De Pierro, vi spiego il grande inganno di Rivoluzione Civile

Venerdì
22:53:25
Febbraio
22 2013

De Pierro, vi spiego il grande inganno di Rivoluzione Civile

Il presidente dell’Italia dei Diritti e candidato al Senato con Centro Democratico: Il buon Ingroia si è prestato a fare da soccorritore al capezzale di partiti moribondi per cui era suonato da tempo il de profundis, ma che, con questo espediente, nutrono la speranza di accedere agli scranni del Parlamento

View 4.8K

word 735 read time 3 minutes, 40 Seconds

Roma - A una manciata di ore dallinizio delle consultazioni elettorali, che porteranno alle urne tutti gli italiani per lespressione di voto relativa al rinnovo del Parlamento della Repubblica e gli abitanti di Lazio, Lombardia e Molise per il rinnovo dei consigli regionali, Antonello De Pierro, presidente del movimento Italia dei Diritti e candidato al Senato nella lista di Centro Democratico nella circoscrizione Molise, ha deciso, sotto limpulso pressante della propria coscienza civica, di diramare una nota, rivolta in particolar modo a coloro i quali orbitano idealmente intorno alla linea propugnata da sempre dallorganizzazione politica di cui è leader, saldamente ancorata ai nobili principi della legalità, della trasparenza, del rispetto dei diritti e di tutti quei valori che possano garantire la piattaforma coriacea su cui posa saldamente le sue fondamenta una democrazia compiuta, che purtroppo in Italia sono messi quotidianamente in discussione da una pericolosa deriva istituzionale sospinta dalle discutibili condotte di personaggi ineffabili che antepongono costantemente i propri interessi a quelli della collettività. E soprattutto De Pierro si rivolge a coloro i quali si sono lasciati ammaliare dalle effimere e incerte lusinghe di Rivoluzione Civile di Antonio Ingroia.
"So perfettamente che ciò farà perdere molti consensi alla neonata formazione politica capeggiata da Ingroia – ha iniziato il numero uno dellItalia dei Diritti – ma purtroppo la mia coscienza mi impone di intervenire in merito, per evitare che le menti pensanti dei tanti appassionati attivisti abbiano la possibilità di riprendersi dal sopore indotto dalle promesse improbabili dei leader di partito impegnati in questo progetto.
E la stessa coscienza che mi impose, di impegnarmi a smascherare le mele marce in quel partito di galantuomini che era lItalia dei Valori, dove la stragrande maggioranza degli iscritti era animata da grande passione e da genuino impegno politico, ma quotidianamente veniva tradita dal contegno deprecabile di alcune cellule deviate, che alle sue spalle ordivano per soddisfare la propria vocazione di spregiudicati affaristi. Rivendico orgogliosamente il mio contributo, anche se ciò ha smantellato unorganizzazione politica che rappresentava un grosso punto di riferimento per gli italiani onesti. Oggi posso affermare con fierezza che quelleredità labbiamo raccolta noi dellItalia dei Diritti e siamo gli unici a rappresentarla integralmente, con la differenza che tra i nostri esponenti non ci sono personaggi discutibili e non ci sogniamo di imporre nei ruoli dirigenziali individui su cui aleggia qualche ombra di sospetto, come qualcun altro ha commesso lerrore di fare.
Per quanto riguarda Rivoluzione Civile non ci risultano persone discutibili, ci sono fino a prova contraria solo brave persone, però in questo caso linganno non è morale, ma politico, e vi spiego perché. Premetto che nutro profonda stima per Antonio Ingroia, come uomo e come professionista ed è forse questo che ha foderato gli occhi di prosciutto a tutti quelli che, vedendolo come me, sono rimasti ammaliati dal progetto. E da brava persona qual è si è lasciato tentare per fare da specchietto per le allodole ad unoperazione che ha un intento esclusivamente di opportunità elettorale. Infatti il buon Ingroia si è prestato a fare da soccorritore al capezzale di partiti moribondi per cui era suonato da tempo il de profundis, ma che, con questo espediente, nutrono la speranza di accedere agli scranni del Parlamento. Ma purtroppo si tratta di un coacervo di idee e storie profondamente diverse, che non potranno mai legare tra loro.
Abbiamo il dovere, per onestà intellettuale, quella che purtroppo altri hanno accantonato nel frangente, di cercare di risvegliare le coscienze anestetizzate dal miraggio del rinnovamento rappresentato dalla cosiddetta società civile, che di fatto si traduce invece in un riciclaggio politico di facce fin troppo note sul proscenio politico, già condannate a morte dalla storia, ma che aggrappandosi allombrello dellillusione instillata nelle menti di ingenui idealisti, hanno la possibilità di restare a galla nel panorama istituzionale.
E questo il grande inganno da cui gli ignari elettori devono fuggire. Confesso che anche noi inizialmente avevamo guardato con interesse a questo progetto, ma ci è bastato davvero poco per renderci conto dellabbaglio di un bel vestito confezionato senza tessuto politicamente credibile e abbiamo deciso di orientare altrove il nostro bacino di consensi”.

Source by Italymedia.it


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / De Pierr...ne Civile