Saldi al via. Da subito sconti più alti. Un giro d'affari di oltre 5 Miliardi

Martedì
13:30:06
Gennaio
02 2018

Saldi al via. Da subito sconti più alti. Un giro d'affari di oltre 5 Miliardi

Oggi in Basilicata, poi tutti gli altri. Budget medio 150 euro

View 169.1K

word 1.4K read time 7 minutes, 3 Seconds

Inizia il ciclo dei saldi. Da domani in tutta Italia e seguiranno fino a Sabato. Di seguito tutte le regioni e relativi periodi.

Confcommercio, spesa 330 euro a famiglia, giro 5,2 mld - Interessano 15,6 milioni di famiglie, muovono in totale 5,2 miliardi di euro, con un budget a persona di 143 euro e una spesa per ogni famiglia di 331 euro per l'acquisto di capi d'abbigliamento, calzature ed accessori. Sono i numeri dei saldi invernali 2018 che oggi partono in Basilicata, domani in Valle d'Aosta e dal 5 gennaio in tutte le altre regioni, secondo le stime dell'Ufficio studi di Confcommercio. "La spesa per gli acquisti in saldo per valore, secondo le nostre stime - commenta il presidente di Federazione Moda Italia e vicepresidente di Confcommercio, Renato Borghi - sarà leggermente inferiore a quella dell'anno scorso, ma in linea con il momento. Il vero vantaggio sarà per i consumatori non vedere i prezzi dei negozi, dal primo gennaio, con l'Iva al 25%. Il Governo ha fatto bene ad ascoltarci, sterilizzando le clausole di salvaguardia, ma se vogliamo veramente uscire dal tunnel, occorre un maggior sforzo, coraggio e determinazione per ridurre la pressione fiscale, ancora troppo elevata per imprese e famiglie". / ANSA

«Si partirà subito con un 30-40 per cento. Scarpe e maglieria tra le cose più desiderate»
La prima regione a partire sarà la Basilicata, martedì 2 gennaio, cui seguirà la Valle D’Aosta il 3 gennaio. In tutte le altre regioni, Umbria compresa, le vendite di fine stagione scatteranno venerdì 5 gennaio, con l’esclusione della Sicilia che inizierà per ultima sabato 6 gennaio. Secondo l’indagine condotta da Confesercenti in collaborazione con Swg su un campione di 600 commercianti e 1.500 consumatori in tutta Italia, l’adesione di consumatori e negozianti sarà particolarmente elevata: 280 mila attività commerciali, inclusa praticamente la totalità dei negozi di moda e di tessili, che praticheranno subito sconti del 30-40 per cento. Interesse alto anche tra i clienti: circa un italiano su due (il 47 per cento) ha già deciso che approfitterà dell’occasione per fare almeno un acquisto, valutando di investire, mediamente, 150 euro a persona. Un’occasione importante per le imprese del settore tessile che in Umbria sono diminuite nel 2016 del 4,2 per cento. / umbria24

"Quest'anno gli sconti di partenza saranno più alti della media, e i saldi invernali somiglieranno un black friday 'sotto casa', solo più accessibile e di maggiore durata", spiega Roberto Manzoni, presidente di Fismo Confesercenti. "E in più con tutti i vantaggi del negozio tradizionale: conoscere i prodotti ed essere conosciuti dal commerciante, con cui si costruisce un rapporto di fiducia, e poter valutare toccando con mano i prodotti da acquistare. Un'occasione di risparmio per i consumatori, ma anche di vendita per le imprese, che cercano l'inversione di tendenza dopo l'ennesimo anno fiacco. Anche le vendite di Natale, seppure positive, sono state sotto le attese. E senza una ripresa sostenuta, il settore del commercio moda continua a soffrire: nel 2017 sono spariti altri 2.400 negozi, più di 6 al giorno". / AGI

Aderisce un negozio su tre. Trasmettiamo le tabelle relative ai periodi delle vendite di fine stagione risultanti dai provvedimenti adottati in materia dalle Regioni e dai Comuni ai sensi dell’art. 15 comma 3 D. Lgs Bersani n. 114/1998 e ss. (Riforma del commercio).
Si conferma che le Regioni stesse, nel dar seguito all’Accordo siglato in sede di Conferenza con le Province autonome il 24 marzo 2011 e ss. integrazioni, hanno uniformato sulla maggior parte del territorio nazionale la data di inizio dei prossimi saldi invernali al 5 gennaio 2018 (primo giorno feriale antecedente l’Epifania). Resta comunque salva ogni eventuale prossima diversa deliberazione da adottare in merito all’oggetto a cura dei rispettivi Assessorati al Commercio. Si ricorda infine che varie discipline regionali hanno confermato il divieto di effettuare vendite promozionali nel periodo antecedente l’inizio delle vendite di fine stagione.

