Troppi Attacchi al prof. Umberto Veronesi. Chiarisce Mario Pappagallo

Giovedì
05:10:53
Settembre
01 2016

Troppi Attacchi al prof. Umberto Veronesi. Chiarisce Mario Pappagallo

View 133.0K

word 442 read time 2 minutes, 12 Seconds

Da qualche ora è stato pubblicato su un Social network un presunto attacco non firmato che di fatto scredita a tutto tondo# Veronesi. M. Pappagallo #giornalista, laureato in medicina e scrittore, in risposta chiarisce :

Qualche tempo fa ho letto su un blog un attacco a Umberto Veronesi molto astioso e non firmato (grave). La prima accusa è uno scadensario delle sue affermazioni sulla sconfitta del cancro: calcolando i tempi ora dovrebbe essere stato sconfitto ma così non è, scrive il critico. Vero, ma le proiezioni temporali sono giornalistiche e per Veronesi la sconfitta è anche nel numero dei guariti. Poi viene scritto che non può essere chiamato professore perché non docente.

Questa è osservazione tipica dell'accademia italiana. Senza nulla togliere ai docenti a vita della nostra università (all'estero le docenze sono a termine), chiamare qualcuno professore è tipicamente italiano e mediterraneo. Negli Stati Uniti si ritiene che è un titolo per insegnanti delle loro medie o del loro liceo. In medicina si scrive docente di... e dove. Poi il titolo è dottore in #medicina e l'eventuale specializzazione.

Altra critica velenosa: è chiamato oncologo ma non è specializzato in #oncologia. Forse occorre collocare la persona a quando si è laureato: nel dopoguerra chi si ammalava di tumore non sopravviveva e di solito gli oncologi erano# anatomopatologhi. In questa lunga critica si omette che Veronesi è chirurgo oncologo del secolo scorso insieme a #Fisher: insignito dalla società scientifica americana di oncologia nel 2000. Difficile che gli americani diano onorificienze a chi non lavora negli States e a chi non ha le carte in regola per essere definito chirurgo oncologo.

Nei fatti, non a parole. In Italia non sono pochi i professori specializzati in oncologia che parlano tanto ma fanno poco. Ultima osservazione all'anonimo detrattore, nel 1965 all'Istituto dei tumori di Milano specializzati in chirurgia oncologica non c'erano.

Passiamo invece alla realtà attuale, lasciamo da parte Umberto Veronesi e vediamo quali specialisti lavorano nel nostro Paese: sarebbe un'analisi da fare soprattutto nei campi che permettono guadagni. Per esempio, la chirurgia plastica e ricostruttiva (c'è un'apposita specializzazione) è praticata da #otorini, #dentisti, #oculisti, #ortopedici.

La medicina estetica da medici di medicina generale e anche estetiste. E così via. Solo due specializzazioni sono rigidamente garantite: #anestesia e #rianimazione, #radiologia. Tutto il resto è fuffa: basta la laurea in medicina e chirurgia e si è abilitati a fare tutto. Sono i pazienti che dovrebbero verificare e controllare. Veronesi non avrà la specializzazione da oncologo, ma ha migliaia e migliaia interventi alle spalle. La garanzia dei fatti. #Veronesi non avrà una docenza universitaria, ma ha molto da insegnare a tutti. E a sentire alcuni specializzandi che lo hanno ascoltato in una lezione a Boston è anche molto chiaro.

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Troppi A...appagallo