Frontalieri: PD, Grazie a Noi presto incontro Italia-Svizzera

Martedì
09:43:58
Agosto
09 2011

Frontalieri: PD, Grazie a Noi presto incontro Italia-Svizzera

Comi (Pdl): "Avvio Negoziati Successo Per Gioco Di Squadra, Sbagliato Mettere Cappello Politico”. Problematica Affrontata Dopo Mie Interrogazioni Presso La Ue E Proseguita Con Battaglia Pdl In Provincia Varese E Regione Lombardia. Nessuna Guerra In Corso Con La Svizzera

View 130.1K

word 411 read time 2 minutes, 3 Seconds

Varese: "Liniziativa del governo che riprenderà a settembre i negoziati con la Svizzera per affrontare la questione dei ristorni fiscali dei 55 mila frontalieri lombardi della zona di confine, che provengono dalle province di Varese, Como, Lecco, Sondrio, è la chiave di volta per risolvere la questione. La diplomazia è la via da percorrere da sempre indicata: di certo non è quella della magistratura elvetica. Che il Pd voglia mettere il cappello politico sulla vicenda è sbagliato oltre che non corrispondente alla verità storica. La vittoria è bipartisan, frutto di un gioco di squadra. Ed è stata ottenuta dapprima con iniziative presso lUnione europea, proseguita con il coinvolgimento a più livelli istituzionali, dalla Provincia di Varese alla Regione Lombardia, alla collaborazione con deputati svizzeri che hanno fatto da intermediari. La vittoria è del territorio e dei lavoratori, che non hanno tessera di partito”. Lo afferma il vice coordinatore lombardo del Pdl ed europarlamentare Lara Comi.

"Se vogliamo inquadrare bene la vicenda – spiega Comi – dobbiamo dire che linteresse sulla problematica dei frontalieri è nato dapprima, ed è stato condiviso, insieme con il consigliere Rienzo Azzi. Nel dicembre 2010 presso il Consiglio e la Commissione europea ho presentato due interrogazioni sulla questione. Ed è proseguita con una battaglia di assessori e consiglieri e regionali del Pdl che è giunta anche presso il Consiglio regionale della Lombardia dove è stata depositata una mozione che chiedeva tra laltro lintervento del governo nazionale e la rimozione della Svizzera dalla black list degli Stati a regime fiscale privilegiato.

Tanto più che lo ha già fatto lOcse. Lo scorso 25 luglio – aggiunge Comi – sono intervenuta a Varese allassemblea di un centinaio dei sindaci di frontiera. Che si è chiusa con la sottoscrizione di un documento comune indirizzato al governo che chiedeva di sbloccare la vicenda. E in quella sede, come europarlamentare, ero accompagnata dal deputato svizzero Ignazio Cassis che si è fatto garante, come rappresentante del governo centrale di Berna, della violazione del trattato bilaterale da parte del Canton Ticino. A dimostrazione che la linea del manicheismo è sbagliata. Non è in corso una guerra tra Svizzera e Italia. E che qualcuno abbiamo soffiato sul fuoco giocando sulla pelle dei lavoratori lombardi con campagne denigratorie solo per ottenere vantaggi fiscali a danno dei comuni di frontiera è inaccettabile”.

Source by Daniele_Colombo


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Frontali...-Svizzera
from: ladysilvia
by: Greenpeace