I SALDI REGIONE PER REGIONE (confesercenti)
ABRUZZO (L.R. n. 11/2008, art. 1, comma 81, s.m.i.)
Due periodi all’anno, determinati dalle camere di commercio entro il 30 novembre.
5 gennaio- 5 marzo 2018
Ciascun periodo ha durata massima di sessanta giorni.
2 gennaio- 2 marzo 2018

Durata 60 giorni. BASILICATA (L.R. n. 19/99, art. 22, s.m.i.)

CALABRIA (L.R. n. 17/99, art. 17, s.m.i.
Periodi e durata determinati con atto della Giunta Regionale.
5 gennaio- 28 febbraio 2018 DGR n. 498/2015)

CAMPANIA (L.R. n. . 1/2014, art. 25, comma 17, s.m.i.)
5 gennaio- 5 marzo 2018 Durata 60 giorni.

EMILIA ROMAGNA (L.R. n. 14/1999, art. 15, s.m.i.- Delib. G.R. n. 725 del 30 maggio 2011 e n. 1804 del 9 novembre 2016)
Periodi determinati con atto della Giunta Regionale.
Dal 5 gennaio 2018
Durata 60 giorni.

5 gennaio- 15 febbraio 2018
Durata massima di sei settimane

LAZIO (L.R. n. 33/99, art. 48, s.m.i.)
LIGURIA (L.R. n. 1/2007, art. 111, s.m.i.- Delib. G.R. n. 456 del 29 aprile 2011)
5 gennaio- 18 febbraio 2018
Durata massima di quarantacinque giorni.

LOMBARDIA (L.R. n. 6/2010, art. 115, s.m.i. - DGR n. 2667/2011).
Due periodi all’anno, determinati dalla Giunta regionale.
Dal 5 gennaio 2018
Durata massima di sessanta giorni.

MARCHE (L.R. n. 27/2009, art. 31, s.m.i., DGR n. 1424 del 23/11/2016)
Il periodo e le modalità delle vendite di fine stagione sono stabiliti dalla Giunta Regionale entro il 30 novembre per le vendite invernali ed entro il 30 maggio per quelle estive.
5 gennaio- 1° marzo 2018

MOLISE (L.R. n. 33/99, art. 16, mod.
Dal 5 gennaio 2018
Durata 60 giorni. LR n. 20/2010 e LR n. 4/2013)

PIEMONTE (L.R. n. 28/99, art. 14, s.m.i.
Due periodi all’anno, determinati dal Comune e compresi fra il 1° gennaio ed il 31 marzo e fra il 1° luglio ed il 30 settembre

TORINO D.G.R. n. 16- 4101 del 24 ottobre 2016)
Dal 5 gennaio 2018
I Comuni fissano annualmente la durata delle vendite di fine stagione fino ad un massimo di otto settimane, anche non continuative. Per la definizione del calendario, i Comuni si raccordano con quelli confinanti.

PUGLIA
(L. n. 11/03, art. 20, s.m.i. - 5 gennaio- 28 febbraio 2018 Regolamento 23/12/04, n 12 - D.G.R. n. 2492 del 15 novembre 2011)
Durata massima sessanta giorni.

TOSCANA (L.R. n. 28/2005 art. 95, s.m.i. - D.G.R. n. 1119 del 15 novembre 2016)
5 gennaio- 5 marzo 2018

UMBRIA (L.R. n. 24/1999 art. 30, s.m.i.- D.G.R. n. 956/2016)
Periodo stabilito con provvedimento della GR avente validità biennale.
Dal 5 gennaio 2018
Durata massima di sessanta giorni.
5 gennaio- 28 febbraio 2018

VENETO (L.R. n. 50/2012, art. 25, s.m.i. - DGR n. 1105 del 28/6/2013)
FRIULI VENEZIA GIULIA (L.R. n. 29/2005, art. 34, s.m.i.).
5 gennaio- 31 marzo 2018
Durata massima 60 giorni.

