Romaeuropa: dal 2 al 4 novembre i Rimini Protokoll con un nuovo format dedicato alla sostenibilità e alla cooperazione globale

Lunedì
19:02:30
Novembre
01 2021

Romaeuropa: dal 2 al 4 novembre i Rimini Protokoll con un nuovo format dedicato alla sostenibilità e alla cooperazione globale

View 1.3K

word 687 read time 3 minutes, 26 Seconds

La compagnia tedesca Rimini Protokolltorna al Romaeuropa Festival dal 2 al 4 novembre al Mattatoio, in Prima nazionale, per un nuovo format dedicato alla sostenibilità, alla cooperazione globale, al dialogo tra differenti conoscenze, all’incontro con il pubblico. La Conferenza degli assenti non è solo uno spettacolo ma anche una conferenza internazionale capace di accadere senza l’impiego di viaggi, emissioni di CO2 o collegamenti internet ma trovando nel teatro il “medium” ideale per la vicinanza, lo scambio e la condivisione.

Una tele-performance che utilizza i mezzi sensoriali e tattili del teatro sostituendoli all'estetica a schermo piatto delle presentazioni PowerPoint delle comuni conferenze. Nessun relatore internazionale viaggerà per chilometri in aereo per presentare le proprie teorie o testimonianze, limitandosi invece a consegnare le proprie presentazioni ai cittadini delle città in cui La conferenza degli assenti prende luogo.

Il team di registi e sceneggiatori di Rimini Protokoll (solo un membro della compagnia raggiungerà la città di destinazione) mette in scena insieme al pubblico queste presentazioni: biografie, storie, pensieri e posizioni politiche degli assenti vengono rappresentate ogni sera, incarnate nei corpi delle spettatrici e degli spettatori, eterodiretti e guidati da un copione.

«Quali sono le diverse forme di assenza? Dove e quando siamo assenti? Cosa comporta l’assenza? Quando è una benedizione e quando una maledizione?». La telepresenza da digitale si trasforma in una presenza performativa che modifica e altera le regole della rappresentanza: in scena le parole di scienziati e filosofi e le tesi contraddittorie sulle conseguenze della globalizzazione sono consegnate al teatro e al suo pubblico. Le spettatrici e gli spettatori diventano allora “avatar”, degli esperti assenti, assumendone le idee e acquisendo giocosamente le biografie dei rappresentati. L’assenza crea uno spazio per nuove iscrizioni e prospettive inaspettate, mentre la regia a distanza di Rimini Protokoll dà vita a un gioco teatrale fatto di traduzioni e di corpi. Strumenti per veicolare e discutere le problematiche del nostro presente. «Dopo mesi di presenza ridotta dei corpi in tutto il mondo e la totale assenza di spettatori dal teatro, riconsegniamo lo spazio teatrale - insieme al palcoscenico - al suo pubblico. A differenza delle solite pièce, non ci sarà alcun cast definito. La domanda di chi rappresenta cosa, rimane ogni volta nella dimensione della probabilità. Chi rappresenterà chi questa sera, in questa performance e in questo spazio? (…) Guardiamo il palcoscenico, una persona tra noi, sentiamo una storia che non è sua, ma che viene rappresentata per gioco, solo per un momento. Ma come viene influenzata la nostra percezione su ciò che viene detto a seconda della persona che sta parlando? Il suo aspetto, la sua voce, la sua performance cambiano la nostra percezione del contenuto? E come ciò che viene detto cambia la percezione che abbiamo di una persona? Infine, come la stessa rappresentazione, trasforma coloro che “stanno rappresentando”?» si chiedono ancora i Rimini Protokoll.

Bio

Helgard Haug, Stefan Kaegi e Daniel Wetzel hanno fondato il collettivo Rimini Protokoll nel 2000 e da allora hanno declinato il loro lavoro in più ambiti disciplinari. Opera dopo opera hanno ampliato i mezzi del teatro per creare nuove prospettive sulla realtà. Rimini Protokoll spesso sviluppa le proprie opere teatrali o le proprie installazioni performative e i propri spettacoli audio insieme a esperti che hanno maturato le proprie conoscenze e competenze al di là del teatro. Inoltre, il collettivo ama provare a riprodurre le strutture sociali nel formato teatrale. Molte delle loro opere sono caratterizzate dall’interattività e da un uso giocoso della tecnologia. Dal 2003 l’ufficio di produzione di Rimini Protokoll è a Berlino.

Crediti

Ideazione / testo / Regia: Helgard Haug, Stefan Kaegi, Daniel Wetzel
Scena / Video e design luci: Marc Jungreithmeier
Sound design: Daniel Dorsch
Ricerca / Drammaturgia: Imanuel Schipper, Lüder Pit Wilcke
Con la voce di: Lisa Lippi Pagliai
e le voci in ear di: Daniele Natali e Evelina Rosselli
Cooperazione per l’educazione politico-culturale: Dr. Werner Friedrichs
Direzione di produzione: Epona Hamdan
Assistenza alla drammaturgia: Sebastian Klauke
Assistenza alla regia: Lisa Homburger e Maximilian Pellert
Assistente di scena: Maksim Chernykh
Assistente alla produzione: Federico Schwindt
Una produzione Rimini Apparat
In co-produzione con Staatsschauspiel Dresden, Ruhrfestspiele Recklinghausen, HAU Hebbel am Ufer (Berlin) and Goethe-Institut.




Source by Rockitalia


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Romaeuro...e globale
from: rockitalia
by: Rockitalia
from: ladysilvia
by: Governo