Tra quindici anni niente più record alle Olimpiadi, il limite umano è stato raggiunto

Lunedì
00:06:33
Settembre
13 2004

Tra quindici anni niente più record alle Olimpiadi, il limite umano è stato raggiunto

View 134.1K

word 484 read time 2 minutes, 25 Seconds

Molto probabilmente entro i prossimi quindici anni sarà inutile guardare la finale dei cento metri piani alle Olimpiadi e sperare di assistere al superamento dell’ennesimo record. Infatti, secondo alcuni ricercatori, il limite delle capacità umane è ormai stato raggiunto e a meno che non ci siano importanti novità di carattere tecnico sarà davvero difficile per gli atleti battere il record di velocità .

Almeno questo è quello che sostengono tre ricercatori europei che questa mattina a Stoccolma nel corso del meeting Esof 2004 hanno illustrato il loro nuovo sistema per valutare le possibilità fisiche di ogni atleta di raggiungere determinati risultati.

"Quello che abbiamo fatto - ha spiegato Lennart Kaijser del Karolinska Institutet di Stoccolma - è stato valutare e mettere insieme tra loro i fattori che servono per poter conseguire buoni risultati durante la corsa e di mettere insieme tra loro questi fattori. Il risultato è un sitema che può dirci per ciascuno di noi le nostre proprie capacità atletiche". In pratica il professor Kaijser, insieme a Bengt Saltin, del Copenhagen Muscle Centre e Bo Berglund responsabile della squadra olimpica svedese, hanno valutato sia le capacità di trasporto dell’ossigeno da parte del sangue del singolo atleta, la sua capacità di trasformare l’ossigeno in energia, la loro diversa composizione genetica e, infine la loro composizione muscolare sia in termini di massa che di lunghezza delle fascie. Il mix di questi fattori da come risultato il limite delle capacità di ciascuno di loro. "Sono convinto - ha spiegato l’esperto in fisiologia muscolare di Copenhagen - che ormai gli atleti abbiano raggiunto i limiti umani. Lo dimostrano anche i risulati delle ultime competizioni atletiche dove i tempi registrati nelle gare si stiano abbassando in maniera sempre meno rapida.

Abbiamo anche provato a fare una stima per vedere quanto tempo ancora dovremo aspettare prima di non vedere più nessun record. Secondo i nostri calcoli dovrenbbe essere tra circa quindi anni". Ma le valutazioni dei tre esperti europei valgono soprattutto per quelle discipline che sono in qualche modo connesse alla corsa, e quindi anche per il salto in alto e per il salto in lungo. "Una dimostrazione evidente delle nostre teorie - ha spiegato Saltin - è che negli ultimi tempi i record, per esempio nel salto in alto sono stati abbattutti in coincidenza con l’introduzione di nuove tecniche di salto".

Diverso invece il discorso per quanto riguarda il nuoto. "Per il nuoto noi crediamo che ci siano nuovi spazi per abbattere i record anche quelli che sembrano essere piu’impegnativi come i cento metri a stile libero" ha infatti spiegato Kaijser. "Il nuoto - ha concluso - è infatti un'attività che potremmo definire innaturale e che è fortemente condizionata dalla tecnica, molto più delle altre discipline sportive, e quindi la scoperta di nuove tecniche di respirazione così come di nuovi stili, potrebbe contribuire sensibilmente ad accelerare i tempi".

Lanci

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Tra quin...raggiunto
from: ladysilvia
by: AIDO