Dal Comune 23 milioni di euro per l’efficienza energetica di edifici e impianti privati

Domenica
15:23:54
Maggio
27 2018

Dal Comune 23 milioni di euro per l’efficienza energetica di edifici e impianti privati

Pubblicato il bando per accedere ai contributi. Informazioni allo Sportello Energia

View 4.4K

word 1.1K read time 5 minutes, 32 Seconds

Milano: È online, sul sito del Comune di Milano, il bando per la concessione di contributi, finanziato con 23 milioni di euro a fondo perduto, per interventi di miglioramento dell’efficienza energetica degli impianti termici e degli edifici privati. Il contributo è rivolto a condomìni, società e soggetti privati o pubblici, proprietari di interi edifici.

Attraverso il bando è possibile sostituire gli impianti di riscaldamento a gasolio con sistemi meno inquinanti (metano, pompe di calore, solare, …) e/o installare sistemi di isolamento dell’edificio (cappotto termico, serramenti e tetto).

Numerosi i vantaggi del sistema messo in atto dal Comune: i privati efficientano edifici e impianti senza anticipi di spesa grazie all’accordo con alcune banche che attraverso un finanziamento a condizioni agevolate anticiperanno i costi di realizzazione. Il contributo del Comune si aggiunge alle agevolazioni fiscali statali che consentono di detrarre in 10 anni fino al 75% del valore dell’intervento. Il risparmio sulla spesa per il riscaldamento è immediato. L’efficientamento genera una rivalutazione degli edifici. Inoltre vi sono benefici collettivi: la riduzione degli inquinanti e il miglioramento della qualità dell’aria in città.

Il contributo si inserisce nel programma di investimenti sulla qualità dell’aria e la vivibilità che l’Amministrazione ha da tempo messo in campo. Complessivamente sono stati stanziati circa 32 milioni di euro. I privati hanno già potuto accedere al contributo del ‘bando caldaie’ finanziato nel 2017 con 1,6 milioni di euro per incentivare il rinnovamento degli impianti degli immobili privati nel biennio attualmente in corso: 68 interventi di riqualificazione e/o sostituzione caldaie in corso di realizzazione nel 2018. Inoltre nei mesi scorsi era stato stanziato un contributo di 1 milione di euro per chi ha installato il filtro antiparticolato sul proprio veicolo alimentato a diesel. Entro questa estate verrà pubblicato anche un bando di 6 milioni di euro per la sostituzione dei veicoli immatricolati merci diesel con un mezzo meno inquinante (GPL, metano, elettrico).

Inoltre l’Amministrazione ha già avviato il precorso che porterà all’adozione di nuove regole per il miglioramento della qualità dell’aria e la riduzione di emissioni di polveri nocive (CO2, Pm10, NOx) nell’atmosfera, fra cui il divieto di utilizzo del gasolio per alimentare la caldaia a partire dal 1° ottobre 2023. Attualmente a Milano su un totale di 40mila edifici residenziali sono presenti circa 3.500 impianti di riscaldamento a gasolio.

"Milano sta cambiando e cambierà con maggiore decisione e velocità - dichiara Marco Granelli, assessore all’Ambiente -. Grazie al bando caldaie 2017 e al progetto sharing cities, sono circa 100 gli edifici che abbasseranno il loro impatto ambientale riducendo le emissioni di inquinanti. Ma dobbiamo fare in fretta e moltiplicare gli interventi. Con questo nuovo bando potranno essere finanziati e realizzati nel prossimo triennio 3.900 interventi per un ammontare complessivo dei lavori pari a 700 milioni di euro e una diminuzione di 550 kg di Pm10 all’anno e di 321 kton di Co2 all’anno. Anche il Comune sta facendo la propria parte con i suoi edifici: entro l’autunno 2020 non ci saranno più caldaie a gasolio. Speriamo che anche Regione Lombardia si impegni concretamente e oltre alle parole metta risorse e regole. In 15 anni abbiamo dimezzato i superamenti di Pm10 consentiti, da 160 giorni nel 2002 a 75-80 di questi anni, ma dobbiamo dimezzare ancora senza aspettare altri 15 anni. Per fare questo salto serve una cura straordinaria: noi l’abbiamo messa in campo. Chiediamo a Regione Lombardia e al Governo di sostenerla. Il danno alla nostra salute è una realtà quotidiana".

