Strade, Scuole e monumenti violentati

Lunedì
03:02:22
Dicembre
06 2010

Strade, Scuole e monumenti violentati

View 171.1K

word 878 read time 4 minutes, 23 Seconds

Alla contestazione di parte degli studenti universitari sulla possibile entrata in vigore del ddl Gemini, in discussione alla Camera, si è unita anche una parte degli studenti delle scuole superiori con tratti piuttosto violenti.

Dalle goliardiche sfilate, si è passati ai lanci di uova marce, ai tentativi di occupazioni dei monumenti e delle scuole, ai blocchi delle lezioni.

Non vi è dubbio (e in linea di massima si è tutti d?accordo) che la nostra scuola e l?università abbiano urgente bisogno di una terapia incisiva ed efficace per uscire dal ?coma? e riconquistare il prestigio perduto, come non vi è dubbio che le riforme presentate da questo Governo possano essere migliorate.

Ma l?ASASi, associazione nata per la difesa delle finalità istituzionali d?istruzione educazione e formazione proprie delle scuole, non può non stigmatizzare gli aspetti negativi di questa contestazione che si va trasformando in una protesta demagogica fine a se stessa, dando spazio alla violenza di piazza con comportamenti penalmente rilevanti e contribuendo, nello stesso tempo, a perpetuare lo stato di coma delle istituzioni formative.

Ci chiediamo, perciò, se i ragazzi sanno che occupare una scuola comporti delle precise responsabilità non solo per i danni che potrebbe subire la struttura ma specialmente per l?interruzione di un pubblico servizio e per avere leso un diritto di quanti vorrebbero frequentare le lezioni? E sanno che le loro responsabilità si aggravano se i loro colleghi, ai quali non è permesso entrare a scuola, non hanno alle spalle una famiglia in grado di sostenerli e di offrire opportunità formative e integrative rispetto alla scuola?

Non siamo soliti gridare: ?Dimettiti, dimettiti!? a questo o a quell?altro politico, ma non intendiamo, però, rinunciare al diritto di chiedere, per esempio, all?assessore regionale all?Istruzione, Mario Centorrino se, come hanno riportato alcuni organi di stampa, abbia definito le occupazioni e le autogestioni ?esempi di democrazia? e specialmente non intendiamo rinunciare al diritto di sapere che cosa sia la ?democrazia? per l?Assessore alla P.I. della nostra Isola.

Come si può affermare che quanti s?impossessano dei locali scolastici con la prepotenza e la sopraffazione dimenticando che esistono norme e organismi collegiali a decidere una legittima gestione degli spazi educativi pubblici, offrono ?esempi di democrazia??

Ha fatto bene il dirigente scolastico Roberto Tripodi a presentare le dimissioni di consulente della V commissione quale esperto in materia di Pubblica Istruzione perché messo a disagio da dichiarazioni che delegittimano quanti, presidi, genitori, studenti, docenti, questore, tentano in questi momenti difficili di garantire il diritto allo studio.
Ci amareggia ulteriormente la notizia dell?invito rivolto dall?Assessore Centorrino al Prof. Tripodi perché ritiri le dimissioni e vada a trovarlo nel suo ufficio dove avere un confronto per comprendere ognuno i propri pensieri.
Ma si dimentica il Prof. Centorrino che la sua è una pubblica dichiarazione fatta dall?Assessore regionale alla Pubblica Istruzione e non si può considerare una battuta tra amici mentre si chiacchiera del più e del meno seduti al tavolo di un bar?
Nessuno può dimenticare che i giovani seguono i modelli e gli esempi proposti dai grandi e se uno dei problemi più gravi dei giovani d?oggi è, come evidenziato da diversi studi, quello della mancanza d?identità, sarà consequenziale l?identificazione con i modelli esterni.

Riconosciamo che l?etica dell?uomo politico o dell?operatore scolastico è l?etica del singolo in quanto, come per ogni altra persona, nasce dalla sua coscienza morale, dal suo credo, dalle sue convinzioni; ma, a differenza di un comune cittadino, chi ha un ruolo di rappresentanza o è istituzionalmente deputato alla formazione, deve essere ben consapevole delle possibili conseguenze morali, sociali e culturali di ogni sua parola.
Per noi dell?ASASi l?unico modo per difendere la scuola pubblica siciliana dal disastro é quello di riportare a serietà i problemi, evitando i cedimenti alla demagogia e al lassismo, che sono invece prodromici allo sfascio cui forse, inconsapevolmente, portano atteggiamenti e comportamenti avventurosi e improvvisati.
I dirigenti scolastici poiché responsabili della scuola che dirigono, non possono dimenticare che quando comportamenti, formalmente e sostanzialmente illegali, (e queste occupazioni violente sono illegali) sono tollerati troppo a lungo, nell?immaginario collettivo sono visti come liturgie da celebrare in diversi periodi dell?anno scolastico.

Anche a noi piace citare, come ha fatto l?Assessore Centorrino, il sociologo Albert Hirschman, che diceva che ?una collettività davanti ad un problema o fugge, oppure sceglie di farsi sentire?.
I dirigenti scolastici,che hanno la responsabilità dei risultati educativi,non possono fuggire perché hanno l?obbligo morale e professionale di sentire gli alunni, di misurarsi quotidianamente con i loro concreti problemi senza, però, rinunciare al dovere di garantire la legalità e il godimento del diritto allo studio per tutti.
Anche i docenti, però, dovrebbero pensare che non convocando gli organi collegiali per valutare il comportamento degli studenti che col passamontagna bloccano le lezioni, si mostrano oggettivamente conniventi con le occupazioni. Per non dire del sindacato che, nel tentativo di cavalcare la tigre impazzita, potrebbe restare sbranato.
Siamo comunque convinti che ogni sistema, specie se pubblico, funzionerà per il meglio quando ogni componente saprà giocare il proprio ruolo, non fuggendo ma dirigendo le proprie energie senza esserne schiavo, e si porrà ad esempio con la piena assunzione di responsabilità.

Giuseppe Luca, pippo.luca@alice.it, 3334358311
Direttore Responsabile della ?Letterina?

Source by ASASI_Ass._Scuole_Autonome_Sicilia


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Strade, ...iolentati