Lunedì
16:08:42
Marzo
28 2022

Provvedimento cautelare nei casi concernenti accuse mosse contro giudici polacchi

La Corte europea dei diritti dell'uomo ha deciso di indicare un provvedimento cautelare nelle cause Synakiewicz c. Polonia (ricorso n. 46453/21), Niklas-Bibik c. Polonia (n. 8687/22), Piekarska Drÿÿek c. Polonia (n . . 8076/22) e Hetnarowicz-Sikora c. Polonia (n. 9988/22).
I ricorrenti sono giudici polacchi, attivamente coinvolti nel lavoro delle associazioni giudiziarie. Rischiano tutti la sospensione per aver applicato, nelle proprie decisioni giurisdizionali, la giurisprudenza della Corte europea e le pronunce della Corte di giustizia dell'Unione europea relative, in particolare, alla Sezione disciplinare della Corte di Cassazione e al Consiglio nazionale del Magistratura (NCJ).
Il 22 marzo 2022, la Corte ha deciso di indicare al governo polacco, ai sensi dell'articolo 39 del regolamento della Corte, di notificare a esso e ai ricorrenti un preavviso di 72 ore dalla data di qualsiasi udienza (rozprawa) o a porte chiuse (posiedzenie) prevista nelle cause dei ricorrenti dinanzi alla Sezione Disciplinare della Suprema Corte.
La Corte ha respinto il resto delle domande di provvedimenti urgenti dei ricorrenti.
Provvedimenti ai sensi dell'articolo 39 del Regolamento della Corte sono decise nell'ambito del giudizio dinanzi al Tribunale, senza pregiudicare eventuali successive decisioni sull'ammissibilità o sul merito della causa. La Corte accoglie tali richieste solo in via eccezionale, quando i ricorrenti andrebbero altrimenti incontro a un rischio reale di danno irreversibile. Per ulteriori informazioni, consultare la scheda informativa sulle misure provvisorie e misure provvisorie emesse di recente nel caso Wróbel c. Polonia (n. 6904/22).

View 2.0K

word 2.2K read time 10 minutes, 45 Seconds

I quattro giudici, nelle loro decisioni giurisdizionali, hanno applicato la giurisprudenza della Corte europea e le pronunce della Corte di giustizia dell'Unione europea relative, in particolare, alla Sezione disciplinare della Suprema Corte e ritenuto che il Consiglio nazionale del La mancanza di indipendenza della magistratura ha compromesso la legittimità di un tribunale composto da giudici nominati su sua raccomandazione* . Di conseguenza, ciascuno di essi è stato accusato dal rappresentante disciplinare aggiunto per i giudici dei tribunali ordinari (Zastÿpca Rzecznika Dyscyplinarnego Sÿdziów Sÿdów Powszechnych), con lo stesso illecito disciplinare di aver commesso “atti od omissioni che possono impedire o ostacolare in modo significativo il funzionamento del sistema giudiziario autorità” e “azioni che mettano in discussione l'esistenza del rapporto ufficiale di un giudice, l'efficacia della sua nomina o l'autorità costituzionale della Repubblica di Polonia”. Sono inoltre accusati di reato penale di abuso di potere (passibile a una pena detentiva fino a tre anni).

In tutti i casi, in varie date, sono stati emessi ordini di "interruzione immediata" delle funzioni giudiziarie dei ricorrenti (natychmiastowa przerwa w czynnoÿciach sÿuÿbowych) sulla base della legge sull'organizzazione dei tribunali ordinari. Per quanto riguarda la sig.ra Piekarska-Drÿÿek e la sig.ra Hetnarowicz Sikora, gli ordini sono stati emessi dopo che i ricorrenti sono stati accusati di illeciti disciplinari. Nel caso della sig.ra Niklas- Bibik e del sig. Synakiewicz, è stata disposta la “pausa immediata” prima che venissero presentate le accuse disciplinari. Dopo 30 giorni, i ricorrenti hanno potuto riprendere ciascuno il loro doveri ufficiali. Tuttavia, la Camera di disciplina può, in ogni momento, deliberare la sospensione delle funzioni giurisdizionali dei ricorrenti fino alla pronuncia definitiva delle loro cause.

