AFGHANISTAN: La democrazia come obiettivo

Lunedì
23:34:42
Ottobre
11 2010

AFGHANISTAN: La democrazia come obiettivo

View 167.2K

word 572 read time 2 minutes, 51 Seconds

Roma: Ogni volta che ci sono vittime italiane in Afghanistan riparte la polemica sulla “guerra“ lontana, sul nostro ruolo a Herat, sugli obiettivi e la logica delle strategie. Diversi punti di vista attraversano gli schieramenti, ma è a sinistra, soprattutto, che ormai emergono le divisioni.

L’estrema sinistra e certe associazioni non hanno vergogna a dire che i nostri militari si trovano in Afghanistan non solo per portare aiuto, ma per “ammazzare“, come ha detto a Radio24 oggi Cecilia Strada (Emergency). Al contrario, esponenti di Centro o anche del PD come Casini, Rutelli e Fassino si dicono pronti a rafforzare le nostre difese militari.

La posizione del governo è chiara e lineare sin dal principio.

Gli italiani si trovano in Afghanistan con l’obiettivo di contribuire a ricostruire il tessuto sociale e produttivo del Paese, garantendo tutti i capisaldi di una democrazia moderna. In sostanza, libertà e sicurezza. Basta leggere il reportage di Lorenzo Cremonesi oggi sul Corriere della Sera per capire che laddove gli italiani sono presenti, c’è una speranza per la popolazione civile, per tutti coloro che hanno a cuore il futuro dell’Afghanistan. È stupefacente, scrive Cremonesi, che vi siano ormai quattro voli al giorno da Kabul a Herat, gestiti per di più da tre compagnie aeree diverse e “hostess che ti sorridono spigliate, talvolta anche quasi senza velo quando meno di dieci anni fa c’era la guerra“. All’idea che gli italiani se ne vadano, la reazione dei locali è netta: “No, guai, non lo pensate neppure. Qui sarebbe un massacro peggiore di tutti i precedenti“. Commozione per la morte dei quattro alpini. “Tragico. Assurdo. Sono morti per noi, poveri ragazzi!“. Nel 2009 la strada per l’aeroporto era sinonimo di attentati e rapimenti. Oggi è cambiato tutto, gli italiani pattugliano. Di più: la vecchia zona industriale “è rifiorita“ con una ventina di nuove azienda, il rilancio dell’occupazione e l’incremento del numero di iscritti all’Università .


Gli italiani stanno svolgendo il loro lavoro in modo impeccabile. Il generale Petraeus ha reso omaggio ai quattro alpini definendo i nostri soldati “eroici e altruisti“. Due aggettivi che dicono tutto. Del resto lo hanno dimostrato in tante missioni all’estero. Soprattutto, non c’è un contingente straniero che sia più capace di stringere rapporti con la popolazione locale e farsi amare e rispettare al di là della forza delle armi. In più, i “nostri“ sono ottimi combattenti. Professionisti. La stessa proposta del ministro La Russa di armare con bombe gli aerei, al di là delle polemiche e dei distinguo dimostra che abbiamo voluto evitare qualsiasi rischio di “danno collaterale“ con vittime civili.


L’Italia è un partner intelligente e affidabile per gli Stati Uniti e tutti i nostri alleati. È stata la prima a rispondere positivamente all’appello di Barack Obama per un maggior impegno in Afghanistan quando la guerra sembrava persa. Oggi la situazione è migliorata, ma il nostro obiettivo sarebbe quello di dichiarare concluso il nostro compito nel 2011, mantenendo una presenza finalizzata all’addestramento fin quando sarà necessario. Ma qualsiasi decisione, ribadisce il ministro La Russa in un’intervista oggi a La Stampa, non sarà da noi presa in modo unilaterale, cioè il disimpegno sarà concordato al momento opportuno con gli alleati. La nostra missione resta una missione “di pace“, che produce ogni giorno effetti forse mediaticamente invisibili ma positivi e concreti, anche in funzione di deterrenza del terrorismo internazionale. Questo è un modo serio di affrontare la crisi afgana. Il resto è demagogia.

Source by Forzasilvio_it


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / AFGHANIS...obiettivo