Sharon: «Per Israele è la battaglia decisiva»

Domenica
23:12:19
Aprile
07 2002

Sharon: «Per Israele è la battaglia decisiva»

Il "no" del premier alle richieste di Bush di ritiro delle truppe
Il capo di Stato maggiore: "l’offensiva durerà altre 8 settimane"

Colin Powell: "Se ci saranno le condizioni incontrerò Arafat"

View 169.4K

word 653 read time 3 minutes, 15 Seconds

TEL AVIV - l’offensiva israeliana andrà avanti per altre otto settimane. Il capo di Stato maggiore dell’esercito, Shaul Mofaz, dà la misura del "no" di Israele al ritiro immediato delle truppe dai Territori occupati, ritiro chiesto ieri dal presidente Bush al primo ministro Ariel Sharon. Quella che Israele sta conducendo è una battaglia decisiva contro il terrorismo e per difendere la sua terra: così Sharon ha esordito nella riunione settimanale del governo, dopo che ieri sera il presidente americano George W. Bush gli aveva chiesto il ritiro dei carri armati. Sharon ha promesso a Bush che farà "tutti gli sforzi possibili per finire quanto prima", ma l’operazione "Scudo di difesa" per ora continua.

"Israele è impegnato in una battaglia decisiva contro il terrorismo, in una battaglia per i nostri luoghi", ha spiegato il premier ai suoi ministri. l’esercito, ha assicurato, "sta conseguendo grandi successi" e si muove "con grande attenzione per non attaccare la popolazione civile", per questo "le operazioni vanno per le lunghe". Parlando poi alla tv pubblica e commentando l’invito di Bus a un "ritiro senza indugi", Sharon non ha escluso la possibilità di "disaccordi" con gli Stati Uniti. "Una delle nostre priorità - ha detto il premier israeliano - è mantenere relazioni con i nostri amici, soprattutto gli Stati Uniti. Ma è vero che talvolta possono esservi disaccordi". "Se tali disaccordi si verificano - ha comunque aggiunto - saranno disaccordi tra amici".

Dal canto suo il presidente Bush comprende la posizione israeliana e il fatto che questo ritiro non possa essere "incontrollato e caotico" per la fretta. Lo ha riferito alla "Cnn" il consigliere per la Sicurezza nazionale Condoleezza Rice. "Bush si aspetta che Israele cominci il ritiro senza indugi ma capisce anche che non può essere incontrollato e caotico", ha detto.

Il portavoce dell’esercito israeliano, Ron Kitrey, ha confermato che Sharon non ha dato per il momento nuovi ordini ai suoi soldati. "Finora non abbiamo ricevuto nuovi ordini dal nostro governo" ha detto Kitrey alla radio militare, mentre i combattimenti non si fermano a Jenin e a Nablus, in Cisgiordania. Altre operazioni avvengono nel villaggio di Beit Rima, presso Ramallah. Secondo il ministro Matan Wilnay (sport) è probabile che in seguito all’appello di Bush Israele decida di non estendere oltre la Operazione (ad esempio, a Gaza) ma che prosegua le attività dove sono già in fase avanzata.

Colin Powell partirà questa sera per la missione che lo porterà in Medio Oriente. E sembra più morbida la sua posizione riguardo a un possibile colloquio con Yasser Arafat. Se nei giorni scorsi il segretario di Stato aveva escluso l’ipotesi di un incontro con il leader palestinese, alla luce dei più recenti avvenimenti ha spiegato che vedrà Arafat "se le circostanze lo permetteranno". In un'intervista alla Nbc, il capo della diplomazia Usa ha detto che si impegnerà "per tutto i tempo e con tutti gli sforzi necessari" a disinnescare la crisi tra israeliani e palestinesi.

Powell ha peraltro minimizzato le speranze della vigilia sul suo viaggio: ha detto che non si aspetta di tornare a Washington con un accordo di pace. "Non sono sicuro neanche che strapperò un cessate il fuoco", ha aggiunto. Il segretario di Stato ha detto di aver parlato poco prima dell’intervista con il premier israeliano Ariel Sharon. "Sharon - ha riferito - comprende il desiderio di Washington per una fine dell’offensiva contro le città palestinesi, ma non ha offerto scadenze precise per il ritiro".

Dopo la riduzione dei contatti con Israele deciso nei giorni scorsi dal presidente Mubarak, oggi l’Egitto è tornato a criticare il governo di Sharon e ad appoggiare l’invito di Bush chiedendo una cessazione "immediata" dell’offensiva militare israeliana contro i palestinesi.

Source by La_Repubblica


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Sharon: ...ecisiva»