Gianluigi Paragone a Cagliari: “No green pass e vaccino di Stato, i bambini non si toccano”

MOVE

MOVE

Mercoledì
13:46:30
Agosto
18 2021

Gianluigi Paragone a Cagliari: “No green pass e vaccino di Stato, i bambini non si toccano”

SEGUICI SU TELEGRAM

View 733

word 802 read time 4 minutes, 0 Seconds

“Il parlamentare e leader di ItalExit raduna 500 persone in piazza Garibaldi: “Basta discriminazioni, Draghi è un incappucciato: i virologi predicano in tv dalla mattina alla sera, uno di loro è pronto per l’Isola dei famosi. Dopo le amministrative il Governo renderà il vaccino obbligatorio anche per gli insegnanti, noi diciamo no”. Gianluigi Paragone arriva anche a Cagliari per continuare a tenere alta l’attenzione sulla raccolta firme della sua #ItalExit contro il green pass. Il parlamentare riesce a radunare cinquecento persone in piazza Garibaldi, e arringa la folla per circa venti minuti al grido di “libertà, no al green pass e al vaccino di Stato. Se il vaccino contro il Covid non è obbligatorio, infatti, si può chiamare solo così.” è quanto viene pubblicato sulla testata giornalistica castedduonline.it

L'annuncio del 14 Agosto del suo arrivo a cagliare per Il Senatore e leader di Italexit Gianluigi Paragone è stato pubblicato su SardengaLive lo scorso 14 Agosto "GIANLUIGI PARAGONE A CAGLIARI MARTEDÌ 17 AGOSTO In attesa dell'arrivo del Senatore, proseguirà la raccolta firme contro il green pass."

Oggi nella sua diretta di Youtube, ribadisce il fatto che i media non ne danno voce e che continuerà con la sua campagna contro il gree pass. Nella diretta affronta il problema della terza dose e su come pare che queste dosi portino alla quarta e poi alla quinta, come un vero aggiornamento delle precedenti vaccinazioni come “un download” e poi segue dicendo “sta terza dose di preciso da dove arriva?”, “era già in programmazione...!?”, pare che si stia andando verso... e segue nel dire “vaccinazione di stato, che è quella non obbligatoria che fanno diventare obbligatoria”, e segue “nessuno ne ha saputo alcunché!”.

Mette l'accento sul sospetto che “che il sospetto di una terza dose, il sospetto di una vaccinazione di massa sia un qualcosa che continua a difettare di trasparenza, che non vuole mai passare attraverso i canali di discussione, di verifica”, “com'è che la gente poi si sta inc....ndo, com'è che la gente ha paura, com'è che la gente e restia a non vaccinarsi almeno che non a mettano con una pistola alla tempia, a quel punto se devo lavorare sono costretto in qualche modo a vaccinarmi.”, “però vedete che l'atteggiamento di ribellione perché anche ieri a Cagliari eravamo tantissimi c'è ed è una notizia, anche se poi i giornali fanno finta di nascondere queste piazze ,che si riempono e si raccolgono le firme”

Guarda la diretta del senatore: L’inganno della terza dose e l’asservimento della stampa “Voce del Padrone”


Nel suo blog affronta l'argomento vaccini in modo diretto;

I vaccini spaventano anche i medici: sulle chat corrono dubbi e sospetti

“Insicurezze, perplessità, un generale senso di abbandono. Non soltanto i pazienti che ricevono il vaccino ma anche medici e infermieri che si incaricano della somministrazione vivono da tempo, ormai, momenti di ansia e incertezza. E non lo nascondono, come testimoniato dagli scambi che avvengono all’interno della comunità “Medici italiani”, che conta poco meno di 100 mila iscritti. Professionisti molto attivi sui social e che nelle ultime settimane si interrogano soprattutto sulle conseguenze dei farmaci nei pazienti, alle volte anche gravi. La Verità ha pubblicato alcuni scambi avvenuti all’interno del gruppo che ben testimoniano il clima che si respira. Un radiologo toscano chiede, per esempio: “Vorrei sapere se nella vostra esperienza avete notato una maggiore incidenza di trombosi delle vene gemellari in pazienti giovani e in apparente buona salute”. Una ginecola di Roma risponde: “Io ho un sessantenne con embolia polmonare”. Annalisa Amati, medico di base a Cuneo, spiega che il gruppo è nato soprattutto per scambiare informazioni preziose al momento dell’arrivo del Covid in Italia, quando ancora si sapeva pochissimo del virus. Ora, però, l’attenzione è tutta sui vaccini e i loro effetti. La stessa Amati, per esempio, porta all’attenzione dei colleghi il caso di un paziente affetto da psoriasi ma in remissione da anni, che dopo il vaccino “ha presentato recrudescenza con chiazze in tutto il corpo che non rispondono a terapia cortisonica”. Dall’alto, dalle istituzioni, di risposte d’altronde non arrivano. E così i medici si confronto tra loro di fronte a ogni evento imprevisto, chiedendosi se possano esserci correlazioni tra reazioni, a volte anche molto violente, e i farmaci che al momento vengono somministrati agli italiani. Costretti dallo Stato a navigare a vista. Un pediatra di Bologna chiede, per esempio, se sia il caso di fare la seconda dose di Pfizer a una sessantenne che dopo la prima “si è ritrovata con un edema sulla lingua, ipotensione e astenia profonda”. Ci si confronta tra colleghi, ci si consiglia, si esprimono dubbi. Medici e infermieri abbandonati a loro stessi, costretti ogni giorno a improvvisare, a confrontarsi con l’imprevisto dietro ogni angolo. Mentre il governo continua a ricattare gli italiani per costringerli a vaccinarsi, senza se e senza ma.” / www.ilparagone.it

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Gianluig...occano”