l’assurdo silenzio della RAI, Azienda di informazione pubblica

Venerdì
20:21:54
Dicembre
07 2012

l’assurdo silenzio della RAI, Azienda di informazione pubblica

View 133.8K

word 693 read time 3 minutes, 27 Seconds

Roma: Ormai da dieci mesi due nostri Fucilieri di Marina sono prigionieri in India, trattenuti arbitrariamente e contro tutte le norme del Diritto Internazionale e della Convenzione delle Nazioni unite sul Diritto del mare (Montego Bay – 1982 ).

In questo periodo solo sporadiche notizie, flash di Agenzia, apparizioni fugaci di rappresentanti istituzionali sugli schermi televisivi per raccontarci che tutti sono impegnati per riportare a casa i nostri militari e tutti sono a loro vicini con il pensiero.

Nessuno spazio televisivo alla vicenda per informare gli italiani su quanto sta avvenendo, per analizzare laccaduto e trasmettere agli ascoltatori una precisa versione dei fatti che permetta ai cittadini di farsi unidea precisa sulle vicende di due nostri Fucilieri della Marina Militare fermati e trattenuti in uno Stato estero mentre assolvevano un mandato nazionale sancito dal Parlamento italiano. Colleghi di altri militari che ogni giorno rischiano la vita in terre lontane per garantire la sicurezza internazionale ed assicurare laffermazione della pace.

Una #hl=it&tbo=d&sclient=psy-ab&q=Televisione+Pubblica" target="_blank">Televisione Pubblica prodiga invece in tempi recenti a raccontarci per settimane altre vicende di mare come laffondamento della Costa Concordia ed ogni giorno impegnata ad approfondire notizie di gossip o peggio a disquisire anche in fascia protetta di squallide vicende su delitti ormai datati.

Nessuno spazio per i due servitori dello Stato nemmeno fossero militari di unaltra Nazione a vantaggio, invece, di quanto dedicato a semplici turisti incappati in guai proprio in India per loro scelte comportamentali forse avventate e quasi contemporaneamente al momento dellarresto dei due Marò.

Gli italiani sono stanchi di essere trattati come un popolo interessato solo alle gravidanze di personaggi stranieri od ai particolari tatuaggi ostentati in Mondovisione da una showgirl profumatamente retribuita dalla RAI e di non ricevere, invece, dalla Televisione Pubblica informazione e cultura come peraltro la Legge istitutiva dellAzienda prevede. Per questo ho scritto la lettera che riporto di seguito al Direttore Generale della RAI.

Mi risponderà il dott. Gubitosi, attuerà quanto a Lui possibile perché sia colmata questa carenza ? Non mi illudo e forse nemmeno credo che avvenga, ma spero di essere smentito !

"Egregio dott. Luigi Gubitosi, ho letto lo Statuto RAI ed ho preso atto che larticolo 29.3 comma c), riferito alle competenze del Direttore Generale, che come a Lei noto recita testualmente "Assicura in collaborazione con i direttori di rete e di testata la coerenza della programmazione con le linee e le direttive formulate dal Consiglio di Amministrazione”. Direttive che sicuramente il CdA emana nel rispetto della legge 3 maggio 2004 n. 112 sul riassetto della RAI in particolare per quanto attiene agli articoli 4.5.6 ed allarticolo 17 del Capo IV. Ciò al fine di tutelare il diritto dei cittadini di essere informati e di esaltare il compito della Televisione come vettore di cultura ed informazione. Ciò premesso, trovo doveroso segnalarLe che nonostante da 10 mesi lItalia abbia due suoi cittadini prigionieri in India, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone Sottufficiali del reggimento S.Marco della Marina Militare, fermati mentre svolgevano le proprie funzioni di sicurezza secondo un preciso mandato ricevuto dal Parlamento italiano, nessuna trasmissione dellAzienda pubblica da Lei diretta ha dedicato alla vicenda momenti di informazione diversi da qualche sporadico flash di telegiornale, peraltro palcoscenico di ribalta di rappresentanti istituzionali.

Nessun momento di informazione / discussione ed approfondimento sulla sorte dei nostri concittadini in difficoltà ai quali quotidianamente ed in qualsiasi ora sono stati preferiti e continuano ad esserlo argomenti che non è esagerato definire "frivoli” come le notizie di gossip o proponendo e riproponendo commenti su notizie di cronaca ormai datate. Unindicazione questa mia che, fatto salvo ogni mio possibile errore di interpretazione delle Sue prerogative di Direttore Generale, ha lo scopo di portarLa a conoscenza di quella che a mio avviso è una carenza dellazienda RAI in particolare per quanto attiene al contenuto dellarticolo 17.2.b) della sopracitata legge. Si ritiene infatti che proporre una vicenda di rilevanza nazionale in cui sono coinvolti due militari italiani ricada nei concetti di "… educazione, informazione, formazione… ” a cui si riferisce larticolo 17, laddove formare significa anche insegnare trattando tematiche importanti come ritengo sia quella in questione. Fiducioso di aver indotto in Lei motivi di approfondimento nello specifico, Le porgo cordialissimi saluti. Fernando Termentini” (mail@fernandotermentini.it).

#hl=it&tbo=d&sclient=psy-ab&q=Fernando+Termentini&fp=1" target="_blank">Fernando Termentini

Source by Fernando_Termentini


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / l’assu... pubblica