Pierpaolo Sileri: lo stato d'emergenza non sarà prorogato. Non arretra: ''Vi renderemo la vita difficile''.

MOVE

MOVE

Lunedì
02:28:26
Gennaio
31 2022

Pierpaolo Sileri: lo stato d'emergenza non sarà prorogato. Non arretra: ''Vi renderemo la vita difficile''.

Sileri: "Ecco perché lo stato d'emergenza non sarà prorogato"

View 895

word 86 read time 0 minutes, 25 Seconds

Video: Il sottosegretario alla Salute interviene a La7: “Chi non rispetta le regole è pericoloso”. Poi assicura: “Green Pass sarà rimodulato con l’andamento della pandemia fino alla sua scomparsa”.

Sileri contro i "no vax" e "no green pass": “Vi renderemo la vita difficile, siete pericolosi” Pierpaolo Sileri un convintissimo pro-vax « difendendo le misure adottate dal governo ha detto chiaro e tondo: "Noi, per tutelare gli italiani, vi renderemo la vita difficile come stiamo facendo. Questo perché il vaccinato e chi non rispetta le regole è pericoloso. Punto".»

C'è luce in fondo al tunnel del Covid. Il sottosegretario Sileri, invita come di consueto a non abbassare la guardia ma spiega che siamo arrivati al punto in cui "inizia la discesa della curva". "I ricoveri ci sono ma scenderanno di più nelle prossime settimane. Calerà anche il dato dei decessi, che risente probabilmente di un computo che andrebbe spiegato meglio" afferma Sileri. Referendosi alla variante Omicrom, che provoca una malattia meno severa dalla Delta, per cui molti morti contabilizzati come "Covid" in realtà sono deceduti per altre cause, magari da positivi asintomatici. Secondo i dati dell'ISS, ad esempio, solo un decesso su quattro sarebbe avvenuto in terapia intensiva. "Gran parte" dei decessi riguardano "persone con fragilità, non vaccinate o vaccinate ma già in fine vita per altre malattia" spiega l'esponente del governo di Mario Draghi.

Mascherine all’aperto, regioni a colori, discoteche, scuole: cosa succede a fine mese

Entro fine mese potrebbe arrivare un parziale allentamento delle restrizioni legate all’emergenza pandemica. Il governo è chiamato a decidere se prorogare o meno le misure contenute nel decreto anti-covid che scadono il 31 gennaio 2022. Pierpaolo Sileri: «L’alta percentuale di vaccinati e il virus meno temibile ci permettono una rimodulazione delle regole. Siamo in una fase di transizione ma nelle prossime settimane ci sarà un cambiamento radicale della nostra vita, un progressivo ritorno alla completa normalità. Va rivista la durata del Green pass per chi ha completato il ciclo vaccinale. Bisogna anche rimodulare le regole per la scuola visto che anche tra i ragazzi e le ragazze aumentano i vaccinati». Ma vediamo nel dettaglio quali sono gli interventi possibili.


L’ipotesi più accreditata è il mantenimento della sola zona rossa per i territori in emergenza. Nessun passaggio di colore è al momento previsto dato il monitoraggio settimanale. Restano in zona bianca Basilicata, Molise e Umbria mentre Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Sicilia, Valle Aosta rimangono in arancione. Tutte le altre regioni sono in zona gialla.

Nonostante diversi paesi, come la Francia, abbiano deciso di togliere l’obbligo, il nuovo decreto dovrebbe includere una proroga delle mascherine all’aperto.

Le scuole - È in arrivo anche una novità sulle quarantene scolastiche. «Nei casi di positività che fanno scattare la Dad i ragazzi si intendono in auto sorveglianza e non più in quarantena», questo chiarimento potrebbe arrivare con una circolare nelle prossime ore secondo il sottosegretario alla salute Andrea Costa intervenuto su Radio 24. Previste solo lezioni a distanza per un determinato periodo e non l’autoisolamento.

Le discoteche apriranno a marzo - Il nuovo decreto dovrebbe includere anche una proroga per la chiusura delle discoteche in scadenza il 31 gennaio, che potrebbero quindi riaprire solo dal 31 marzo con la fine dello Stato di emergenza. Gli operatori del settore chiedono però la riapertura a gran voce e giudicano insufficienti gli aiuti stanziati da Decreto Sostegni Bis e Ter.

Le multe - Da febbraio arriva poi la stretta per i no vax over 50. Dal primo febbraio scatta infatti la sanzione di 100 euro per chi non si è immunizzato e ha più di 50 anni. Dal 15 febbraio se ne aggiungerà un’altra fino a 1500 euro per i lavoratori.

Nessuna proroga dello stato di emergenza dopo la data del 31 marzo. Dopo due anni di buio e restrizioni, dunque, sembra intravedersi la luce anche in Italia. Soltanto pochi giorni fa, commentando la situazione del nostro Paese, Sileri aveva auspicato un alleggerimento delle misure, ormai necessario. Una revisione da effettuare nelle prossime settimane, data la diminuzione dei casi collegati al Sars-Cov-2. "Stiamo raggiungendo il plateau, il che significa che avremo ancora dei contagi alti per qualche giorno poi inizieranno a scendere come nel Regno Unito", aveva dichiarato il sottosegretario a Domenica In. "Vaccinazione e infezioni hanno determinato un richiamo per una gran parte della popolazione italiana, richiamo naturale con infezione o richiamo col booster come abbiamo fatto per 30 milioni di Italiani".

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Pierpaol...ficile''.