivela essere uno spreco, per l’economia nel suo complesso, ma anche per le famiglie, le imprese e la politica.

L’Italia, in ritardo rispetto alla scadenza degli obiettivi di Lisbona, fissata per quest’anno, per quanto riguarda per esempio il tasso di occupazione femminile (fermo al 47,2% mentre il target è del 60), lo è anche in merito ai differenziali salariali tra uomini e donne che appaiono crescenti con il livello di istruzione e di qualifica mettendo così in evidenza un problema di “segregazione verticale o accesso al vertice”. In Italia, infatti, solo l’1,8% dei membri dei cda e il 23,3% del top management delle imprese pubbliche e private è donna. La situazione non appare certo più rosea se dal mondo del lavoro si passa ad analizzare quello della politica (dove il numero di donne sindaco, per esempio, è di 10 su 100, e la quota delle parlamentari è del 21%) o della ricerca e sviluppo (dove però l’Italia non è più l’ultima della classe in Europa e sopra! ttutto dove si registra un aumento di donne ricercatrici, e quindi alla base della piramide della carriera accademica, del 10% contro una crescita media maschile del 4).

Ma se le donne appaiono in attesa è anche per un colpevole ritardo di interventi mirati a eliminare le disparità di genere. Ed è proprio sugli interventi necessari che le due economiste della Bocconi si soffermano individuando sei diverse aree sulle quali concentrare le azioni: i servizi pubblici, il fisco, i congedi di paternità obbligatori, la presenza femminile ai vertici delle imprese e quelle per i vertici della politica, il sistema pensionistico.

Nel capitolo dei servizi pubblici, per esempio, Casarico e Profeta individuano nella mancanza di asili nido il segnale più forte della carenza dello stato sociale italiano nella spesa per famiglie: solo lo 0,15% del Pil è infatti destinato a interventi diretti alla primissima infanzia. La situazione non cambia se guardiamo agli anziani: secondo le stime della Ragioneria di Stato l’Italia spende per il long-term care l’1,13% del Pil e questo nonostante l’Italia, con la Spagna, sia il paese con maggior numero di anziani e maggior invecchiamento della popolazione in Europa. “All’assenza di un welfare italiano nella spesa per famiglie”, notano a questo punto le due autrici, “si sopperisce con l’impegno della famiglia stessa, in particolare delle donne” che restano quindi lontane, per esempio, dal mercato del lavoro. L’applicazione anche in Italia di quanto fatto in questa direzione, per esempio, in Fr! ancia e Belgio, con l’adozione dei buoni-lavoro, o nel Regno Unito, che ha sperimentato invece i childcare voucher, “potrebbe rappresentare un’opportunità per le famiglie” e quindi per le donne.

Dai servizi pubblici, come gli asili nido, a un fisco amico delle famiglie. Anche così è possibile sostenere le donne e recuperare il ritardo accumulato. In questo caso Casarico e Profeta, che denunciano come il tema del lavoro femminile e delle leve fiscali per sostenerlo sia poco affrontato dal governo, propongono due diverse azioni. Prima di tutto mantenere una tassazione su base individuale “neutrale nei confronti delle scelte di partecipazione al mercato del lavoro a differenza della tassazione basata sul quoziente familiare associata però a detrazioni più generose rispetto a quelle attualmente presenti”. In secondo luogo azioni mirate ad aumentare la domanda di lavoro femminile da parte delle imprese alle quali andrebbe quindi riconosciuta una riduzione della tassazione “quando assumono una donna o quando non ne ostacolano il rientro nel mercato del lavoro”, “una tassazione più vantaggiosa ! che potrebbe in parte compensare l’impresa per il costo di fertilità che attribuisce esclusivamente alla donna e indurla così a modificare i suoi calcoli di convenienza quando confronta l’opportunità di assumere un uomo o una donna”.

Per Casarico e Profeta, quindi, è non solo possibile, ma necessario, ridurre lo stato di attesa in cui si trovano le donne con interventi che rendano, per esempio, esclusivo e pienamente retribuito il congedo di paternità o con l’introduzione di una soglia di rappresentanza femminile nei cda. Soluzioni che permetterebbero di riscrivere le storie di tante donne come provano a fare le due autrici a conclusione di Donne in attesa, raccontando quelle di Sofia, giovane mamma in carriera, ed Elena, nonna a 64 anni in un’Italia con più asili nido e un presidente della Repubblica donna.

Alessandra Casarico è direttore di Econpubblica, Centro di Ricerca sull’Economia del Settore Pubblico della Bocconi ed è professore associato di Scienza delle finanze in Bocconi. Ha pubblicato u riviste scientifiche nazionali e internazionali contributi sull’analisi dello stato sociale.
Paola Profeta è professore associato di Scienza delle finanze alla Bocconi. Ha insegnato in molte università all’estero in particolare in Spagna, Stati Uniti e Belgio. E’ autrice di numerose pubblicazioni su riviste nazionali e internazionali e di libri nel campo del’economia pubblica e fa parte del comitato editoriale della rivista CESifo Economics Studies.

Source by Bocconi


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Uomini e...si sempre