La sospensione delle funzioni giudiziarie di un giudice comporta “automaticamente” una riduzione del 25-50% della sua retribuzione. Le risoluzioni sulla sospensione possono essere pronunciate in una sessione a porte chiuse piuttosto che in un'audizione pubblica e la notifica non è necessariamente data in anticipo. Il procedimento a carico dei ricorrenti è in corso dinanzi alla Sezione Disciplinare della Suprema Corte. Nessun altro organo può riesaminare le delibere della Camera di disciplina e nessun ricorso per cassazione avverso la decisione finale sarà disponibile. In caso di sospensione dei ricorrenti, la sospensione sarà immediatamente esecutiva, ricorso alla Camera disciplinare di secondo grado senza effetto sospensivo (articolo 131, comma 4, della legge del 2001 (come modificata nel 2019)).

I giudici hanno depositato le loro richieste di provvedimenti urgenti alla Corte europea nel febbraio 2022.

Hanno chiesto, tra l'altro, di aver sospeso i ricorsi in corso nei loro confronti presso la Sezione Disciplinare della Suprema Corte fino alla completa attuazione da parte del Governo dell'ordinanza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea del 14 luglio 2021 (causa n. C-204 /21R) e la sentenza di tale tribunale del 15 luglio 2021 (causa n. C-791/19) o ha nominato un collegio di giudici della Corte suprema raccomandato dal NCJ operante prima del 6 marzo 2018 per esaminare i loro casi. Hanno sostenuto che le loro cause saranno esaminate dalla Sezione Disciplinare della Suprema Corte, negando loro così il diritto di essere sentiti da un "tribunale istituito per legge", e sostengono che vi è un grave rischio che lo svolgimento del procedimento dinanzi alla Disciplina Camera comporterà la loro sospensione. Inoltre, affermano che l'ordinanza di un'interruzione immediata dei loro doveri professionali ha creato un effetto raggelante, con un impatto negativo sull'indipendenza della magistratura in Polonia. Si basano in particolare sugli articoli 6 § 1 (diritto a un equo processo) e 8 (diritto al rispetto della vita privata e familiare) della Convenzione europea dei diritti dell'uomo.

Il 22 marzo 2022 la Corte ha deciso di indicare al governo polacco, ai sensi dell'articolo 39 del regolamento della Corte, che avrebbe dovuto dare a esso e ai ricorrenti un preavviso di almeno 72 ore dalla data di qualsiasi udienza (rozprawa) o a porte chiuse sessione (posiedzenie) prevista nelle cause dei ricorrenti dinanzi alla Sezione Disciplinare della Suprema Corte.

Misure provvisorie

Questa scheda informativa non vincola la Corte e non è esaustiva

Articolo 39 (provvedimenti sommari) del Regolamento della Corte recita come segue:

“1. La Camera o, se del caso, il Presidente di Sezione o un giudice di turno nominato ai sensi del comma 4 del presente articolo, possono, su istanza di parte o di altro interessato, o d'ufficio, indicare alle parti eventuali provvedimento cautelare che ritengono debba essere adottato nell'interesse delle parti o del corretto svolgimento del procedimento.

2. Ove ritenuto opportuno, la misura adottata in un caso particolare può essere data immediata comunicazione al Comitato dei Ministri «del Consiglio d'Europa».

3. La Camera o, se del caso, il Presidente di Sezione o un giudice di turno nominato ai sensi del comma 4 del presente articolo, possono chiedere informazioni alle parti su ogni questione connessa all'attuazione del provvedimento cautelare indicato.

4. Il presidente della Corte può nominare vicepresidenti di sezione giudici incaricati di pronunciarsi sulle richieste di provvedimenti urgenti”.

Cosa sono le misure provvisorie?

La Corte europea dei diritti dell'uomo può, ai sensi dell'articolo 39 del suo Regolamento della Corte, indicare misure provvisorie a qualsiasi Stato parte della Convenzione europea dei diritti dell'uomo.

I provvedimenti cautelari sono provvedimenti urgenti che, secondo la prassi consolidata della Corte, si applicano solo in presenza di un rischio imminente di danno irreparabile. Tali provvedimenti sono decisi nell'ambito del giudizio dinanzi al Tribunale senza pregiudicare eventuali successive decisioni sull'ammissibilità o sul merito della causa in esame.

