Stazione Centrale: Più accogliente e sicura

Martedì
00:20:15
Ottobre
12 2010

Stazione Centrale: Più accogliente e sicura

Moratti: “Più accogliente e sicura con un nuovo sistema di videosorveglianza”

View 131.4K

word 549 read time 2 minutes, 44 Seconds

Milano: “Il Comune di Milano sta creando un vero sistema di “Porte di Milano”. Le nuove porte si chiamano Malpensa, Linate, Stazione Centrale. Porte da cui entrano ogni giorno migliaia di turisti, professionisti, lavoratori attratti dalla competitività di Milano, dalla sua bellezza, dalla sua forza innovativa e produttiva. Un’attrattività che richiede adeguati livelli di sicurezza. La sicurezza della Stazione Centrale cresce, grazie all’impegno del Governo, di Milano e di Trenitalia”. Lo ha detto, oggi, il Sindaco Letizia Moratti, alla Stazione Centrale, alla presenza, tra gli altri, del ministro dell’Interno Roberto Maroni, intervenuta alla presentazione dei nuovi impianti di sicurezza a Milano centrale a Torino Porta Nuova, collegate dall’Alta Velocità .

“Oggi, alla centrale operativa collegata con la Polizia locale che abbiamo attivato con la recente ristrutturazione della Stazione " ha spiegato il Sindaco - si aggiunge un nuovo sistema di ’videosorveglianza integratà, con due nuove Sale operative, gestite dalla Polfer, 300 telecamere a circuito chiuso, videowall e impianti a registrazione digitale per la tutela, istante per istante, dei passeggeri, con un investimento complessivo di oltre 11.4 milioni di euro”.

Il progetto “Videosorveglianza integrata” coinvolge tutto il Paese ed è stato sviluppato con una stretta collaborazione tra il Ministero dell’Interno e Grandi Stazioni, sulla base delle esigenze operative delle Forze dell’Ordine.

L’investimento globale complessivo, finanziato dal CIPE, per il progetto di Videosorveglianza Integrata è di circa 44 milioni di euro.

I lavori per la realizzazione dei due sistemi di Milano Centrale e Torino Porta Nuova sono stati condotti insieme ai lavori di riqualificazione di Grandi Stazioni e hanno avuto una durata di circa 40 mesi.

“Oggi la Stazione Centrale si presenta alla città con un volto rinnovato. L’area infatti non è più una zona franca e terra di nessuno, ma è uno spazio fruibile dai cittadini in tranquillità e sicurezza, grazie anche ad un intenso lavoro dell’Amministrazione volto a trasformare quest’area, che rappresenta uno dei biglietti da visita più importanti della nostra città ” - ha dichiarato il Vice Sindaco e Assessore alla Sicurezza, Mobilità e Trasporti Riccardo De Corato -
“Dal punto di vista della sicurezza abbiamo fatto degli enormi passi avanti - ha proseguito il Vice Sindaco - l’area circostante alla Stazione Centrale è monitorata, infatti, da un attento sistema di videosorveglianza composto da 69 telecamere di cui 8 collocate solo nel tunnel di Via Brianza, 10 telecamere “urla e sparo” e 12 colonnine SOS. Le telecamere sono costantemente collegate con la Control Room di via Silvio Pellico che permette di seguire in tempo reale quanto accade nella zona e di intervenire tempestivamente. L’area, inoltre, è costantemente presidiata dalle Forze dell’Ordine 24 ore su 24 grazie ad un lavoro coordinato fra diverse forze dell’ordine: Polizia Locale, Polizia di Stato, Guardia di Finanza e Polfer”

Il sistema di Videosorveglianza Integrata sarà attivato anche nelle stazioni di Venezia Santa Lucia, Venezia Mestre, Verona Porta Nuova, Genova Piazza Principe, Genova Brignole, Bologna Centrale e Firenze Santa Maria Novella.

“La nuova Stazione Centrale - ha concluso Letizia Moratti - è sempre più centro nevralgico della mobilità milanese e porta di accesso alla città anche per i futuri visitatori dell’Expo Milano 2015, e si integra al meglio con il piano di potenziamento dei trasporti urbani messo in campo dal Comune di Milano”.

Source by Letizia_Moratti


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Stazione... e sicura