SARDEGNA
(L.R. n. 5/2006, art. 7, s.m.i. - D.Ass. n. 8 del 15 giugno 2011)
I termini iniziali e finali sono fissati con decreto dell’Assessore regionale competente, sentite le associazioni dei commercianti, dei consumatori e dei comuni.
Dal 5 gennaio 2018

SICILIA
(L.R. n. 9/96, art. 8, s.m.i. - D.Ass. n. 2423 del 19 ottobre 2017).
Le date di svolgimento dei saldi invernali e dei saldi estivi sono stabilite con decreto dell’Assessore regionale competente entro il 30 giugno per il biennio successivo.
6 gennaio- 15 marzo 2018

VALLE D’AOSTA (L.R. n. 12/99, art. 16, s.m.i.)
3 gennaio - 31 marzo 2018
Durata massima cinquanta giorni consecutivi.
Durata massima sessanta giorni.

Prov. di TRENTO (L.P. n. 17 del 30 luglio 2010,
Le vendite di fine stagione possono essere effettuate durante tutto l’anno, previa comunicazione alla Camera di commercio. art. 28, s.m.i.)

Prov. di BOLZANO (L.P. n. 7/2000, art. 10, s.m.i.)
Due periodi all’anno, determinati, per settori merceologici e per zone, dalla Camera di commercio.

1) Distretto di Bolzano:
a) Bolzano, Andriano, Terlano, Nalles, Meltina, Laives, Vadena, Bronzolo, Ora, Egna, Montagna, Termeno, Magrè, Cortaccia, Cornedo, Nova Ponente, Nova Levante, Cortina, Salorno, Aldino, Trodena, Anterivo, S. Genesio, Sarentino, Appiano, Caldaro, Fiè:
5 gennaio- 16 febbraio 2018
b) Renon, Tires, Castelrotto, Ortisei, S. Cristina, Selva Gardena:
17 febbraio- 30 marzo 2018

2) Distretto di Merano e Burgraviato:
Merano, Moso in Passiria, San Leonardo in Passiria, S. Martino in Passiria, Rifiano, Tirolo, Scena, Lagundo, Caines, Parcines, Avelengo, Marlengo, Verano, Plaus, Cermes, Lana, Postal, Gargazzone, San Pancrazio, Ultimo, Proves, Lauregno, Tesimo, Senale/S. Felice, Naturno:
5 gennaio- 16 febbraio 2018

3) Distretto Valle Isarco:
Bressanone, Rio Pusteria, Fortezza, Varna, Rodengo, Naz-Sciaves, Luson, Velturno, Chiusa, Funes, Barbiano, Laion, Ponte Gardena, Vipiteno, Brennero, Racines, Campo di Trens, Val di Vizze, Villandro, Vandoies:
5 gennaio- 16 febbraio 2018

4) Distretto Val Pusteria:

a) Brunico, Perca, Valdaora, Rasun Anterselva, Monguelfo, Valle di Casies, Braies, Villabassa, Dobbiaco, San Candido, San Lorenzo di Sebato, Falzes, Chienes, Terento, Gais, Selva dei Molini, Valle Aurina, Predoi, Campo Tures: 5 gennaio- 16 febbraio 2018

b) Sesto, Marebbe, San Martino in Badia, La Valle, Badia, Corvara:
17 febbraio- 30 marzo 2018
5) Distretto Val Venosta:

a) Curon, Glorenza, Sluderno, Malles, Lasa, Castelbello-Ciardes, Silandro, Laces, Martello, Tubre, Prato allo Stelvio, Certosa, Monte S. Caterina, Madonna:
5 gennaio- 16 febbraio 2018

b) Resia, Stelvio, Maso Corto e S. Valentino alla Muta:
17 febbraio- 30 marzo 2018

Source by Redazione


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Saldi al... Miliardi