Al ballottaggio il sorpasso è possibile

Sabato
11:42:40
Maggio
21 2011

Al ballottaggio il sorpasso è possibile

View 3.2K

word 527 read time 2 minutes, 38 Seconds

“I ballottaggi non sono il secondo tempo, - scrive Il Foglio - sono come il ritorno di una partita di pallone. Tutto si rimette in gioco: tattiche, ruoli, opzioni. Tutto nuovo e dunque tutto possibile. ’La partita a Milano e Napoli è ancora aperta, ed è ancora da giocare’, ha detto ieri il direttore di Repubblica, Ezio Mauro, nel corso della riunione di redazione del suo quotidiano”.

“Sondaggisti, esperti di comunicazione elettorale sono al lavoro per conto dei candidati nei ballottaggi che si terranno tra meno di dieci giorni. Difficile decifrare il clima. Il fotogramma scattato al primo turno descrive il sindaco di Milano Letizia Moratti sconfitto di circa sei punti dallo sfidante Giuliano Pisapia. Ma nel corso della nuova partita il ribaltamento del risultato non è impossibile. ’Nel 2008 Francesco Rutelli vinse al primo turno contro Gianni Alemanno. Il candidato del centrosinistra ottenne il 46 per cento dei suffragi, quello del centrodestra il 40. Al ballottaggio la situazione però cambiò radicalmente, e Alemanno vinse su Rutelli con il 53,66 per cento dei voti’, ricorda a Il Foglio Alessandra Ghisleri, sondaggista di Euromedia Research”.

“Quali nuovi meccanismi scattano al secondo turno? ’Il ballottaggio è un confronto, se vogliamo, più semplice rispetto al primo turno’, dice Ghisleri. ’Si sfidano due sole persone, due idee di città, due modelli culturali. È una sfida polarizzata. I due sopravvissuti alla selezione del primo turno si dividono i consensi dei candidati sconfitti ma giocano da soli, senza più una squadra alle spalle, perché non godono l’effetto del voto di lista. Si innescano meccanismi completamente nuovi, molto difficili da interpretare. Contano il carattere, la comunicazione, la personalità’”.

“Nel 2001 il candidato sindaco socialista di Parigi Bertrand Delanoë si giocò il secondo turno e vinse, partendo da una situazione di svantaggio iniziale. Al primo turno una parte dell’elettorato socialista gli aveva preferito un altro candidato, Jean Tiberi. Solo al secondo turno, - prosegue Il Foglio - messi di fronte alla possibilità che a Parigi vincesse il candidato del partito neogollista Philippe Sèguin, gli elettori socialisti tornarono a votare Delanoë malgrado non fosse stato la loro prima scelta. ’Nel caso di Milano - conclude Ghisleri - conteranno molto due fenomeni: l’astensionismo complessivo e il comportamento degli elettori moderati del Terzo polo e di quelli più radicali che avevano votato per il movimento di Beppe Grillo’“.

“Andrea Augello, senatore del Pdl, è uno che di campagne elettorali ne ha fatte tante, da quando aveva i calzoni corti. ’I ballottaggi sono partite aperte. Per questo non dispero affatto su Milano e non esulto per Napoli’, spiega a Il Foglio. ’Ai ballottaggi solitamente votano i due terzi degli elettori che si sono espressi al primo turno. Si manifesta un astensionismo che colpisce soprattutto il voto di opinione e quello meno fidelizzato’”.

“Nel caso di Milano, i meno fidelizzati sono i grillini, potenziali sostenitori di Pisapia. ’Al secondo turno è importante mandare pochi messaggi ma chiari e frenare l’astensionismo. Bisogna giocare più aggressivi. Parlare della città, ma anche tentare un grande abbraccio emotivo’“.
“’Noi invece dovremmo fare come i francesi sulla Marna’. Cioè? ’Erano circondati dai tedeschi, i manuali di guerra prescrivevano di stare fermi, loro invece attaccarono. Fu una vittoria’”.

Source by Forzasilvio_it


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Al ballo...possibile