Sharon: "Arafat è un nemico" Carri armati israeliani a Ramallah

Venerdì
12:34:26
Marzo
29 2002

Sharon: "Arafat è un nemico" Carri armati israeliani a Ramallah

Arafat: "non ci arrenderemo, spero di morire da martire"

View 136.0K

word 491 read time 2 minutes, 27 Seconds

RAMALLAH -- Le contraddizioni e le difficoltà enormi per una risoluzione della questione mediorientale sono tutte in queste ultime ore. Dopo che giovedì sera il presidente dell’Autorità Palestinese Yasser Arafat aveva dichiarato un "cessate il fuoco immediato e incondizionato", venerdì, Israele, ha circondato con carri armati e bulldozer il suo quartier generale, a Ramallah, ed ha iniziato ad abbattere i muri e le protezioni esterne, riuscendo a penetrare all’interno.

In tutta l’area sono in corso combattimenti, ed una parte del comprensorio di Arafat, in Cisgiordania, è in fiamme. Le immagini della televisione del Qatar Al Jazeera mostrano fumo salire dal complesso.

Ma Zinni non molla la mediazione

Quattro persone sono morte e 25 sono rimaste ferite, di cui quattro in modo grave, nel corso dell’operazione israeliana a Ramallah. La città è senza elettricità e, secondo fonti locali, c’è resistenza contro gli israeliani e sparatorie sono in corso in numerosi punti della città .

Nonostante la nuova ondata di gravi violenze, l’inviato americano Anthony Zinni ha deciso di rimanere ugualmente nella regione per continuare la sua missione di pace: lo ha reso noto un portavoce dell’ambasciata americana a Tel Aviv.

Sharon: "Chiedevamo pace, la risposta è stata terrorismo"

Poco prima dell’iniziativa militare il premier israeliano Ariel Sharon aveva tenuto a Gerusalemme una "bollente" conferenza stampa nella quale ha sostenuto che Israele ha cercato "in tutti i modi" di raggiungere un cessate il fuoco con i palestinesi, a cui "ha teso una mano di pace" e ha ricevuto in cambio "terrorismo, terrorismo terrorismo".

"Nessun altro paese al mondo avrebbe potuto tollerare una tale serie di attentati" ha aggiunto ricordando i 21 morti della strage di Natanya, i quattro morti della incursione nella colonia di Elom Moreh e i due morti di Netzarim, di venerdì.

Infine ha dichiarato Arafat "un nemico" e ha annunciato che per tale Israele l’avrebbe trattato, isolandolo. Detto fatto sono cominciati gli attacchi al quartier generale del leader palestinese.

Arafat: "non ci arrenderemo mai"

Dalla parte opposta ovviamente reazioni "in linea". Parlando al telefono con l’emittente del Qatar Al Jazeera, Arafat ha usato parole dure: "Israele mi vuole prigioniero, o morto, o vuole espellermi, ma io dico di no. Spero di diventare un martire in terra santa. Ho scelto questo percorso e se cadrò, un giorno un bambino palestinese innalzerà la bandiera palestinese sulle nostre moschee e chiese", ha dichiarato dal suo quartier generale a Ramallah sotto assedio. "Nessun palestinese e nessuno nella nazione araba si arrenderà o si piegherà ".

Prima, il consigliere di Arafat Nabil Abou Roudeina aveva definito il discorso di Ariel Sharon una "evidente dichiarazione di guerra contro il popolo palestinese".

Continuano intanto le violenze nei Territori, secondo la radio israeliana, che ha segnalato l’uccisione nella mattinata di due coloni ebrei, da parte di un palestinese armato di coltello nella striscia di Gaza, a Netzarim.

Source by CNN


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Sharon: ... Ramallah