Nella maggior parte dei casi, il ricorrente chiede la sospensione dell'espulsione o dell'estradizione.

La Corte accoglie le richieste di provvedimenti urgenti solo in via eccezionale, quando i ricorrenti andrebbero altrimenti incontro a un rischio reale di danno grave e irreversibile1.

Tali provvedimenti sono poi indicati al Governo resistente. Tuttavia, è anche possibile che la Corte indichi le misure ai sensi dell'articolo 39 ai ricorrenti2.

La prassi della Corte consiste nell'esaminare ciascuna richiesta su base individuale e prioritaria mediante una procedura scritta3. I ricorrenti e i governi sono informati delle decisioni della Corte sui provvedimenti provvisori. Il rifiuto di applicare l'articolo 39 non può essere impugnato.

La durata di un provvedimento cautelare è generalmente fissata per coprire la durata del procedimento dinanzi alla Corte o per un periodo più breve.

L'applicazione dell'articolo 39 del Regolamento della Corte può essere interrotta in qualsiasi momento con decisione della Corte. In particolare, poiché tali provvedimenti sono connessi al procedimento dinanzi alla Corte, possono essere revocati in caso di mancato accoglimento del ricorso.

sintesi: Ambito delle misure provvisorie scarica il PDF

In pratica, le misure provvisorie sono applicate solo in un numero limitato di aree4 e la maggior parte riguarda l'espulsione e l'estradizione. Di solito consistono in una sospensione dell'espulsione o dell'estradizione del richiedente per tutto il tempo in cui la domanda è in esame.

I casi più tipici sono quelli in cui, qualora l'espulsione o l'estradizione avvenga, i ricorrenti temerebbero per la propria vita (aggiungendo così l'articolo 2 (diritto alla vita) della Convenzione europea dei diritti dell'uomo) o andrebbero incontro a maltrattamenti vietati dall'art. 3 (divieto di tortura o di trattamenti inumani o degradanti) della Convenzione5. In via più eccezionale, tali misure possono essere indicate in risposta a talune richieste concernenti il diritto a un equo processo (articolo 6 della Convenzione)6, il diritto al rispetto della vita privata e familiare (articolo 8 della Convenzione)7 e la libertà di espressione. (Articolo 10 della Convenzione)8.

Nella giurisprudenza della Corte così com'è, l'articolo 39 del Regolamento della Corte non trova applicazione, ad esempio, nei seguenti casi: per impedire l'imminente demolizione di patrimonio9, insolvenza imminente o esecuzione di un obbligo di servizio militare; ottenere la scarcerazione di un ricorrente che si trova in carcere in attesa della decisione della Corte sull'equità del procedimento; assicurare lo svolgimento di un referendum10; prevenire lo scioglimento di un partito politico11; o per congelare l'adozione di costituzionali modifiche concernenti la durata del mandato dei membri della magistratura12.

* Sentenze della Corte europea e della Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE) in cause riguardanti vari aspetti della riorganizzazione del sistema giudiziario polacco avviata nel 2017. Si veda, ad esempio, Reczkowicz c. Polonia (n. 43447/19) di luglio 2021.

** La Corte europea dei diritti dell'uomo è stata istituita a Strasburgo dagli Stati membri del Consiglio d'Europa nel 1959 per occuparsi di presunte violazioni della Convenzione europea dei diritti dell'uomo del 1950.

1. Nella causa Rackete e altri c. Italia (n. 32969/19), ad esempio, la Corte ha deciso, nel giugno 2019, di non indicare al governo italiano un provvedimento cautelare che imponga che i ricorrenti (cittadini del Niger, Guinea , Cameron, Mali, Costa d'Avorio, Ghana, Burkina Faso e Guinea-Conakry) essere autorizzati a sbarcare in Italia dalla nave Sea-Watch 3; al tempo stesso, tuttavia, la Corte ha indicato al Governo che si affidava alle autorità italiane per continuare a fornire tutta l'assistenza necessaria alle persone a bordo di Sea-Watch 3 che si trovavano in una situazione vulnerabile a causa della loro età o stato della salute (vedi comunicato stampa del 25 giugno 2019).

