Un misterioso “Disco” trovato in Egitto contraddice tutta la storia conosciuta

MOVE

MOVE

Giovedì
05:13:53
Dicembre
30 2021

Un misterioso “Disco” trovato in Egitto contraddice tutta la storia conosciuta

View 1.0K

word 729 read time 3 minutes, 38 Seconds

Ciò che rende più misterioso di questo personaggio è la reliquia trovata nella sua tomba: uno strano disco di 5.000 anni fa. Potrebbe essere la radice dell'enigmatica città "Star of the Family of Horus".

Il misterioso disco trovato in Egitto sta contraddicendo tutta la storia conosciuta.

Il 10 gennaio 1936, Bryan Emery, un egittologo britannico, si interessò agli scavi, nelle aree intorno al fiume Nilo. Qui trovò la tomba di un misterioso principe di nome Sabu, in essa trovò un misterioso disco che sta facendo riscrivere la storia per come ci è stata insegnata fino ad oggi.

Il disco nella tomba del principe Sabu

Dopo aver iniziato gli scavi a Saqqara, a circa 1,7 chilometri a nord della piramide di Djoser, Emery si imbatté in una tomba funeraria a 7 camere. Nella più grande, Sabu fu sepolto insieme a vari oggetti funerari.

Tuttavia, ciò che ha attirato maggiormente l'attenzione è stato un misterioso disco che, in quel momento, era rotto. Dovevano stare molto attenti durante la ricostruzione, poiché il materiale era molto fragile. Tuttavia, il lavoro è stato ripagato.

Per cominciare era fatto di scisto, una roccia molto porosa e fragile, quindi la tecnica utilizzata deve essere precisa e molto attenta.

Per gli esperti, è estremamente incredibile e, addirittura, improbabile, che gli egiziani di 5.000 anni fa abbiano potuto scolpire quell'oggetto. Soprattutto per i dettagli molto particolari, impossibili da fare a mano.

Si ritiene che fosse una specie di girante per una pompa centrifuga. Ha cercato di sostenere la sua teoria mettendolo in un alloggiamento e pulsando ad alta velocità. Nell'asse centrale, l'acqua scorreva con facilità.

C'era anche il fatto che, ad un certo punto della storia antica, l'Egitto era totalmente dipendente dall'irrigazione. Tuttavia, neanche questa ipotesi è stata confermata.

C'è un'altra ipotesi altrettanto valida, ma molto più controversa; il famoso teorico, Erich von Däniken, dichiarò che avrebbe potuto essere una replica egiziana del propulsore di un'astronave aliena. O un modello in scala di un disco volante.

Il misterioso disco trovato in Egitto contraddice tutta la storia

Un oggetto di un altro mondo?

Sebbene questa teoria abbia portato molte polemiche, diversi esperti hanno cercato di dare una spiegazione logica al disco di pietra, ma nessuno è stato davvero in grado di verificare nessuna delle sue teorie.

Se scolpito nella roccia porosa, ha una grande tendenza a sbucciarsi o se una tecnica o uno strumento viene usato in modo sbagliato, si sgretolerebbe completamente. Questo è ciò che la scienza deve risolvere Chi ha scolpito quel disco in questo modo?

Il canone tradizionale ci dice che la ruota fu introdotta in Egitto alla fine del Medio Regno, nel 1840 a.C. C. Con l'invasione degli Hyksos, che lo usarono nei loro carri da guerra.

Com'è possibile che questa ruota o questo disco sia apparso 1.000 anni prima? E la cosa più strana in una tomba?

Il foro nel mezzo suggerisce che faceva parte di un meccanismo complesso, aggiunto ad esso, la sua costruzione e il design dovevano essere sconosciuti all'epoca.

Le ipotesi suggeriscono che si trattasse di un tentativo di replicare un oggetto metallico osservato, inoltre, doveva essere di grande importanza. È l'unico motivo che spiega perché fosse nella tomba di un principe.

Gli esperti continuano a cercare di capire cosa fosse e come l'hanno costruito. Nel frattempo continuano ad apparire teorie e ipotesi: cos'era veramente quel disco di 5000 anni fa?

Descrizione

Il manufatto in ardesia o scisto [ 1 ] ha la forma di una ciotola poco profonda, con un diametro di 61 centimetri e un'altezza massima di 10,6 centimetri. Al centro ha un foro del diametro di circa 8 centimetri. Dal bordo esterno tre "ali" radialmente simmetriche si sollevano verso l'interno fino al foro centrale, ripiegato. Visto dall'alto ricorda un volante a tre razze. [ 2 ]
Fu trovato nella tomba di Sabu , il 19 gennaio 1936, dall'archeologo britannico Walter Bryan Esmeril. Era una tomba a mastaba , composta da un totale di sette camere. Nella "sala E", nella camera funeraria centrale, è stato rinvenuto il "disco" accanto allo scheletro di Sabu, originariamente sepolto in una bara di legno. [ 3 ] L'oggetto è stato spezzato in più frammenti [ 4 ] ed è stato successivamente restaurato. Attualmente ha il numero di inventario JE 71295 in una vetrina nella stanza 43 del Museo Egizio del Cairo .Riferimenti

Riferimenti

  1. La tomba di Sabu e la ciotola "Schist" trilobata. www.bibliotecapleyades.net , 25.
  2. George R. Hughes: The Oriental Institute Archeological Report on the Near East.
  3. Walter B. Emery: Grandi tombe della prima dinastia.
  4. Walter B. Emery: Grandi tombe della prima dinastia.

fonte www.ufospain.es

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Un miste...onosciuta