Italia e Svizzera parafano l’accordo sui lavoratori frontalieri

Mercoledì
08:10:04
Dicembre
23 2015

Italia e Svizzera parafano l’accordo sui lavoratori frontalieri

L’Italia e la Svizzera hanno parafato oggi un accordo sull’imposizione dei lavoratori frontalieri, unitamente ad un protocollo che modifica le relative disposizioni della Convenzione contro le doppie imposizioni. Il testo relativo ai lavoratori frontalieri concretizza uno dei principali impegni assunti dai due Stati nella “roadmap” firmata nel febbraio 2015. Il nuovo accordo, che sostituirà quello del 1974, non è stato ancora firmato da parte di entrambi i governi né approvato dai rispettivi parlamenti.

View 135.5K

word 923 read time 4 minutes, 36 Seconds

L'accordo è stato parafato dai negoziatori di entrambi gli Stati a Berna e a Roma. Il testo sarà reso pubblico al momento della firma.
Il presente accordo rappresenta uno sviluppo positivo e costruttivo, poiché concretizza uno degli impegni più importanti assunti da Italia e Svizzera il 23 febbraio 2015, quando entrambi i Paesi hanno firmato una "roadmap" per la cooperazione ed il proseguimento del dialogo sulle questioni finanziarie e fiscali. L'accordo si basa sui punti chiave di tale roadmap e consentirà ad entrambi i Paesi di migliorare l'attuale regime di imposizione dei lavoratori frontalieri.

L'accordo comprende i seguenti principali elementi:

  • è fondato sul principio di reciprocità;
  • fornisce una definizione di aree di frontiera che, per quanto riguarda la Svizzera, individua i Cantoni dei Grigioni, del Ticino e del Vallese e, nel caso dell'Italia, le Regioni Lombardia, Piemonte, Valle d'Aosta e Provincia Autonoma di Bolzano;
  • fornisce una definizione di lavoratori frontalieri al fine dell'applicazione dell'accordo in questione e comprende i lavoratori frontalieri che vivono nei comuni i cui territori ricadono, per intero o parzialmente, in una fascia di 20 chilometri dal confine e che, in via di principio, ritornano quotidianamente nel proprio Stato di residenza;
  • per quanto riguarda l'imposizione, lo Stato in cui viene svolta l'attività lavorativa imporrà sul reddito da lavoro dipendente fino al 70% dell'imposta risultante dall'applicazione delle imposte ordinarie sui redditi delle persone fisiche. Lo Stato di residenza applicherà le proprie imposte sui redditi delle persone fisiche ed eliminerà la doppia imposizione;
  • sarà effettuato uno scambio di informazioni in formato elettronico relativo ai redditi da lavoro dipendente dei lavoratori frontalieri;
  • l'accordo sarà sottoposto a riesame ogni cinque anni.

Con riferimento a Campione d'Italia, l'Italia e la Svizzera hanno convenuto di istituire un Comitato Congiunto al fine di negoziare una soluzione complessiva sulle questioni fiscali e non fiscali. Le due parti hanno inoltre esaminato una serie di possibili soluzioni pragmatiche sulle questioni di fiscalità indiretta. Nei prossimi mesi, con l'obiettivo di trovare una soluzione entro l'estate 2016, i negoziati proseguiranno su due possibili soluzioni: un rimborso forfetario e un contingente limitato ad valorem di merci tracciabile non assoggettato ad imposizione indiretta (IVA, accise e diritti doganali prelevati dalla dogana).

Inoltre, l'Italia ha formulato le seguenti due dichiarazioni unilaterali delle quali la Svizzera ha preso atto:

DICHIARAZIONI UNILATERALI DELL'ITALIA
Clausola di salvaguardia
La firma e il processo di ratifica dell'Accordo sui lavoratori frontalieri sono subordinati all'assenza di ogni forma di discriminazione e alla individuazione di una soluzione "euro-compatibile" nell'adeguare la legislazione svizzera al risultato del voto popolare sull'iniziativa del 9 febbraio 2014.

Dichiarazione sui trasporti
L'Italia e la Svizzera sono fortemente impegnate a sviluppare le infrastrutture di trasporto per adeguare le linee di collegamento fra i due Paesi. In questo quadro generale, l'apertura delle gallerie di base di Alptransit (Lotschberg, San Gottardo e Monte Ceneri) e l'ammodernamento delle linee ferroviarie di accesso, concordato dai Ministri delle Infrastrutture e dei Trasporti nel Memorandum of Understanding del 17 dicembre 2012 e nell'Accordo bilaterale del 28 gennaio 2014, costituiscono un progresso importante.

L'Italia è impegnata, nel quadro dei progressi sulle questioni fiscali relative ai lavoratori frontalieri e allo status di Campione d'Italia, a potenziare - in stretta collaborazione con la Svizzera - i collegamenti e le infrastrutture di trasporto che servono le zone di confine, per ridurre le congestioni nel traffico locale e per migliorare le condizioni complessive dei frontalieri e delle comunità locali.

Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali SFI
Il Consiglio federale avvia la consultazione concernente la revisione della legge sull'aiuto monetario
Berna, 18.12.2015 - In data odierna il Consiglio federale ha avviato la consultazione concernente la revisione della legge federale sull'aiuto monetario internazionale, che durerà fino al 11 aprile 2016. L'obiettivo della modifica di legge è permettere alla Svizzera di continuare a partecipare in modo affidabile alle misure di stabilizzazione del sistema monetario e finanziario internazionale e salvaguardare la sua capacità di reazione e flessibilità.

Con il presente avamprogetto, il Consiglio federale chiede una revisione della legge del 19 marzo 2004 sull'aiuto monetario. La revisione tiene conto dei mutamenti intervenuti nell'economia mondiale e nel sistema finanziario internazionale. Essa intende introdurre due adeguamenti essenziali: l'aumento della durata massima dell'aiuto monetario per i casi di crisi sistemica e l'esplicita partecipazione della Banca nazionale svizzera (BNS) all'aiuto monetario a singoli Stati.

La crisi globale degli ultimi anni ha provocato nell'architettura finanziaria mondiale profondi mutamenti che interessano anche l'aiuto monetario, in particolare nell'ambito del Fondo monetario internazionale (FMI). L'aiuto monetario della Svizzera si orienta in modo determinante agli strumenti del FMI.

L'affidabilità della Svizzera nei provvedimenti di aiuto monetario consolida la sua posizione nel sistema finanziario internazionale e le consente di sostenere in modo credibile ed efficace il suo punto di vista sulle questioni relative alla stabilità finanziaria in seno agli organismi internazionali.

In quanto economia aperta dotata di una piazza finanziaria importante e una valuta propria, la Svizzera dipende dalla stabilità del sistema finanziario e monetario internazionale. Il nostro Paese partecipa già da tempo ad azioni di aiuto internazionali e negli ultimi anni è stato più volte sollecitato a prestare aiuto monetario.

Indirizzo cui rivolgere domande

Beat Werder, capo Comunicazione, Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali SFI
tel. +41 58 469 79 47, beat.werder@sif.admin.ch

Source by MEF


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Italia e...ontalieri
from: ladysilvia
by: Greenpeace