Allarme: identificato all’Università di Parma il primo ceppo di virus influenza A

Venerdì
09:15:02
Settembre
09 2016

Allarme: identificato all’Università di Parma il primo ceppo di virus influenza A

L’identificazione è avvenuta nell’Unità di Microbiologia e Virologia del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università di Parma

View 163.9K

word 493 read time 2 minutes, 27 Seconds

Bambino sbarcato lo scorso Agosto in Italia con virus influenzale di tipo A. Un ceppo di virus influenza di specie A sottotipo H3 è stato rilevato mercoledì 7 #settembre, con grande anticipo rispetto al periodo epidemico, da un #tampone f#aringeo appartenente a un bambino di tre anni e cinque mesi, ricoverato dal 3 settembre al Dipartimento Materno-Infantile dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma con febbre alta e compromissione bronchiale. Come riferito dal #pediatra, il bambino, nato in #Marocco e residente in Libia, era arrivato in Italia il 28 agosto su un gommone dalla Libia, insieme ai genitori, ed era ospitato in un Centro di Accoglienza territoriale. Il #bambino, dopo reidratazione e risoluzione della febbre, è stato dimesso il 7 settembre 2016.

L’identificazione del virus influenza A/H3 è avvenuta nella Struttura Semplice di Diagnosi #Virologica #Molecolare ed #Epidemiologia, sotto la responsabilità della Prof.ssa Maria Cristina Medici, afferente alla Struttura Complessa di Virologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, diretta dalla Prof.ssa Adriana Calderaro.

Com’è noto, il virus influenza di specie A causa infezione e malattia nell’uomo con circolazione ed episodi epidemici ricorrenti e, nei Paesi a clima temperato, generalmente collocati nella stagione invernale.

Il risultato ottenuto è rilevante non solo dal punto di vista diagnostico, ma anche dal punto di vista epidemiologico, perché sottolinea come la circolazione dei virus influenzali non sia limitata alla sola stagione invernale, in cui si concentra il picco epidemico, ma si estenda a tutti i periodi dell’anno, causando casi sporadici in soggetti, come i bambini, che non avendo fatto esperienza di precedenti infezioni con tali virus sono più suscettibili degli adulti a infettarsi e ad ammalarsi.

La continua circolazione di questi virus favorisce ulteriormente la comparsa di nuove varianti virali che, generalmente, segnano l’inizio della successiva stagione epidemica invernale. La caratterizzazione più precisa del ceppo di influenza A/H3 identificato è attualmente in corso.

Informazioni aggiornate al 5 settembre 2016 dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sulla base dei dati disponibili attestano l’attuale circolazione di virus influenza A (H3N2), ma anche quella di virus influenza A (H1N1), responsabile di pandemia nel 2009, e di virus influenza B, con prevalenze differenti nei diversi paesi. La stessa OMS segnala l’assenza di dati al riguardo relativi al nostro Paese.

La peculiare epidemiologia del virus influenza sottolinea la necessità di attuare una costante sorveglianza delle infezioni virali al tratto respiratorio, applicando metodi diagnostici mirati e altamente sensibili con i relativi controlli di qualità, in uso presso l’Unità Operativa di Virologia sotto la diretta gestione di ricercatori noti alla comunità scientifica internazionale e impegnati nello studio della biologia dei virus influenzali e, in particolare, del rapporto virus-organismo ospite. Grazie a queste competenze scientifiche disponibili nel nostro Ateneo, si è stati in grado di rilevare questo importante agente di infezione in maniera precoce e accurata.

Source by UNIPR


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Allarme:...fluenza A