Israele, linea dura di Sharon sul viaggio di Arafat a Beirut

Martedì
09:39:52
Marzo
26 2002

Israele, linea dura di Sharon sul viaggio di Arafat a Beirut

Incerta la presenza del presidente palestinese
ai colloqui del vertice della Lega araba

View 135.0K

word 535 read time 2 minutes, 40 Seconds

GERUSALEMME - La presenza al vertice della Lega araba di domani e dopodomani in cambio di un cessate il fuoco unilaterale. Uno scambio inaccettabile per Arafat, secondo l’Autorità nazionale palestinese. Dopo quattro ore di discussioni sotto la guida delo stesso Arafat, l’Anp ha fatto sapere che non accetta le condizioni poste dal governo israeliano per la partecipazione del presidente palestinese ai lavori di Beirut.

"La partecipazione del presidente Arafat al vertice arabo è un diritto assoluto, non accetteremo che Israele utilizzi questo diritto per ricattare i palestinesi e la loro direzione", si legge in un comunicato. Il gabinetto dell’Anp ha studiato il documento presentato domenica sera dal mediatore statunitense Anthony Zinni e lo ha trovato molto distante dalle aspettative palestinesi. "La direzione palestinese - dice il comunicato - respinge ogni vincolo fra le conversazioni sul cessate il fuoco e il permesso ad Arafat di uscire dai territori per partecipare al vertice arabo".

Di conseguenza, la partenza di Arafat per Beirut si fa improbabile. Il primo ministro israeliano Ariel Sharon ritiene che "le condizioni non siano ancora mature" per permettere ad Arafat di andare al vertice. "Fino a questo momento - ha detto un portavoce del premier - le condizioni non sono mature per permettere a Arafat di andare all’estero. Arafat non ha impartito alcun ordine alla sua polizia di lottare contro il terrorismo e continua a abbandonarsi a incitazioni alla violenza. Se cambia atteggiamento riesamineremo la questione".

E da Pechino, dove è in visita, il ministro degli Esteri israeliano Shimon Peres ha detto oggi che il piano saudita per una pace arabo-israeliana è una "visione" ma che è irrealizzabile senza negoziati. Peres ha detto anche che se verranno esaudite le condizioni per un cessate il fuoco, non ci saranno problemi al viaggio del presidente palestinese Yasser Arafat a Beirut per il vertice della Lega araba.

Ma c’è divisione nel governo israeliano su questo tema. "Israele deve permettere al presidente palestinese Yasser Arafat di partecipare al vertice arabo di Beirut", ha detto stamane il ministro della Difesa Binyamin Ben Eliezer alla radio militare. Ben Eliezer ha aggiunto che Israele segue con interesse il dibattito in campo arabo sull’iniziativa di pace saudita: ritiro di Israele dai territori occupati con la guerra del 1967, creazione di uno Stato palestinese e riconoscimento dello Stato israeliano da parte della totalità i Paesi arabi.

Il gabinetto di sicurezza israeliano deciderà oggi se autorizzare Arafat a recarsi a Beirut, dove c’è comunque ottimismo. Un membro della delegazione palestinese al vertice ha dichiarato che "le probabilità di una venuta a Beirut del presidente Arafat sono sempre più grandi". A Ramallah, un responsabile palestinese ha detto che "molto probabilmente" il presidente dell’Anp parteciperà al summit.

La partecipazione di Arafat al vertice della Lega araba è caldeggiata dagli Stati Uniti, che stanno facendo pressione su Israele. Il mediatore Usa, Anthony Zinni, secondo la Cnn starebbe lavorando su una nuova proposta, arresti di palestinesi coinvolti nel terrorismo - e quindi sicurezza per Israele - in cambio del ritiro dell’esercito. Un aggiornamento del piano già proposto dal direttore della Cia, George Tenet.

Source by La_Repubblica


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Israele,... a Beirut