2 Ad esempio, nel caso Ilaÿcu e altri c. Repubblica di Moldova e Russia, dove la Corte ha chiesto a uno dei ricorrenti di fermare uno sciopero della fame (vedere paragrafo 11 della sentenza della Grande Camera dell'8 luglio 2004). Vedi anche Rodiÿ e altri c. Bosnia ed Erzegovina sentenza del 27 maggio 2008. Più recentemente, nella causa Saakashvili c. Georgia (n. 54641/21), attualmente pendente dinanzi ad essa, la Corte ha esortato il ricorrente a sospendere lo sciopero della fame e, allo stesso tempo, ha indicato di al governo della Georgia di informarlo sullo stato di salute attuale del ricorrente, di garantire la sua sicurezza in carcere e di fornirgli cure mediche adeguate per il periodo di convalescenza successivo allo sciopero della fame (cfr. comunicato stampa del 16 novembre 2021)

3. Si vedano, ad esempio, in merito al ricorso Navalnyy c. Russia (n. 4743/21), attualmente pendente dinanzi alla Corte, i comunicati stampa del 17 febbraio 2021 (link) e 19 aprile 2021 (link).

4. Sulla questione dell'applicazione delle misure cautelari nei casi interstatali, in situazioni di conflitti armati, si veda la scheda “Conflitti armati”.

5. Si vedano, ad esempio, i comunicati stampa del 7 dicembre 2021 (link) e 21 febbraio 2022 (link), per quanto riguarda richieste di provvedimenti provvisori sulla situazione alle frontiere con la Bielorussia. Vedi anche, sotto, pp. 2-7.

6. Nel febbraio 2022, ad esempio, nella causa Wróbel c. Polonia (n. 6904/22), la Corte ha indicato un provvedimento cautelare, chiedendo al governo convenuto di garantire che il procedimento relativo alla revoca del ricorrente – una Corte suprema giudice – l'immunità giudiziaria soddisfa i requisiti di un "equo processo" come garantito dall'articolo 6 § 1 della Convenzione, in particolare il requisito di un "tribunale indipendente e imparziale stabilito dalla legge", e che nessuna decisione in merito alla sua immunità essere adottato dalla Sezione Disciplinare della Suprema Corte fino alla definitiva determinazione delle sue censure da parte della Corte Europea (vedi comunicato stampa del 9 febbraio 2022). Si veda anche il comunicato stampa del 24 marzo 2022 relativo all'indicazione da parte della Corte di provvedimenti cautelari nei procedimenti aventi ad oggetto giudici polacchi.

7. Vedi sotto, pp. 7-10, per esempi.

8. Si veda, ad esempio, il comunicato stampa del 10 marzo 2022, relativo al ricorso nella causa ANO RID Novaya Gazeta e altri c. Russia (n. 11884/22).

9. Si veda, ad esempio, il comunicato stampa del 1 settembre 2020 concernente il caso Upravlinnya Krymskoyi Yeparkhiyi Ukrayinskoyi Pravoslavnoyi Tserkvy (ramo di Crimea della Chiesa ortodossa ucraina del Patriarcato di Kiev) c. Russia, in cui la Chiesa ricorrente ha chiesto alla Corte di indicare misure provvisorie per impedire alle autorità russe di sgomberarlo dalla sua sede principale, una cattedrale a Simferopol, e dalla demolizione di un altro dei suoi edifici.

10. Cfr . comunicato stampa del 21 dicembre 2007 relativo all'uso improprio della procedura dei provvedimenti provvisori.

11. Ad esempio, nella causa Sezer c. Turchia, la Corte ha respinto una richiesta di adozione di un provvedimento provvisorio per impedire alla Corte costituzionale turca di ordinare lo scioglimento dell'AKP (Adalet ve Kalkÿnma Partisi – Partito per la giustizia e lo sviluppo) (vedi comunicato stampa del 28 luglio 2008).

12. Cfr . comunicato stampa dell'8 luglio 2020 relativo al caso Gyulumyan e altri c. Armenia


Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Provvedi... polacchi