L’amore per il vino

Martedì
22:37:53
Gennaio
25 2011

L’amore per il vino

View 135.1K

word 477 read time 2 minutes, 23 Seconds

Col tennis, che praticavo con grande gusto ed in maniera assolutamente dilettantistica, tutto andò per il meglio fino a quando non mi attrezzai come un giocatore che si rispetti:completo nuovo dell’Adidas, racchetta nuova, moderna, ultraleggera!
Da allora non ho giocato più. Mai più.
Poi è stato il turno della mia passione per i boschi e quella correlata per i funghi. La Foresta Umbra, nel cuore dell’amato Gargano, era diventata il mio regno. Un paio di volte alla settimana, nel periodo propizio, la setacciavo in lungo e in largo alla ricerca di porcini(. . ed il loro re:il “boletus aereus“... il porcino nero), dell’ineffabile “amanita caesarea“(... ovolo buono) e del gustosissimo “chantarellus cibarius“(il nostro “gallinaccio“).

Poi decisi di fare sul serio. Non più il primo ramo che capitasse a tiro per sostenermi nel cammino e spostare le felci e farmi strada nel sottobosco... ma un bastone serio, con tanto di puntale a sonagliera per scongiurare l’incontro con l’unico animale dal morso velenoso che abita le nostre terre:la vipera;non più un normale coltello da cucina ma un coltello professionale per estirpare i preziosi frutti della micorriza con tutte le cautele senza devastarne il micelio. Sarà... ma dopo questi acquisti apparentemente dovuti non sono più andato a funghi. Incredibilmente.

Adesso è la volta del vino.
Sto per intraprendere il terzo ed ultimo corso per diventare sommelier:che effetti avrà sul mio amore per il frutto della vite?

Lo incrementerà, lo arricchirà, lo consoliderà?o ne decreterà il declino?
Spesso ho pensato a quale meccanismo psicologico venga ingenerato dal voler dare veste ufficiale, quasi istituzionale ad una passione.
In me sembra che pregiudichi l’intento ludico, edonistico, gioioso che mi muove e lo trasformi in qualcosa che non mi piace più. E’ come se la mente prendesse il sopravvento sull’istinto per convincere l’Ego dell’ineluttabilità di bisogni che forse non esistono realmente.
Io godo già, nella mia ignoranza tecnico-esperienziale, nel sorseggiare un buon calice di vino:cosa dovrei pretendere di più?Che altro mi serve?

E’ un interrogativo esemplare che potrebbe essere applicato a tutti gli aspetti della vita.
Troppo spesso si cerca altrove quel che si ha già e ci si affanna per quello che in fondo non ci manca.
Si dovrebbe vivere come si sente e non farci dettare dal pensiero razionale imperativi che non ci appartengono.

Ma per il vino... son sicuro... sarà diverso.
Non accadrà che il voler rivestire di forma la sostanza finisca per svilirne l’essenza. Perchè è una grande e radicata passione e nessuna terminologia predefinita, nessuna gestualità precostituita, nessun nozionismo potranno inquinarne le arcane sorgenti, profonde e spirituali a sufficienza per sottostare e reggere a qualsivoglia sovrastruttura gli si voglia addossare.

Questa... la mia speranza.

ROSARIO TISO
*I contenuti dell’opera non possono essere riprodotti senza l’autorizzazione dell’autore.

Source by rosario_tiso


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / L’amor...r il vino