BUONGOVERNO: Accelera la ripresa economica

Venerdì
14:06:24
Settembre
17 2010

BUONGOVERNO: Accelera la ripresa economica

View 134.4K

word 519 read time 2 minutes, 35 Seconds

Milano: Nelle ultime settimane una vera e propria ondata di cifre sull’economia e la crescita ha invaso, verrebbe da dire infestato, i giornali. In alcuni casi si è trattato di dati a consuntivo, quindi più che attendibili (vedi l’Istat); in altri di previsioni che hanno più che altro il connotato del “pronostico“, come nel caso dell’Ocse le cui stime di crescita dello “zero virgola“ sono accompagnate da un singolare avviso ai naviganti: il margine di errore è di cinque volte, tanto in negativo quanto in positivo (in sintesi: se dico +1% può essere +5 come -4).

Tornando sul terreno della concretezza, i dati dell’Istat basati sui primi due trimestri dell’anno ci dicono che la crescita del prodotto interno lordo già acquisita dall’Italia è dello 0,9%. Così resterebbe se accadesse che nel secondo semestre la crescita fosse pari a zero. In realtà è corretto ipotizzare (Istat, Commissione Ue, Bankitalia, Confindustria) che a fine anno la crescita definitiva oscillerà dal’1% all’1,3%. Al di sotto dei Paesi-guida d’Europa, al di sopra della Spagna ancora in piena recessione.
Ma è poi così siderale la distanza che ci separa da chi, nelle statistiche, va meglio di noi? Secondo alcuni analisti questo divario di crescita si accorcerebbe notevolmente se venisse preso in considerato il volume dell’economia sommersa, che non solo nel nostro Paese è di gran lunga superiore, ma è fisiologicamente cresciuta più che altrove nei due anni della crisi. Un ragionamento che porta a supporre (lo scrive oggi l’economista Francesco Forte) che la crescita reale del Pil sia superiore di un buon mezzo punto rispetto a quella prevista, attestandosi nel 2010 in un range tra 1,5% e 2%.

La distanza tra l’economia reale (con il sommerso) e l’economia delle statistiche è emersa in una recente ricerca del Sole 24 Ore, che ha provato a disegnare una mappa geografica della fedeltà fiscale degli italiani, partendo dal confronto tra i redditi (ufficialmente) disponibili, quelli cioè denunciati all’Erario, e i consumi effettivi dei cittadini. Con un risultato sorprendente, che ha rovesciato come un calzino gli stereotipi che vorrebbero l’evasione fiscale annidata nel ricco nord produttivo delle piccole imprese e delle partite Iva. E’ l’esatto contrario: la distanza tra quanto si ha e quanto si spende, cioè a dire il livello dei consumi in rapporto al reddito, registra un divario molto alto a partire da Sicilia, Campania e tutto il Sud (fa eccezione la Basilicata) per poi decrescere salendo verso il Nord dove i consumi risultano adeguati o addirittura inferiori al reddito disponibile.

Le considerazioni sulla crescita reale del Pil italiano vanno giudicate positivamente ma non devono essere in alcun modo “consolatorie“. Devono piuttosto essere di stimolo all’azione del governo, che ha scelto di mettere la riforma fiscale al centro della sua attività da qui a fine legislatura. Finora la lotta all’evasione e al lavoro nero ha dato ampiamente i suoi frutti. Adesso, accanto al redditometro, la battaglia per un fisco giusto, la vera e propria riforma, passa attraverso l’attuazione del federalismo fiscale. Tra gli obiettivi anche quello di mettere quel mezzo punto di Pil del sommerso anche nelle statistiche ufficiali.

Source by Forzasilvio_it


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / BUONGOVE...economica
from: ladysilvia
by: UNIPR