Nomadi, sgombero in via Rubattino

Martedì
22:45:05
Settembre
07 2010

Nomadi, sgombero in via Rubattino

De Corato: “Volontariato chiude gli occhi su bambini ostaggio di violentatori già arrestati da Polizia Locale e Polizia di Stato. Ora Maroni ordini alle Prefetture di riprendere i rimpatri fermi al 2008”

View 134.4K

word 579 read time 2 minutes, 53 Seconds

Milano: “La litania dei bambini che non potranno andare a scuola è falsa, visto che a mamme e bambini è stato offerto un tetto nelle strutture comunali e in 23 hanno accettato. Ed è francamente ridicola di fronte ai crimini e alle violenze che si sono consumati in quell’area. E che potevano portare alla tragedia senza l’intervento della Polizia locale e delle forze dell’ordine. Perchè solo dieci giorni fa i vigili hanno salvato una sedicenne rom da uno stupro di gruppo sotto minaccia di pistola arrestando un diciannovenne del campo. E qualche giorno fa la Polizia di Stato è riuscita a individuare un secondo responsabile che è finito in manette. Uno spaccato che è fintamente ignorato da quel mondo buonista dell’associazionismo e dei sociologi abituato per partito preso a difendere sempre e comunque gli abusivi. Anche perché sul caso rom ci campano”.

Lo comunica il vice Sindaco di Milano e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato.

“Con l’intervento di via Rubattino " evidenzia De Corato " abbiamo smantellato il principale insediamento abusivo di Milano imponendo alla proprietà privata la messa in sicurezza. E abbiamo liberato i residenti che erano sotto scacco per le violenze dei 200 occupanti. La maggior parte se ne sono già andati fuori Milano con le proprie autovetture, mentre 23 (donne e minori) hanno accettato l’accoglienza nelle strutture comunali di viale Ortles e una donna con bimbo è stata accolta dai Padri Somaschi. Un segnale positivo. Alla luce anche dei bus diretti in Romania, che cominciano a spuntare, e che riportano in patria gli irregolari come è successo l’altro giorno al parco Cassins. I nomadi stanno cominciando a capire che per loro Milano è off-limits”.

“Con 315 sgomberi effettuati dal 2007 a oggi " spiega De Corato " Milano è riuscita a contenere i flussi di rom irregolari che sono esplosi dopo l’irresponsabile decisione del governo Prodi di accogliere la Romania nella Ue dimenticando che in quel Paese vivono due milioni di rom. E da 10 mila li ha ridotti a 1200. Ora serve però riprendere i rimpatri fermi al 2008. Il ministro Maroni, che ha annunciato un giro di vite anche sui reingressi, ordini alle Prefetture di riattivare gli allontanamenti per violazione della direttiva Ue 38 del 2004. E in base alla quale nel 2008 sono stati 143 i romeni nullafacenti allontanati per cessazione di diritti di soggiorno e 32 per motivi imperativi di pubblica sicurezza. Perchè La Polizia Locale di Milano, su mia disposizione ha cominciato sin dal luglio 2007 ad attivare procedure identificative di stranieri comunitari nullafacenti (dai rom presenti nei campi irregolari ai questuanti ai semafori) che dopo tre mesi, come prescrive la direttiva, non dispongono di mezzi di autosostentamento e non si sono registrati all’anagrafe. E le identificazioni non sono mai cessate. Così come le richieste di rimpatrio sottoposte al vaglio della Prefettura”.

“Grazie all’attenzione del Comune e della Prefettura " spiega De Corato " la ’bomba’ Rubattino è stata disinnescata. E i miei uffici sono letteralmente sommersi di ringraziamenti. Molti cittadini erano terrorizzati per la ripresa della scuola alla luce dei tanti episodi di delinquenza, violenza e inciviltà perpetrati dai nomadi. Molestie alle donne, aggressioni. Ma le lamentele comprendono di tutto: ruberie, furti in appartamento, vandalismi, automobili segnate, cancelli divelti, recinzioni del parco e alberi tagliati, citofoni danneggiati, tubi degli impianti di irrigazione rotti. Milano è ostile agli abusivi. Che verranno continuamente sgomberati ovunque si posizionino”.

Source by Riccardo_De_Corato


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Nomadi, ...Rubattino