Delitto Cogne, Anna Maria Franzoni è stata condannata a 30 anni di reclusione

Martedì
13:28:15
Luglio
20 2004

Delitto Cogne, Anna Maria Franzoni è stata condannata a 30 anni di reclusione

View 133.7K

word 491 read time 2 minutes, 27 Seconds

Delitto Cogne, Anna Maria Franzoni è stata condannata a 30 anni di riclusione

TORINO - Anna Maria Franzoni è stata condannata ieri sera a 30 anni di carcere per l’omicidio del figlio Samuele Lorenzi, ucciso a Cogne nel gennaio 2002 all’età di tre anni.

La sentenza è stata emessa dal gup (giudice dell’udienza preliminare) di Aosta Eugenio Gramola al termine di un processo con rito abbreviato e dopo un'arringa della difesa durata quasi sei ore.

La pm Stefania Cugge, durante la requisitoria, aveva chiesto per la Franzoni -- 33 anni -- una condanna a 30 anni di carcere per omicidio, mentre il difensore della donna, Carlo Taormina, aveva chiesto l’assoluzione.

Il legale della Franzoni ha definito la sentenza "inaspettata", annunciando che ricorrerà in appello.

Il rito abbreviato -- che dà diritto allo sconto di un terzo della pena -- prevede che il gup emetta direttamente la sentenza di primo grado al termine di un processo a porte chiuse.

l’omicidio del bambino, avvenuto nella villetta di famiglia della tranquilla località sciistica della Val d'Aosta, ha sconvolto l’opinione pubblica per la sua efferatezza, dividendola tra innocentisti e colpevolisti ed ha acceso un dibattito sulla opportunità della sua spettacolarizzazione.

La Franzoni, che ha sempre dichiarato la sua innocenza, ha dato alla luce nel gennaio 2003 il suo terzo figlio, Gioele, dopo il primogenito Davide di sette anni e Samuele.

LE SUPER-PERIZIE
Nel corso dell’udienza preliminare, che aveva preso il via il 26 aprile scorso, sono state prese in considerazione le super-perizie effettuate dai tre esperti Piero Boccardo, Herman Schmitter e Vincenzo Pascali, rispettivamente sul frammento osseo ritrovato sulla manica del pigiama della Franzoni, sulle macchie di sangue e sulle tracce di dna sugli zoccoli indossati dalla donna.

In particolare, il risultato del lavoro effettuato dal tedesco Schmitter aveva dato ragione alla tesi dell’accusa, sostenendo che la persona che aveva colpito la vittima era inginocchiata sul letto e indossava i pantaloni del pigiama della donna.

l’arma con cui è stato ucciso Samuele non è mai stata trovata. Secondo le perizie il bimbo sarebbe stato colpito alla testa ben 17 volte.

TAORMINA: STANOTTE FAREMO IL NOME DELl’OMICIDA
"È una sentenza assolutamente inaspettata, la professionalità e la correttezza del magistrato mi avevano fatto propendere per il rito abbreviato per non trovarmi di fronte a una giuria popolare condizionata dalla battaglia massmediatica", ha detto a Reuters Taormina subito dopo la sentenza.

Taormina ha annunciato che la Franzoni sta per fare il nome dell’assassino. Già mesi fa l’avvocato aveva detto che la sua cliente conosceva l’identità dell’omicida e l’avrebbe svelata.

"La Franzoni mi ha appena telefonato e mi vuole vedere questa notte stessa, ed è determinata a dire il nome [dell’assassino]", ha spiegato Taormina.

Il difensore della Franzoni ha annunciato il ricorso in appello. "La sentenza non rispecchia assolutamente gli atti processuali, ma purtroppo la logica dei diversi Porta a porta e compagni hanno influenzato tutti".

Reuters

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Delitto ...eclusione
from: ladysilvia
by: AIFA