Il CoLAP lancia il piano del 2016

Giovedì
15:13:53
Dicembre
10 2015

Il CoLAP lancia il piano del 2016

Obiettivo: affermare l’essenzialità delle nostre professionalità per lo sviluppo del Paese.

View 3.8K

word 792 read time 3 minutes, 57 Seconds

Roma – Oggi si è riunito il direttivo del CoLAP, per fare un’analisi delle attività e degli obiettivi raggiunti nel 2015 e per rilanciare un piano per il 2016.Il motto è stato “ed ora tocca a noi!”.

“Finalmente dopo anni di indifferenza, le istanze e le potenzialità dei professionisti associativi –apre la Presidente Alessandrucci - sono risaltati agli occhi della politica e delle Istituzioni, il 2015 è stato un anno importante di formulazione di proposte e di rafforzamento della nostra rappresentanza, ora ci aspettiamo che il 2016 sia l’anno della realizzazione delle proposte e di una riforma seria e strutturale del mondo delle professioni: puntiamo tutto sul testo collegato per il lavoro autonomo e professionale”

Il direttivo ha riflettuto sull’approccio politico che il testo deve avere:
- Il sistema professionale italiano si regge su due gambe: ordini e associazioni, se continuasse su una sola, tornerebbe a zoppicare rallentando enormemente il percorso di crescita. Dobbiamo pensare a provvedimenti equi che riguardino tutti e facciano anche recuperare il gap (di attenzioni e provvedimenti) in cui i professionisti associativi si sono trovati: basta provvedimenti che aiutino i pochi, pensiamo a provvedimenti inclusivi che facciano bene al Paese!
- Nella moderna società della conoscenza il lavoro autonomo e professionale (declinato nelle sue varie forme in costante cambiamento) è un fattore competitivo decisivo, pertanto va supportato, implementato e liberato da vecchi vincoli anacronistici; il ruolo delle associazioni in questo ambito diviene elemento di forza rilevante;
- Nella crescita della consapevolezza sull’importanza strategica delle professioni il lavoro professionale è parte del capitale intellettuale complessivo di una società, e rappresenta sia un’indispensabile risposta alle pressanti esigenze di innovazione sistemica e flessibilità organizzativa, sia una potenziale qualificata serie di opportunità occupazionali
- Il mondo professionale italiano ha bisogno di una riforma strutturale e non di singoli provvedimenti inseriti disordinatamente in un testo, la riforma deve volgere allo sviluppo e alla crescita non solo alla tutela e conservazione, occorre pensare a modelli di lavoro nuovi e innovativi, più vicini alle esigenze del lavoro autonomo e professionale.


“Il CoLAP punta tutte le energie del 2016 sul testo collegato – continua la Presidente - è un’occasione fondamentale per far ripartire il Paese. Abbiamo accolto con entusiasmo la proposta di lavorare su un progetto ampio evitando singoli e isolati provvedimenti, ma con la stessa tenacia per cui ci siamo battuti per avere questa possibilità manterremo alta la nostra attenzione affinché gli impegni presi siano mantenuti: nei tempi, nei contenuti e nelle modalità di condivisione”

Il consiglio direttivo riconosce alla proposta di Statuto del Lavoratore o Jobs Act del lavoro autonomo e professionale un doppio ruolo:
1. Impostare con indicazioni di carattere generale il senso della riforma e gli obiettivi che deve raggiungere (demandando eventualmente a leggi collegate modifiche e integrazioni più specifiche)
2. E al contempo risolvere in modo strutturale (e non solitamente provvisorio!) temi fondamentali per le professioni e per la sopravvivenza di molti dei nostri professionisti e parliamo pertanto di: Previdenza, gestione Fiscale, formazione e accesso ai Fondi Europei, alla luce soprattutto della soppressione dell’emendamento 475 e la promessa di inserimento nel testo collegato appunto. Sul testo che abbiamo ricevuto come prima bozza stiamo già lavorando e riflettendo per dare un contributo serio e costruttivo, c’è molto lavoro da fare.

“All’interno del testo collegato andremo a lavorare – si impegna l’Alessandrucci- per sciogliere molti nodi: il rapporto tra professioni ordinistiche e associative per superare gli inutili e sterili conflitti al fine di divenire uno l’implementazione dell’altro; il rapporto tra liberi professionisti e dipendenti per evitare inutili contrapposizioni sviluppando complementarietà e sinergie; le richieste che l’Europa fa al nostro Paese per rivedere le riserve e contribuire al piano nazionale di riforma delle professioni così come ci chiede la nuova direttiva comunitaria; la determinante valorizzazione del ruolo delle associazioni come: veicoli di innovazione e competenza, garanti nei confronti dell’utenza e interlocutori attivi e propostivi delle Istituzioni”.

In vista di questi ambiziosi obiettivi, il consiglio direttivo del CoLAP, oggi ha deliberato la costituzione di una task force, formata da professionisti e tecnici che avrà l’impegno di lavorare sul testo collegato del Lavoro Autonomo e professionale, perché attraverso esso possiamo davvero pensare ad un futuro di crescita e di equità.

“La coerenza e forza associativa con cui abbiamo sempre operato ha creato ormai – chiude la Presidente Alessandrucci – intorno al CoLAP un clima di fiducia, credibilità e fattività; siamo pronti, come squadra a contribuire alla vittoria del nostro Paese. La voce che diamo all’insieme dei Professionisti associativi è sempre più forte e l’onestà intellettuale e politica con la quale ci siamo mossi premierà i nostri obiettivi”.

Ufficio Stampa CoLAP
Coordinamento Libere Associazioni Professionali
Via Gallonio 18 - 00161 Roma
Tel: 06.44340239 (ore 9-13)

Source by Colap


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Il CoLAP... del 2016