L’idiota e idotizzante dittatura Facebook non ha il diritto di censura, intervento, giudizio e punizione che si arroga

Venerdì
23:55:36
Maggio
07 2021

L’idiota e idotizzante dittatura Facebook non ha il diritto di censura, intervento, giudizio e punizione che si arroga

View 1.0K

word 706 read time 3 minutes, 31 Seconds

Con anni di subdolo e subliminale lavoro di lima sui cervelli della gente, Facebook ha creato una subcultura “addomesticando” le masse al suo volere, una frustata virtuale (avvertimento o sospensione della pagina) qui, una frustatina virtuale là e pian piano, come le pecore che hanno paura di prendere la scossa elettrica del filo spinato, hanno incanalato il gregge ad accettare quello che loro, arbitrariamente e senza alcun diritto di poterlo fare, ritengono che sia giusto, secondo un loro modello e questa è una grave imposizione. Molte persone sono impaurite dal potere di queste aziende, per il fatto che questi strumenti di comunicazione siano diventati essenziali per i contatti con gl’altri esseri umani e se te lo tolgono, perdi questa possibilità di comunicare con la società; è l’insolazione, quasi il carcere, perché tagli fuori un individuo dalla vita e dalla comunicazione virtuale che ormai è parte della quotidianità e questo è un potere enorme. Ma la società contemporanea è ormai talmente assuefatta e vidiotizzata che accetta il fatto che dei social come Facebook, che sono solo delle aziende, possano in modo arbitrario intervenire, giudicare e punire, tramite la sospensione o la chiusura della pagina, creando quindi di fatto una esclusione sociale secondo la loro legge, fabbricata su un modello che loro ritengono giusto ma che non è e non può essere universale. Gli “utenti”, ormai quasi videodipendenti dallo schermo e ai quali manca solo un’antenna piantata direttamente nel cervello per completare il quadro, accettano in modo passivo il fatto che per contestare le decisioni di aziende come Facebook, l’unico modo è di passare da un tribunale, anche perché la loro amministrazione ignorante e strafottente (quella di Facebook), molto semplicemente non risponde ai messaggi. Ma se il mondo non fosse sempre più vidiotizzato fino a raggiungere i livelli governativi, questa situazione di dittatura da parte di certi social, come appunto Facebook, non sarebbe accettata e non sarebbe legale, perché la firma virtuale di accettazione delle loro condizioni d’uso e delle loro regole non ha nessun valore, in quanto è imposta e non è trattabile, o firmi o sei tagliato fuori. Ma cosa ancora più importante, il loro giudicare, censurare e le loro punizioni sono assolutamente illegali ovunque esista ancora la semplice logica, in quanto nessun Governo mondiale ha delegato Facebook o altri social network affinché assurgesse a tribunale; quindi la logica dice semplicemente che dovrebbe essere Facebook a portarti davanti a un tribunale di Stato se vuole prendere dei provvedimenti nei confronti dei suoi utenti e non l’utente a dover portare Facebook in un tribunale per ottenere giustizia; solo degli idioti possono accettare che una azienda privata si permetta di stabilire cosa sia giusto o non giusto; solo degli idioti possono accettare di essere giudicati da un social network, perché qualsiasi comportamento asociale o anche criminale deve essere giudicato solo da un tribunale vero e proprio ed è inammissibile che sia comunemente accettato che un social si possa arrogare quel diritto, perché non lo ha. Inoltre esiste un senso generale di rassegnazione perché perdipiù Facebook e i suoi simili aziendali, si nascondono dietro a degli algoritmi informatici, quindi c’è la sensazione di dover fare una guerra ai robot quando protesti per una imposizione, solo che questi algoritmi hanno sempre dietro un essere umano responsabile per averli decisi, richiesti o programmati; non è un robot a governare l’azienda, quindi chi rappresenta l’azienda e l’amministra ai vari livelli, rimane responsabile e conseguentemente sono assolutamente responsabili di un vastissimo abuso di potere e soprattutto di essersi arrogati poteri giudiziari che non gli competono, anche nei casi, come quello della Repubblica Italiana, dove è la Polizia a gestire pseudo-segretamente il sito, perché il fatto che sia un social di un’azienda privata non muta, anzi l’abuso in questi casi è maggiore perché sono delle istituzioni a violare dei diritti. La cosa più ridicola è che esistano Stati e governi succubi di una situazione che, essendo di parte, influisce nell’andamento delle cose, politica inclusa. Tutto ciò a mio avviso è semplicemente idiota, inammissibile e illegale, perché nessuna Nazione ha mai accettato che uno Stato delegasse a un’azienda come Facebook un potere sostanzialmente giudiziario.

Matteo Cornelius Sullivan

Source by Partito_della_Alternativa_Monarchica


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / L’...si arroga
from: ladysilvia
by: UNIPR
from: ladysilvia
by: AIFA