Politica per il clima mondiale - cause dello scioglimento dei ghiacci trascurate

MOVE

MOVE

Sabato
23:34:52
Ottobre
27 2018

Politica per il clima mondiale - cause dello scioglimento dei ghiacci trascurate

View 7.0K

word 825 read time 4 minutes, 7 Seconds

Il 10 ottobre 2017 il fisico dell’atmosfera Kent Moore, professore al Mississauga Campus della University of Toronto, annunciò che secondo dei rapporti si è aperto un enorme buco nella banchisa dell’Antartide. Nella sua estensione maggiore, il fenomeno naturale cinge 80.000 km2, il che corrisponde alla grandezza dell'Austria. “Questo (buco) si trova a centinaia di chilometri dal bordo del ghiaccio. Senza i satelliti non ne saremmo venuti a conoscenza.” disse Moore. Tali aree di acqua marina circondate dalla banchisa si chiamano polinie e secondo il fisico dell’atmosfera sarebbero del tutto consuete nella zona costiera dell’Antartide. Per gli scienziati è ancora un mistero come abbia potuto formarsi quella polinia menzionata all'inizio, la quale è situata profondamente nella banchisa.

In nesso con questo buco nella banchisa antartica, che suscita grande scalpore, c'è un’ulteriore notizia da parte di scienziati dell'Artide che è degna d'essere menzionata: Il quotidiano britannico “The Guardian” l’agosto scorso riferì che secondo una pubblicazione straordinaria della Società geologica di Londra sotto l'enorme corazza di ghiaccio dell’Antartide si troverebbero 91 vulcani attivi fin ora sconosciuti. Questi vanno aggiunti ai 47 già noti. Inoltre la NASA ha scoperto un vecchio super vulcano sotto il ghiaccio, il quale dopo un lungo periodo inattivo sta producendo nuovamente immense colate laviche, riferito così da Hélène Seroussi del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA in Pasadena, California.

Considerando le immense masse di ghiaccio, le eruzioni dei vulcani antartici non ce la fanno ad arrivare in superficie, ma provocano lo scioglimento di enormi masse di ghiaccio e con ciò anche la destabilizzazione della corazza glaciale antartica. Gli scienziati della NASA hanno rappresentato graficamente i fiumi che scorrono sotto il manto di ghiaccio dell’Antartide, formatisi soprattutto in seguito alle attività vulcaniche. Sopratutto l'Antartide occidentale sarebbe particolarmente noto riguardo all'attività vulcanica. Secondo i vulcanologi Maximilian Van Wyk de Vries e Robert Bingham dell’University of Edinburgh, la mancanza della pressione della massa glaciale dovuta allo scioglimento potrebbe provocare una maggior attività dei vulcani. Questo accelererebbe ancora più l'andamento dello scioglimento della corazza glaciale antartica.

Però secondo il Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC), che detto per inciso è stato fondato e chiamato così da degli sponsor privati, sarebbe sopratutto il cambiamento del clima provocato dall’uomo ad essere responsabile dello scioglimento dei ghiacci nell’Antartide. Contrariamente a quest’affermazione i numerosi vulcani potrebbero avere un’importanza non irrilevante riguardo allo scioglimento del ghiaccio - e lo staccamento degli iceberg.

Secondo i climatologi il clima mondiale si troverebbe in un continuo mutamento. Periodi caldi e freddi si alternano senza alcun influsso dell’uomo. Degli scritti del primo medioevo testimoniano di periodi sorprendentemente caldi e agricoltura prospera in Groenlandia. Ciò è documentato in modo plausibile anche dall'esperto climatico tedesco, Prof. Dr. Fritz Vahrenholt, il quale lo spiega con l'attività solare.

In nesso ai periodi caldi sono degne d'essere menzionate anche le leggendarie e molto discusse carte di Piri Reìs. Piri Reìs visse dal 1465 al 1554 e fu un eccellente navigatore, cartografo e mappatore. La famosa mappa del mondo di Piri Reìs del 1513, che rappresenta l’Antartide priva di ghiaccio, fu riscoperta solo quattro secoli più tardi (1929) mentre si effettuavano dei lavori di sgombero nel palazzo di Topkapi a Istanbul. Charles Hapgood, uno studioso del Keene college (USA), fu il primo ad esaminare accuratamente la cartina. Alla fine del 1959 nella biblioteca del congresso di Washington, si imbatté in una cartina di Oronzio Fineo del 1531 che rappresenta l'Antartide altrettanto priva di ghiaccio. Il ricercatore Hapgood fece valutare la cartina di Piri Reis dalla US Air Force. Secondo il rapporto del 1960 della Westover Airforce Base del Massachusetts, la cartina non mostra soltanto le precise linee delle coste e i contorni di tutti i continenti, bensì delinea anche esattamente le attuali caratteristiche topografiche dei singoli paesi come montagne, catene montuose, isole, altipiani e fiumi. Pure l'esatta massa del paesaggio Antartico, il quale oggigiorno è coperto con parecchi chilometri di ghiaccio solido, è come già detto, illustrato privo di ghiaccio. Questo è un ulteriore indizio per i periodi caldi non provocati dal uomo.

È anche noto che nel 13° secolo nel Vallese, in Svizzera, non c’erano ghiacciai. I ghiacciai sono cresciuti nuovamente solo con la piccola epoca glaciale del medioevo dal 1400 al 1850. Oltre a ciò l'umanità è riuscita perfettamente a sopravvivere e a trarre beneficio da questi periodi caldi. Secondo climatologi e storici, Venezia tra il 9° e il 12° secolo, nonostante un periodo caldo e lo scioglimento dei ghiacci, riuscì a diventare una città-stato e importante potenza marittima - anziché affondare nell’acqua di fusione.

La politica climatica che viene accelerata creando panico in base a considerazioni unilaterali, comprese le conferenze al vertice, è estremamente dubbiosa ed ha urgentemente bisogno di un rinnovo. A questo punto sorge la domanda se l'umanità viene ingannata intenzionalmente per filo e per segno. È veramente diventato possibile controllare, spremere e persino ridurre la popolazione con leggi e tasse, solo creando il panico per un presunto cambiamento climatico causato dall’uomo.

Source by KLA_TV


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Politica...rascurate