Coordinamento 15 ottobre: Oggi 23 ottobre, incontro con il ministro Patuanelli. Facciamo chiarezza

Sabato
00:27:15
Ottobre
23 2021

Coordinamento 15 ottobre: Oggi 23 ottobre, incontro con il ministro Patuanelli. Facciamo chiarezza

View 1.1K

word 749 read time 3 minutes, 44 Seconds

Trieste - Oggi alle ore 09:00 una delegazione del Coordinamento 15 ottobre incontrerà l’inviato in rappresentanza del Governo, il ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli. L’incontro sarà riservato.

L’esito dell’incontro sarà comunicato alle ore 11 in una conferenza stampa convocata in piazza dell’Unità d’Itali, dove sono stati invitati tutti i giornalisti. Nel comunicato n° 2/2021, il coordinamento 15 ottobre comunica che, risponde all’appello delle decine di migliaia di cittadini italiani che chiedono quali saranno le iniziative che verranno intraprese nei prossimi giorni in vista dell’ incontro programmato a Trieste di sabato 23 ottobre con i rappresentanti del Governo.

Innanzitutto ribadiamo l’invito a tutti i cittadini, che comprendono e sostengono questa battaglia di democrazia ad animare, con le associazioni, i molti comitati ed i loro gruppi, piccoli o grandi che siano, le piazze d’Italia che indicheremo. La nostra speranza è che non solo Trieste, ma molte città in tutta Italia manifestino il forte dissenso popolare contro il decreto governativo del Green Pass e l’obbligo vaccinale.

Pertanto, indichiamo nella giornata di venerdì 22 ottobre la data in cui queste piazze dovranno essere pacificamente riempite e ringraziamo, fin da ora, tutti coloro che lo faranno: dai semplici cittadini, alle famiglie, a tutte quelle associazioni che in questi mesi sono confluite spontaneamente nei molti raduni ed appuntamenti autorizzati, pacifici, perché questo è il carattere che contraddistingue, da sempre, il vero spirito dell’operare di tutti noi. I nostri valori sono la solidarietà, la giustizia, l’amore per la libertà e la tutela sociale ed economica del lavoro come dei lavoratori. Questi sono i temi che ancora una volta porteremo nelle piazze. Questo non è il momento delle divisioni o dei protagonismi, ma dell’unione e dello spirito comunitario. E’ essenziale per il bene comune che tutta Italia ritrovi lo spirito dello stare insieme per obiettivi comuni.

Nel comunicato de 22 ottobre si riporta quanto segue: I PORTUALI NON SONO RITORNATI A LAVORARE

Sta girando in rete un video dove un certo avvocato Lillo Massimiliano Musso afferma che i portuali non ci sono più e che sono tornati tutti a lavorare.

Ci piacerebbe conoscere quali sono le sue fonti. Riconfermiamo quello che abbiamo sempre detto dall’inizio che noi portuali triestini siamo per la libertà di scelta e quindi è dall’inizio che alcuni nostri colleghi hanno scelto liberamente di presentarsi al lavoro e lo abbiamo sempre detto senza nascondere nulla. Noi citiamo l’articolo apparso oggi sul quotidiano locale Il Piccolo dove si parla delle problematiche del porto. “L’operatività del porto va avanti a marce ridotte: la causa va cercata proprio nella sovrabbondanza di presunti ammalati e nel numero significativo di lavoratori che non sono vaccinati e continuano a non fare il tampone per protesta passiva.” Questa è la parte dove l’articolo parla dell’ALPT “mentre ne conta una trentina senza Green pass e quindi automaticamente sospesi dal lavoro, dallo stipendio e dal versamento di contributi, ma senza conseguenze disciplinari.” E questa è la parte dello stesso articolo con la dichiarazione di Trieste Marine Terminal (molo VII per intenderci): “Ieri si sono recati al lavoro 200 dei circa 270 portuali previsti nei quattro turni sulle 24 ore.” I portuali triestini non mollano e se qualcuno pensa che noi abbiamo fatto un passo indietro si sbaglia noi vogliamo che la protesta sia di tutti i cittadini e lavoratori di ogni categoria e che non sia una protesta dei portuali triestini come, pure, vogliamo che la protesta sia di tutti gli italiani e che non sia un “ma tanto protesta solo Trieste”. Inoltre, non riusciamo ancora a capire cosa ci sia di tanto difficile a comprendere quale sia la differenza tra no vax e no green pass. Perché citare Stefano Puzzer, ma poteva esserci chiunque di noi portuali già vaccinato ma contrario a questo ricatto, perché era alla guida della protesta essendo un vaccinato?

I portuali triestini sono contro il GREEN PASS e l’obbligo vaccinale. LA GENTE COME NOI NON MOLLA MAI

Coordinamento 15 ottobre è un organismo di “pacifici e ghandiani” che rappresenta i cittadini contro l’obbligo vaccinale e il Green pass e che porterà avanti quindi le manifestazioni. I portavoce sono il portuale Stefano Puzzer e Dario Giacomini, noto medico no vax di Vicenza, primario radiologo sospeso dall’Ordine, presidente dell’associazione Contiamoci, nata per i sanitari sospesi. Ne fa parte anche lo psichiatra Marco Bertali. “Non scenderemo a patti con nessuno - ha spiegato #Stefano-Puzzer - Andremo avanti fino a quando non verrà tolto il #Green-pass”.

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Coordina...chiarezza