Tornando ai contributi previsti dal bando appena pubblicato, l’efficientamento energetico dell’edificio si paga da sé già a partire dalla prima stagione termica dopo i lavori. Ad esempio, un edificio di 10 piani con 40 appartamenti e una spesa annuale di combustibile a gasolio di 57.600 euro, potrebbe essere efficientato sostenendo un costo di circa 440mila euro per caldaia e cappotto termico. Immediatamente la spesa per il combustibile subisce una riduzione di circa il 40%, con un ammontare calcolato di 22.596 euro. In questo caso il contributo comunale a fondo perduto è pari a 66.000 euro, la detrazione fiscale statale di 32.000 mila euro, il tasso fisso di interesse per il finanziamento è pari al 4%.

La domanda di partecipazione deve essere presentata al Comune di Milano dall’amministratore di condominio oppure, nel caso di società, dal proprietario unico o legale rappresentante dell’edificio.

Per informazioni e aiuto sulla compilazione delle domande di richiesta del contributo è a disposizione gratuitamente lo Sportello Energia di corso Buenos Aires 22 - angolo via Giovanni Omboni, aperto dal lunedì al giovedì dalle 10:00 alle 12:00. Accessibile anche telefonicamente attraverso l’infoline 02 88468300, attiva dal lunedì al giovedì dalle 10:00 alle 13:00 oppure via mail: impianti.termici@amat-mi.it.

Contestualmente alla pubblicazione sul sito del Comune di tutte le modalità per accedere al contributo, sarà avviata una campagna informativa.

Pagina Bando Efficienza Energetica - BE2 : http://to5.me/1z

Contributo comunale a fondo perduto
Il Comune di Milano ha stanziato 23 milioni di euro di contributo a fondo perduto per interventi di miglioramento dell’efficienza energetica degli impianti termici e degli edifici a beneficio di condomìni, società e soggetti sia privati sia pubblici proprietari dell’intero edificio.

La novità rispetto alle precedenti iniziative è la possibilità per i privati di effettuare gli interventi senza anticipare capitali, oltre a risparmiare sin dal primo anno rispetto alla spesa precedente per il riscaldamento.

Tipologie di intervento
• sostituzione di impianti di riscaldamento a gasolio con sistemi meno inquinanti;
oppure

• installazione isolamento dell’edificio (cappotto termico, serramenti e tetto) e, in eventuale aggiunta, una o più ulteriori misure di efficientamento energetico (installazione di pannelli solari o fotovoltaici, building automation, nuovo generatore termico più efficiente dell’esistente).

Finanziamenti a condizioni agevolate e contributo
E’ possibile richiedere finanziamenti bancari a tassi di interesse agevolato che consentono di avviare gli interventi senza anticipare capitali.
Il contributo oscilla tra il 5 e il 20% del costo dell'intervento.

Detrazioni fiscali
Detrazione fiscale in 10 anni fino al 75% del valore dell’intervento.

Informazioni per presentare domanda
La domanda deve essere presentata dall’Amministratore di condominio o, nel caso di società, dal proprietario unico o legale rappresentante.

Per informazioni e aiuto per la compilazione della richiesta del contributo:
• Sportello Energia, corso Buenos Aires 22 – angolo Via Giovanni Omboni aperto dal lunedì al giovedì dalle 10:00 alle 12:00;

• Infoline 02 88468300, attiva dal lunedì al giovedì dalle 10:00 alle 13:00; • impianti.termici@amat-mi.it

www.comune.milano.it nella sezione Utilizza i Servizi/Ambiente/Energia

Source by Comune_di_Milano


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Dal Comu...i privati