GIUSTIZIA POLITICA: Anche l’imputazione coatta!

Domenica
01:05:41
Settembre
18 2011

GIUSTIZIA POLITICA: Anche l’imputazione coatta!

View 129.7K

word 428 read time 2 minutes, 8 Seconds

Forzasilvio.it - A raccontarla, questa storia, sarebbero davvero in pochi a crederci, se non ci fossero le prove. Invece è tutto vero. Silvio Berlusconi, l’uomo più intercettato illegalmente d’Italia, il capo del governo le cui telefonate private vengono pubblicate in spregio della legge su tutti i giornali per mano di qualche inquirente solerte e intenzionato a farlo cadere per mano giudiziaria, sarà rinviato a giudizio per aver fatto pubblicare un’intercettazione telefonica.

Lo ha deciso il gip di Milano (ma guarda un po’ il caso…), che ha respinto la richiesta d’archiviazione del pubblico ministero ed ha disposto l’imputazione coatta del premier per la pubblicazione sul Giornale di una telefonata (agli atti di un procedimento) fra Consorte e Fassino, nella quale quest’ultimo diceva: “Abbiamo una banca“.

Ricapitolando: negli ultimi tre anni, due Procure (Milano e Napoli) si sono rese protagoniste di inchieste pruriginose sul presidente del Consiglio al solo scopo di provocarne la caduta. Inchieste dove i magistrati che indagano nel migliore dei casi non hanno la competenza, dove i reati neanche esistono e per questo si stanno muovendo come il più classico dei processi di piazza.

Tutto finisce sui quotidiani, malgrado la legge lo vieti espressamente, in modo che se il processo dovesse concludersi (com’è logico che sia) in un nulla di fatto, ne resta lo sputtanamento (mai parola fu più appropriata), l’immagine infangata. Per far ciò, centinaia di intercettazioni, verbali d’interrogatorio, atti riservati sono stati consegnati da qualche “manina“ ai giornalisti, che ne hanno fatto l’uso più spregiudicato possibile, senza un filtro, senza che si levasse una voce contro lo scandaloso metodo.

Berlusconi, che la sinistra forcaiola ha indicato come colui che vuole vivere al di sopra della legge, ormai da tempo vive al di sotto. Nel senso che è l’uomo con meno diritti e garanzie d’Italia. Nei suoi confronti tutto è permesso, nulla è vietato, le regole processuali non esistono, perché non c’è alcuno che sollevi la questione e tenti di difenderlo. Non esiste la segretezza delle sue conversazioni, malgrado sia premier e parlamentare, non esistono correttezze istituzionali di alcun genere, non esiste presunzione di innocenza. Esiste solo una martellante, sistematica, violenta, epocale persecuzione giudiziaria. Persecuzione che oggi si è consumata nel modo più paradossale: lui, l’uomo più intercettato illegalmente d’Italia sarà processato con l’accusa di aver passato ad un quotidiano un’intercettazione.

Questa non è la fine del ciclo berlusconiano, ma è molto di peggio: è la morte di ciò che è stata la culla mondiale del diritto, l’Italia.

foto © Silvia Michela Carrassi

Source by Forzasilvio


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / GIUSTIZI...e coatta!