Rissa in zona Padova: interviene Polizia Locale

Lunedì
19:05:00
Agosto
23 2010

Rissa in zona Padova: interviene Polizia Locale

L’episodio in un call center. Il vice Sindaco De Corato: “Episodio conferma validità Ordinanze per il presidio del territorio. A oggi sono 104 le violazioni solo in quest’area“

View 134.2K

word 564 read time 2 minutes, 49 Seconds

Milano - “La rissa in un phone center tra bengalesi e nordafricani avvenuta ieri sera in via Crespi, zona via Padova, e sedata dalle forze dell’ordine, è la dimostrazione che la stretta oraria per alcuni esercizi attuata con le ordinanze si rivela più che sensata e ha determinato un maggiore controllo del territorio. A oggi sono 104 le violazioni solo in quest’area ma è importante soprattutto l’azione che sta svolgendo la Polizia Locale negli stabili del degrado dove vivono i clandestini, che poi creano i maggiori problemi di sicurezza. Solo nell’area di via Padova sono 265 gli appartamenti sottoposti a controllo, 641 le persone identificate complessivamente, 174 le denunce e 12 gli arresti, 54 gli alloggi segnalati all’Asl, 101 all’Ufficio Igiene, 5 quelli dichiarati inagibili, 14 gli impianti a gas pericolosi sequestrati. Nel quartiere sono state depositate finora 1.325 schede autocertificative (682 da proprietari, 643 da affittuari). E sono 51 i contesti per violazione all’ordinanza”.

Lo dichiara il vice Sindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato.

“L’azione contro gli irregolari -sottolinea De Corato ", ieri 2 malviventi in fuga hanno pure puntato un’arma contro l’auto della polizia che li inseguiva con la sirena, è costante e su tutto il territorio. Ancora oggi 3 clandestini sono finiti in manette grazie all’intervento della Polizia Locale. Un egiziano di 26 anni, denunciato anche per resistenza a pubblico ufficiale, è stato sorpreso in via Chiese senza patente a bordo di un veicolo. Da accertamenti è risultato non avere rispettato un ordine di espulsione della Questura di Cremona dell’ottobre 2007. In via Messina un cinese di 50 anni, fermato mentre girava in bicicletta, è risultato privo di permesso di soggiorno e a suo carico aveva un foglio di via del marzo 2009 della Questura di Milano. Infine è finito agli arresti un trans brasiliano di 33 anni trovato in via Chavez e risultato inottemperante a un decreto di espulsione della Questura di Bergamo”.

“Sono 488 " aggiunge De Corato " i clandestini fermati da inizio anno dai vigili, ovvero uno ogni 12 ore. Ma da quando si sono celebrati i primi processi davanti ai giudici di pace lo scorso settembre per il reato di immigrazione clandestina, le espulsioni procedono col contagocce. Va peraltro fatto notare che ci sono Paesi, come il Brasile, che collaborano scarsamente ai rimpatri. E che sono gli stessi clandestini a ostacolarli. Perchè in assenza di documenti, danno nomi fasulli: una volta si dichiarano egiziani, poi pachistani, quindi palestinesi. E se il ’pacchetto sicurezza’ ha prolungato a 180 giorni la permanenza nei Cie è anche per rispondere all’escamotage degli ’alias’. Un altro ostacolo è poi il fatto che il clandestino ha spesso in corso procedimenti penali per altri reati. E pertanto non può essere espulso fino a quando non si sia concluso almeno il primo grado di giudizio. Una beffa, alla fine gli diamo una sorta di permesso di soggiorno a tempo determinato. Che a causa delle lungaggini della giustizia diventa una mezza sanatoria. Come ha anche suggerito il sindaco Moratti -sottolinea De Corato -, è necessaria una modifica della normativa in modo da rimpatriare immediatamente chi ha già commesso reati che destano allarme sociale, scippi, furti, rapine, spaccio, lesioni, resistenza, liti, violenze sessuali. Solo così possiamo intensificare, come ha auspicato il ministro della Difesa La Russa, il contrasto all’immigrazione clandestina”.

Source by Comune_di_Milano


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Rissa in...ia Locale