Progetto LightUp: il Rettore e il Pro Rettore alla Ricerca sul pronunciamento del Consiglio di Stato

Domenica
16:14:31
Gennaio
26 2020

Progetto LightUp: il Rettore e il Pro Rettore alla Ricerca sul pronunciamento del Consiglio di Stato

View 1.8K

word 511 read time 2 minutes, 33 Seconds

Con un’ordinanza del 23 gennaio il Consiglio di Stato ha accolto l’istanza di sospensione in via cautelare delle attività di ricerca del Progetto LightUp, in attesa che il Ministero della Salute fornisca prova dell’impossibilità di trovare alternative alla sperimentazione animale. L’ordinanza sospende l’efficacia della precedente disposizione di primo grado del TAR del Lazio, in attesa della decisione amministrativa definitiva prevista per il 21 aprile 2020.

Come già fatto in passato, desideriamo ribadire che LightUp è un importante progetto di ricerca internazionale e che i ricercatori coinvolti hanno sempre operato e operano nel pieno rispetto del quadro normativo ed etico nazionale e internazionale. Occorre inoltre sottolineare che le prove richieste dal Consiglio di Stato sono già state presentate a tutti gli organi competenti durante l'iter per l’ottenimento delle autorizzazioni necessarie alla selezione e al finanziamento del progetto.

Il progetto LightUp è stato approvato nei suoi aspetti scientifici ed etici dallo European Research Council, dai Comitati etici e dagli Organismi Preposti al Benessere Animale (OPBA) delle Università di Torino e di Parma, oltre che dal Ministero della Salute. Tutti questi organismi indipendenti hanno riconosciuto il valore del progetto e l’impossibilità di perseguirne gli obiettivi di conoscenza e intervento clinico senza una preventiva sperimentazione animale oltre agli studi (non invasivi) su soggetti umani.

Proprio perché già approvata in sede nazionale ed europea, la documentazione richiesta dal Consiglio di Stato risulta già in possesso degli Enti preposti. Non possono essere quindi ravvisate violazioni. Il disegno sperimentale approvato è del tutto in linea con la normativa e con le richieste del Consiglio di Stato, e come tale "riduce entro rigorosi parametri fisiologici le eventuali sofferenze".

In attesa della pronuncia definitiva del Tar del Lazio, che dirà se il progetto potrà continuare, ci preme farci portavoce della preoccupazione diffusa nella Comunità scientifica per la crescente messa in discussione del principio costituzionale della libertà di ricerca; una preoccupazione espressa in diverse occasioni da voci di indiscussa autorevolezza. Ricordiamo solo che la prestigiosa rivista internazionale "Science" ha pubblicato sul suo sito un articolo sulla grave campagna di disinformazione messa in atto da alcune associazioni animaliste nei confronti del progetto LightUp, e che Elena Cattaneo, neuroscienziata di fama internazionale e Senatrice a vita, si è pronunciata definendo il caso "molto preoccupante".

L’auspicio che formuliamo, anche a nome della Comunità accademica dell’Università di Parma, è che la libertà di ricerca, condotta nel pieno rispetto dei principi etici e delle normative vigenti, venga riaffermata al più presto e con chiarezza dalle Istituzioni, e che il principio costituzionale sia garantito. Auspichiamo inoltre che le ricerche condotte presso l’Università di Parma vengano in futuro presentate con oggettività e rigore da parte dei media, per il bene dell’Università stessa, ma ancor di più per salvaguardare il valore della ricerca pubblica che – lo ribadiamo con forza - è un bene universale.


Paolo Andrei, Rettore Università di Parma
Roberto Fornari, Pro Rettore alla Ricerca Università di Parma

Source by UNIPR


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Progetto... di Stato
from: ladysilvia
by: Bocconi
from: ladysilvia
by: Apple